• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#1
salve, vorrei un parere, ho visto un appartamento e ho deciso di fare la proposta. Premetto che l’immobile ha una veranda e che ho chiesto all’agente se fosse condonato. La risposta è stata che era ante 30.... devo anche dire che ciò non l’ho sentito da sola ma con tanto di architetto e ingegnere con me. Quando mi ha dato la pianta la data era del ‘86. Ho fatto notare questa cosa, e nonostante i suoi notevoli tentennamenti ho scritto in proposta che nessun tipo di vizio doveva pregiudicare l’acquisto e erogazione mutuo. E che L immobile deve essere urbanisticamente senza problemi e effettivamente conforme alla pianta dell 86( così come dettatomi dai tecnici.) ora scusatemi ma a prescindere la scorrettezza dell agente di un grosso gruppo. Io voglio sapere se l’affare non dovesse concludersi perché già so che il notaio appena vedrà il termine veranda vorrà sapere ovviamente se è condonato, e “ bloccherà “ tutto se al compromesso quindi l’affare dovesse fermarsi, perché io la veranda la voglio così ho visto l’immobile e così lo voglio. Posso ritirarmi senza dover pagare la commissione. Poiché l’age Ha mentito davanti a testimoni, e non ha verificato una cosa poi grossolana la veranda. Grazie
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#2
devo anche dire che ciò non l’ho sentito da sola ma con tanto di architetto e ingegnere con me.
Ma cosa te li sei portata a fare , se poi non sono stati in grado di aiutarti , e hanno preso per buone risposte "creative" ?
E che L immobile deve essere urbanisticamente senza problemi e effettivamente conforme alla pianta dell 86( così come dettatomi dai tecnici.)
L'immobile dovrà essere conforme a quanto autorizzato ed accatastato.
La "pianta dell'86" corrisponde alla realtà?
l’age Ha mentito davanti a testimoni
Un ingegnere e un architetto potrebbero mai testimoniare di averti fatto fare una proposta pensando che fosse tutto in ordine, sulla base di una risposta
superficiale " è ante 30" ? Senza aver verificato loro, che sono dei tecnici ?

Posso ritirarmi senza dover pagare la commissione.
Ma la proposta è stata accettata ?
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#3
salve, vorrei un parere, ho visto un appartamento e ho deciso di fare la proposta. Premetto che l’immobile ha una veranda e che ho chiesto all’agente se fosse condonato. La risposta è stata che era ante 30.... devo anche dire che ciò non l’ho sentito da sola ma con tanto di architetto e ingegnere con me. Quando mi ha dato la pianta la data era del ‘86. Ho fatto notare questa cosa, e nonostante i suoi notevoli tentennamenti ho scritto in proposta che nessun tipo di vizio doveva pregiudicare l’acquisto e erogazione mutuo. E che L immobile deve essere urbanisticamente senza problemi e effettivamente conforme alla pianta dell 86( così come dettatomi dai tecnici.) ora scusatemi ma a prescindere la scorrettezza dell agente di un grosso gruppo. Io voglio sapere se l’affare non dovesse concludersi perché già so che il notaio appena vedrà il termine veranda vorrà sapere ovviamente se è condonato, e “ bloccherà “ tutto se al compromesso quindi l’affare dovesse fermarsi, perché io la veranda la voglio così ho visto l’immobile e così lo voglio. Posso ritirarmi senza dover pagare la commissione. Poiché l’age Ha mentito davanti a testimoni, e non ha verificato una cosa poi grossolana la veranda. Grazie
Ciao e grazie per la risposta. L’ingegnere e l’architetto non hanno dato per buono ciò che ha detto l’agente, per questo in proposta mi hanno fatto sottoscrivere che deve essere catastalmente legittimo come dalla pianta. Inoltre che conforme a normative urbanistiche e catastali. In effetti io poi mi riferivo alle recenti sentenze che indicano la responsabilità dell’agente in quanto deve sapere quando vende cosa vende. Nel caso specifico parliamo di appartamento con veranda che un agente dovrebbe sapere se è stato condonabile o meno. Inoltre ha mentito dinanzi a terzi
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#4
L’ingegnere e l’architetto non hanno dato per buono ciò che ha detto l’agente, per questo in proposta mi hanno fatto sottoscrivere che deve essere catastalmente legittimo come dalla pianta.
Anche se non lo avessi scritto , per rogitare l'immobile deve essere regolare urbanisticamente e catastalmente. Se non lo sarà , il venditore sarà inadempiente, con le normali conseguenze di un inadempimento.
ma la proposta è stata accettata ?
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#5
136BA8EE-50DB-4A8E-B78F-C8546E0FA6AF.jpeg 136BA8EE-50DB-4A8E-B78F-C8546E0FA6AF.jpeg
Ciao e grazie per la risposta. L’ingegnere e l’architetto non hanno dato per buono ciò che ha detto l’agente, per questo in proposta mi hanno fatto sottoscrivere che deve essere catastalmente legittimo come dalla pianta. Inoltre che conforme a normative urbanistiche e catastali. In effetti io poi mi riferivo alle recenti sentenze che indicano la responsabilità dell’agente in quanto deve sapere quando vende cosa vende. Nel caso specifico parliamo di appartamento con veranda che un agente dovrebbe sapere se è stato condonabile o meno. Inoltre ha mentito dinanzi a terzi
Anche se non lo avessi scritto , per rogitare l'immobile deve essere regolare urbanisticamente e catastalmente. Se non lo sarà , il venditore sarà inadempiente, con le normali conseguenze di un inadempimento.
ma la proposta è stata accettata ?
devo attendere ancora alcuni giorni per la risposta. Perché? Puoi darmi altri consigli?
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#7
la Cosa che vorrei capire è se anche l’agente effettivamente ha delle responsabilità, perché per come ragiono io se vendo una cosa, in questo caso un appartamento non posso ignorare, e soprattutto inventare cose
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#8
La sentenza che citi non c'entra niente, perchè in quel caso la veranda era stata adibita a cucina.
Stai cercando un modo per non pagare l'agente ?
No assolutamente, io lo voglio pagare la mia paura è che non mi abbia, anzi non mi ha detto le cose come stanno. E comunque la veranda ha un bagno. Avevo dimenticato questa cosa
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#9
No assolutamente, io lo voglio pagare la mia paura è che non mi abbia, anzi non mi ha detto le cose come stanno. E comunque la veranda ha un bagno. Avevo dimenticato questa cosa
Anzi vi dico di più la mia paura è che l’affare non si concluda per questo motivo e loro magari vogliono i soldi perché il proprietario magari accetta la proposta è io son vincolato a pagare per un affare non concluso. Non so se mi son spiegata
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#10
Anzi vi dico di più la mia paura è che l’affare non si concluda per questo motivo e loro magari vogliono i soldi perché il proprietario magari accetta la proposta è io son vincolato a pagare per un affare non concluso. Non so se mi son spiegata
Scusate ma sono agitatissima... inoltre voleva che intestassi l’assegno all’agenzia e non al proprietario. E io ho detto di no perché il notaio mi ha sempre sconsigliato di fare questa cosa. Allora la cosa mi sta puzzando
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
#13
la Cosa che vorrei capire è se anche l’agente effettivamente ha delle responsabilità, perché per come ragiono io se vendo una cosa, in questo caso un appartamento non posso ignorare, e soprattutto inventare cose
E' un argomento molto controverso.
Parti anche dal presupposto che di case conformi in Italia ce ne saranno il 5%...

Anzi vi dico di più la mia paura è che l’affare non si concluda per questo motivo e loro magari vogliono i soldi perché il proprietario magari accetta la proposta è io son vincolato a pagare per un affare non concluso. Non so se mi son spiegata
Se l'immobile non è conforme, puoi subordinare la proposta e pretendere la conformità, che è di legge.
In questo caso, il proprietario non può incassare la caparra, nè l'agenzia pretendere il pagamento della provvigione.

Se l'abuso (se c'è) non è sanabile non perdi niente perchè devono restituirti la caparra e non paghi l'agenzia.
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
#16
per questo in proposta mi hanno fatto sottoscrivere che deve essere catastalmente legittimo come dalla pianta
Direi che tutto quello che è rappresentato in una planimetria catastale è catastalmente legittimo... piuttosto il bagno nella veranda compare su tale planimetria del 1986 (annata per riaccatastare un immobile degli Anni 30 che fa sorgere più di un dubbio circa la presentazione di istanza di condono edilizio)?
 

alice11

Nuovo Iscritto
Professionista
#17
Direi che tutto quello che è rappresentato in una planimetria catastale è catastalmente legittimo... piuttosto il bagno nella veranda compare su tale planimetria del 1986 (annata per riaccatastare un immobile degli Anni 30 che fa sorgere più di un dubbio circa la presentazione di istanza di condono edilizio)?
Infatti sarà quello da verificare, al momento l’agrnzia Non ci ha fornito tale documentazione e anzi sembra che sia abusivo
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

James-Italy ha scritto sul profilo di leledgr.
non è che faccio parte della organizzazione del corso, ma ho visto che è stato crocciato il mio commento nel forum
James-Italy ha scritto sul profilo di leledgr.
ciao, non so bene come funziona il forum. Questo ti arriva come private messaggio? Non voglio mettere publicittà nel parte generale
Alto