• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Preferisci che i candidati


  • Votanti
    144

allberto

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Ciao ragazzi, io ho fatto il corso per diventare agente immobiliare, ho provato a fare l'esame ma purtroppo non l'ho passato. E' stata una prova assurda con domande difficili da interpretare; mi è sembrato che non ci fosse molta voglia di promuovere. Premetto che ho fatto l'università e sono abbastanza allenato allo studio.
Unico mio grande errore è che non ho portato il codice civile durante le prove.
Oltre al danno la beffa di non poter rifare l'esame per i 6 mesi successivi, un'assurdità!!! Non ne trovo il motivo, soprattutto perché si paga circa 80 euro ogni test. Mi sembra un modo assurdo per non licenziare molti nuovi agenti.
Non è normale che (parlo di Bergamo) passi solo il 3%, soprattutto perché pur passando a pieni voti, non si hanno assolutamente le conoscenze per fare l'agente immobiliare.
Aumenterei innanzitutto le ore obbligatorie, farei stilare i contratti ad ogni singolo iscritto, li metterei davanti al vero lavoro da agente, obbligherei ad almeno 3 mesi di pratica presso un'agenzia (che sarebbero 3 mesi di lavoro sottopagati).
La possibilità di utilizzare il praticantato, la seconda opzione della legge, mi avrebbe fatto molto comodo ma purtroppo, non (hanno voglia) si decidono a completarla.


Ciao a tutti
Alberto
 

mosca

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
La Legge prevede un accesso binario:
corso ed esame
oppure praticantato con verifica finale.
Il secondo canale di accesso non è stato mai attivato.
Chiarire e puntualizzare il significato della parola "verifica" sarebbero utile nel caso di attivazione del canale. Cosa che i rappresentanti della Fimaa e Fiaip vorrebbero tentare in occasione della formalizzazione dei decreti attuativi del Decreto di recepimento della direttiva servizi.
Verifica cosa starebbe ad indicare? Una prova pro forma del tutor presso l’agenzia dove si è svolta la pratica oppure un esame selettivo presso un organismo indipendente, quale Camera di Commercio?
Io ricordavo che la norma parlava di "praticantato con corso " e non verifica finale :shock:
Il voler o meno inserire un esame di verifica finale è stato motivo di discussione tra le 3 associazioni che non trovando un accordo di fatto hanno arenato la norma :rabbia:
 

Seroli

Membro Senior
Agente Immobiliare
se non si sa' passare l'esame di Agenti Immobiliari bisogna rivolgersi alla struttura sanitaria locale per farsi curare......forse all'associazione che non va bene tenere un esame finale, sa' con chi ha a che fare dei suoi.....
 

allberto

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Beh, caro Seroli, gli esaminatori del corso erano disponibili ad aiutarci ma c'erano domande che non riuscivano ad interpretare neppure loro.

Poi quando dico che il 3% passa, penso sia già lui un indicatore della difficoltà dell'esame.
Se il 99% fosse licenziato e io fossi quell'uno%, in quel caso, come da suo gentil e molto inutile consiglio passerei dall'azienda sanitaria.


Spero proprio che le prossime risposte siano un poco più serie e sensate.
 

Seroli

Membro Senior
Agente Immobiliare
io l'esame l'ho dato ormai tanto tempo fa', passammo tutti e 40.......ora se è cambiato, a dire la verita', non lo so'....prendo atto.
 

Susi

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Trovo di fronte a percentuali di successo che nel migliore dei casi sfiorano il 20% e nel peggiore quota 0 (vedi l'esperienza di Alberto a BG) poco corretto parlare di rivolgersi all'assistenza sanitaria, meglio lasciar perdere comunque le polemiche.

Piuttosto viene sollevata una questione interessanta da Alberto:
vero, tutti (o quasi) ritengono giusto un periodo di praticantato, ma nella pratica, quante agenzie possono permettersi in questo momento di pagare un praticantante ?
 

casa.gi

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Dai raga non punzecchiatevi non serve! ;) Gli esami sono così! C'è sempre una sostanziosa parte che va a fortuna! Comunque secondo mè il nostro lavoro lo si impara comunque dopo anni di esperienza e anche dopo quelli nessuno ti preserva dalle fregature! La mia è una famiglia di mediatori da generazioni, si può dire che faccio questo mestiere da quando sono nata, eppure ci sono ancora cose e persone che mi sorprendono e spesso non in senso positivo! :rabbia:Quindi vanno bene i corsi, il patentino e il praticantato, ma ricordate che l'unica cosa che serve realmente è l'esperienza! Secondo me l'ideale sarebbe il corso per una infarinatura generale, il praticantato come i geometri di due anni e poi l'esame! E necessariamente in questo ordine! :ok:Così può essere una cosa un po' seria altrimenti mandiamo solo dilettanti allo sbaraglio come alla corrida!!! :D saluti
Giulia
 
O

Oris

Ospite
Trovo di fronte a percentuali di successo che nel migliore dei casi sfiorano il 20% e nel peggiore quota 0 (vedi l'esperienza di Alberto a BG) poco corretto parlare di rivolgersi all'assistenza sanitaria, meglio lasciar perdere comunque le polemiche.

Piuttosto viene sollevata una questione interessanta da Alberto:
vero, tutti (o quasi) ritengono giusto un periodo di praticantato, ma nella pratica, quante agenzie possono permettersi in questo momento di pagare un praticantante ?
Dipende come lo prendi il praticante, innanzitutto, quando io ho fatto il praticante, mi sono beccato un cocopro e ho lavorato a provvigione, nemmeno rimborso spese, scuola vera di vita, che prepara veramente al lavoro come è: nessuna garanzia ne certezza solo impegno e correre a testa bassa.

Stipendiarli, anche per un minimo, significa far di loro degli incapaci, nel 90% dei casi, il nostor mestiere e lo stipendio sono come l'acqua e l'olio.
 

Susi

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Sono d'accordo con te, Oris, bella l'affermazione quella dell'acqua e olio !
ma è altrettanto vero che se si parla di praticantato professionale vero, a mio avviso si intende un periodo di apprendimento a 360°, sarebbe opportuno se non venisse soltanto mascherato un periodo di "scampanellatura", ma si dessero (? grammatica italiana ???) delle solide basi ed insegnamenti professionali. E siccome oggigiorno il nostro lavoro non consiste soltanto nella parte bella che riguarda i rapporti con i clienti, venditori ed acquirenti, ma vi è anche un'enorme parte di lavoro d'ufficio, contabilità, adempimenti burocratici, nozioni di giurisprudenza ecc. ecc. ecc., non vorrei che lasciando gli aspiranti AI completamente a base provvigionale, si perdesse questa parte di insegnamento, a mio avviso fondamentale se vogliamo formare AI competenti, professionali e completi.
 
O

Oris

Ospite
La scampanelatura è da principianti, gente che c'ha rovinato, con il telemarketing e politiche buone per gli aspiratori "folletto".

La zona è diversa, si va, ci si presenta, si chiede, si chiacchera, ci si fa conoscere.

Ma la corsa al soldo veloce e "breve" ha reso il lavoro preda di famelici lupi da calcoli statistici, gente che oggi fa la fame.

Il laovro è per forza professionalizzante, se lo fai con un agente a modo.
 
O

Oris

Ospite
Sembra che alcuni intendano mettere l'obbligo di praticantato "pagato".

Tale idea sarebbe venuta a questi geni per limitare l'abuso di praticanti.

Tale idea, FOLLE, è chiaramente l'indice di una NON volontà di limitarlo di fatto.

Per limitare il praticantato si DEVE mettere il limite di UN praticante a Patentino., tra l'altro, considerando il numero di patentini o abilitazioni o iscrizioni al rea/ri che appartengono a titolari o soci effettivi dell'azienda, a mio parere, limitando ancora di più.

Anche perchè prendere un praticante significa seguirlo, targli dietro, accompagnarlo ecc. come si fa se ci sono più praticanti che "tutors"?

L'idea quindi è molto semplice e non abbisogna nemmeno di leggi speciali o contratti di lavoro da aggiungere ai ccnl:

TOT Agenti Immmobiliari IScritti =Tot praticanti.

Fine degli abusi, il resto è un tentativo di far apparire limitante quello ceh invece diventerebbe a totale vantaggio delle strutture grandi, rendendo impossibile a chi ha piccole strutture di farsi un praticante, che magari imparerebbe pure meglio.

Arriva il messaggio?
 

giorgino

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Completamente d'accordo con Oris. Al di fuori di questa regola basilare introdurre il praticantato sarebbe una formula di legalizzazione dell'abusivismo. Abusivismo che definirei "industriale" nel caso passasse la formula del praticante pagato obbligatoriamente.

g
 

Maurizio Zucchetti

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Mi sa che i nostri "amici" dei franchising proprio in quella direzione stanno spingendo .... già mi vedo gli spot:
"Vieni a praticare da noi!!" :risata::risata::risata:

.. chissà se trovano qualcuno che li aiuta ..... :fico:

;)
 

Susi

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
In teoria sono d'accordo con Oris, la formula 1 AI = 1 praticante potrebbe essere lo strumento per non creare un'altra escamotage in termini di abusivismo.
Ma... il praticantato è qualcosa che in altre professioni è già obbligatorio (che poi si chiami tirocinio o praticantato), notoriamente NON viene retribuito, sto pensando ai geometri, avvocati ecc.
Qualcuno sa come funziona da loro ?
 
S

SceglierCasa

Ospite
Ciao a tutti, sono Stefano, ho 24 anni e sono di Vicenza. Prima di dire la mia vorrei premettere la mia situazione.

Alla fine del 2009,ho superato con ottimi voti l'esame di abilitazione alla CCIAA. Volendo, quindi, avrei potuto tranquillamente iscrivermi a ruolo ed aprire una mia Agenzia Immobiliare, ma non l'ho fatto semplicemente perchè ho ritenuto (e ritengo ancora) indispensabile fare un po' di esperienza pratica sul campo prima di presentarsi al mercato. Per questo motivo mi sono rivolto ad un'agenzia in franchise già avviata (ho scelto il franchise perchè fanno corsi di formazione gratuita agli affiliati e ai collaboratori), chiedendo di poter lavorare lì come collaboratore.

Mi fu proposto di collaborare inizialmente con un fisso mensile per poi, dopo 3-4 mesi, aprire una mia partita IVA come libero professionista nel settore dei servizi di consulenza e lavorare con fisso dimezzato e ristorno di parte della provvigione.
Anche sapendo che era sconveniente, ho insistito per partire direttamente con p.IVA e ristorno della provvigione perchè sapevo che la retribuzione incerta mi avrebbe spinto a darmi più da fare e ad imparare prima e, come da previsioni, nonostante la retribuzione da fame (con quello che fatturo, una volta pagate le spese vive mi resta ben poco), sto effettivamente dandomi parecchio da fare e son contento di quello che sto imparando.

Personalmente ritengo che lo svolgere un periodo di praticantato presso un'agenzia già avviata (meglio se aperta da almeno 3-4 anni), rivesta un ruolo molto importante, per non dire fondamentale: sui libri, come ben sappiamo, possiamo imparare solo le nozioni teoriche di carattere tecnico-giuridico, ma per quanto riguarda il rapporto con la gente, il modo di porsi e di conquistare la fiducia delle persone, il sapersi muovere agilmente nel mercato immobiliare e il saper acquisire le giuste informazioni, beh, quello dal mio punto di vista lo si può imparare solo ed esclusivamente con la pratica in una vera agenzia.

Rispondendo quindi al sondaggio del topic: personalmente terrei l'esame alla CCIAA e introdurrei inoltre un periodo di praticantato obbligatorio di 6 mesi affiancati da un Agente Immobiliare che pratichi professionalmente l'attività e che sia iscritto a ruolo da almeno 1 anno.

Per quanto riguarda lo stipendio dei praticanti, personalmente sono pienamente d'accordo con Oris, quando fa l'esempio dell'acqua e dell'olio: se l'agente immobiliare lavora a provvigione e non ha certezze, perchè un praticante che aspira a diventare agente immobiliare deve averne? Il praticante con il fisso sarà molto meno motivato nel suo lavoro rispetto ad uno senza fisso o con il fisso ai minimi livelli. Un praticante deve essere messo subito nelle stesse condizioni di un agente vero: fisso molto basso o azzerato e retribuzione in base ai risultati.

(scusate per il papiro :D)
 

Susi

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Ciao SceglierCasa,
benvenuto/a e complimenti per la chiarissima e ben motivata opinione, sono d'accordo con te, sarebbe bello se anche gli altri che si avvicinano a questa professione potessero avere il tuo spirito !:applauso::applauso::applauso:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno volevo chiedervi se e' possibile accedere in una compravendita tra srl e privato in cui il privato acquista un locale commerciale pagare l imposta di registro al 4% e non al 9% grazie a tutti
Salve, ho comprato una casa in asta e c’erano DIFFORMITÀ CATASTÒ k posso sanare con 1800 euro. Ho parlato con un geometro e mi ha detto k la spesa e di 10000 euro ....E possibile k la cifra detta nella perizia del tribunale e così poco o mio geometro k nn ha capito bene la situazione...
Grz mille chi mi da la risposta
Alto