1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. delidan

    delidan Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Gentili signori,
    ho un grosso problema per cui chiedo aiuto.
    Una settimana fa ho fatto una proposta (con 5.000 € di caparra) per un appartamento a Milano (trilocale con terrazzo al piano di oltre 150 mq) venduto tramite agenzia, che il giorno dopo telefonicamente mi ha comunicato l'accettazione da parte della parte venditrice anticipandomi l'arrivo di una raccomandata che ancora non mi è pervenuta.
    Due giorni dopo l'accettazione, recandomi presso l'immobile per cui ho avanzato la proposta, ho visto il cartello di un'altra agenzia per un appartamento quasi "uguale" (stessa metratura interna ma con terrazzo, in parte verandato, di circa 35 mq) con alcune rifiniture in più (aria condizioanta) e in meno (1 bagno cieco) ma con in più il box auto. Il tutto a circa 23 mila € in meno di quello che paghiamo noi. Come è possibile una tale differenza di prezzo? la capirei se non ci fosse il box auto, e allora giustificherei il prezzo più basso con la mancanza di un terrazzo così grande. Tra l'altro sembra che il cartello che ne pubblicizzava la vendita gli venisse staccato continuamente.
    L'agenzia immobiliare con cui ho sottoscritto la proposta mi ha detto che se voglio revocarla devo pagare la caparra ai venditori più l'intera provvigione a cui ha diritto per la vendita. E' giusto? Il fatto che non mi sia ancora arrivata la raccomandata, mi da qualche diritto in più? C'è un termine entro il quale mi deve pervenire?
    Posso eventualmente chiamare un perito che esamini i due appartamenti in modo da contestare la differenza di prezzo?
    Grazie per la tempestiva risposta che vorrete darmi.
    Cordiali saluti
    Delidan
     
  2. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Caro Delidan avendo fatto una proposta d'acquisto ti sei obbligato ad acquistare quell'immobile, in caso di ripensamento si perde quanto versato, visto che poi la proposta è stata accettata non penso vi siano obiezioni che si possano muovere.

    Sul fatto che nello stesso palazzo via sia un appartamento più appetibile ad un prezzo più basso non può essere causa di contestazione, Quando hai fatto la proposta ti hanno richiesto un prezzo, non so se tu lo abbia trattato o meno, ma alla fine la proposta l'hai fatta e quindi hai ritenuto soddisfacente l'accordo preso.

    Una proposta ancorchè accettata è di fatto un preliminare, e pertanto l'agenzia ha il diritto di richiederti le provvigioni

    Poi prova a trattare, in questo mondo tutto è trattabile, e vedi se ti conviene perdere dei soldi e acquistare l'altro appartamento o a conti fatti tenerti quello che già avevi scelto.

    Un solo consiglio qualche migliaio di euro vanno e vengono (senza sputare sui soldi per carità, è l'ultima cosa che penso ed ho il massimo rispetto dei denari altrui), ma la casa ti rimane anche per tutta la vita.

    Meglio spendere qualche euro in più ed essere contento dell'acquisto fatto, che risparmiare qualche euro e vivere nel rammarico.

    Poi i conti in casa tua li fai tu, e giustamente

    Un saluto
     
  3. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    SE non è stata comunicata ufficialmente l'accettazione della proposta da parte del venditore potresti provare a trasmettere un fax dove comunichi l'intenzione di non voler procedere nella proposta d'acuqisto, ma hiame non è che equivale agli 8 giorni di ripensamento come in alcuni artilcoli, devi specificare il perchè (magari ti sei accorto di vizi dell'immobile o le schede catastali non sono conformi all'immobile) ma credimim che è talmente rara questa casistica che non saprei che altro consiglio darti.
    L'unica cosa che posso dirti è che l'agente immobiliare è obbligato a consegnare l'assegno che ha in deposito dopo e solo dopo che tu hai ricevuto la raccomandata di accettazione della proposta,solo in quel caso diventa caparra confiramtoria, pena..risponderne personalmentel 'agente.
    Spero di averti dato qualche suggerimento ma ripeto di solito non succede mai.
    Roby.
     
  4. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Delidan, tieni conto che Posteitaliane è LEEEEEEEENTOOOOOO.....

    L'unico appiglio che POTRESTI avere è che la raccomandata non sia stata SPEDITA entro il termine di validità della tua proposta.

    Per il resto quoto il buon Alessandro, se avevi accettato il prezzo un motivo ci dev'essere stato... Ciononostante capisco il tuo rammarico, ma sono cose che capitano!

    In bocca al lupo, e che crepi di morte violenta!
     
  5. Massimo Brancaleoni

    Massimo Brancaleoni Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Caro Delidan sei in torto marcio, la tua proposta è stata accettata punto. Per cui se vuoi recedere perdi i 5000 euro di caparra confirmatoria che diventa penitenziale ai sensi del c.c., ed inoltre devi pagare il doppio della provvigione all'agenzia per l'affare che ti hanno concluso, la raccomandata arriverà e farà testo la data in cui ti è stata accettata la proposta che, in ogni caso se irrevocabile, le revoca è senza effetto.
    In ogni caso auguri.........................
     
  6. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dimenticavo Delidan, sulla proposta che hai firmato ed è stata accettata il più delle volte viene specificato che:

    - La parte adempiente (che non recede) ha facoltà di trattenere le somme versate come caparra confirmatoria OPPURE di obbligare al trasferimento COATTO dell'immobile...

    Ergo: il venditore potrebbe decidere di non lasciarti scappare come acquirente e obbligarti a versargli tutta la somma dovuta e diventare il nuovo proprietario dell'immobile in questione.

    La CAPARRA PENITENZIALE che dice Massimo è un'altra cosa ancora; una caparra confirmatoria non si trasforma in penitenziale. La penitenziale è un particolare tipo di caparra che ti avrebbe consentito di recedere dal contratto perdendo quella somma ma non lasciando al venditore la facoltà di obbligarti a procedere comunque in atto.
    E' una caparra che non si usa praticamente mai però...
     
  7. m.marcella

    m.marcella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, mi chiamo Marcella e sono un Avvocato.
    Mi piace il Vs. forum, è molto interessante...poi sono fidanzata con un agente immobiliare!!!
    Quanto al problema della revoca della proposta d'acquisto, il contratto si perfeziona solo dopo che l'accettazione è giunta a conoscenza del proponente pertanto, finchè non arriva la famosa raccomandata si può formalizzare la revoca della proposta ma, consiglio, per iscritto magari con una raccomandata a/r anticipata a mezzo fax all'Agenzia ed indirizzata anche al venditore.
    Sicuramente ci sarà da discutere, ma questo ritengo sia l'unico modo "corretto" ed "efficace" per agire.
    Buona Fortuna!!
     
  8. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao Marcella e benvenuta!
    - Domanda: non fa fede la data di spedizione della raccomandata all'acquirente?
    Dalle reminiscenze del corso che ho ricordo che all'invio di tale raccomandata si presuppone l'avvenuta conoscenza dall'altra parte....

    In più tieni conto che Delidan E' GIA' giunto a conoscenza dell'accettazione tramite telefonata... Basterebbe un tabulato telefonico a dimostrarlo... E basterebbe all'agente immobiliare in questione stampare queste pagine del forum credo...
     
  9. Quoto in pieno tutti i colleghi che mi hanno preceduto nei loro commenti e in PARTICOLARE quoto quest'ultima affermazione/commento di Sandro e anche quelli fatti sopra.

    La vedo anche io allo stesso modo tuo Sandro.

    Volevo solo far un cenno a quello che ha detto il Signor Delidan: "Posso eventualmente chiamare un perito che esamini i due appartamenti in modo da contestare la differenza di prezzo?"
    Assolutamente NO! Viviamo in un mercato libero, ed ognuno è libero per le proprie cose di venderle ad un prezzo assolutamente indipendente e diverso da quello che può essere il mercato per cose simili. ;)

    Un caro saluto.
     
  10. delidan

    delidan Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ringrazio tutti per gli utilissimi chiarimenti, a questo punto mi sono obbligato all'acquisto e non posso quindi recedere senza lasciare la caparra e le provvigioni all'agente.
    Quanto al libero mercato, non posso obiettare nulla, se non il fatto che se avessimo saputo prima dell'altro appartamento (il cui cartello era stato strappato..) probabilmente avrei avuto più forza contrattuale.
    Grazie comunque per la disponibilità dimostratami.
    Buona giornata
    Delidan

    ps. nel frattempo ieri sera mi è arrivata la raccomandata...
     
  11. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dai Delidan, non ci pensare!

    Se hai fatto un passo importante come quello di acquistare un appartamento vuol dire che in cuor tuo ne sei soddisfatto!

    Goditi la casa e non pensarci più!

    Buon acquisto e, se avessi bisogno, sai che siamo qui ANCHE per te!

    Ciao! :)
     
  12. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    IO di solito o chiamo in ufficio il cliente e gli faccio sottoscrivere un documento a parte dove dichiara di ricevre una copia della proposta d'acquisto accettata, oppure via mail o fax.

    Una domanda per Marcella

    Qundi come avevo scritto io finchè non arriva la comunicazione puo intentare una revoca della proposta, per quello l'agente immobiliare non deve consegnare le somme fino a quando comunica l'accettazione, altrimenti ne risponde personalmente.

    Oppure fa fede il timbro di spedizione come dice sandro?

    Ciao grazie per aver espresso simpatia al Forum, ce la stiamo mettendo tutta :D
    Roby.
     
  13. Csi

    Csi Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Io credo che sia possibile attivare la seguente procedura:
    premesso che la comunicazione telefonica dell'accettazione della proposta, non dovrebbe essere giuridicamente valida, ritengo che comunicando all' agenzia che intende recedere dalla proposta,
    ( e-mail, fax, telegramma) prima di ricevere la raccomandata dell'accettazione sia sufficiente per
    far decadere l' effetto della proposta.
     
  14. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao Csi e benvenuto/a.
    La raccomandata però l'ha ricevuta ormai!
     
  15. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Scusami, ma consigliare ad un cliente di mandare un fax x ritirarsi da una proposta 'irrevocabile' mi sembra un consiglio un pò infelice: nn vorrei che i clienti che vedono questo forum si mettessero in testa di poter fare contratti e recedere il giorno dopo. Anche perchè, come ben tu sai, NON è così.
    L'assegno in deposito a me non è mai capitato (o salvo in rari casi) di consegnarlo dopo che l'acquirente ha ricevuto l'accettazione perchè il venditore quando firma l'accettazione vuole l'assegno di caparra. Se tu fossi il venditore firmeresti l'accettazione senza ritirare l'assegno?
    :stretta_di_mano:




     
  16. Francesca Cecchini

    Francesca Cecchini Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ciao, dico la mia.
    Normalmente la proposta di acquisto (che avrà sottoscritto il cliente) si può identificare come una proposta ferma, cioè ti faccio la proposta e la lascio per, mettiamo, 8 giorni, se entro quella data non avrò notizia della tua accettazione la proposta decadrà.
    In questo lasso di tempo, posso venire meno alla mia proposta?
    Lasciando perdere il fatto che cmq la stessa è stata già accettata, anche se verbalmente (al massimo sarebbe un problema di provare l'accettazione), se non è richiesta una forma particolare per l'accettazione, il cliente potrebbe revocare la propria proposta solo prima della conclusione del contratto, che in questo caso è però già concluso! Ovvero: il contratto con l'avviso verbale di accettazione è stato concluso nella sostanza, si pone al massimo un problema di prova (che potrebbe essere anche orale).
    Ho fatto magari un po' di confusione, fatemi sapere!
    p.s. Ciao a Marcella! Avvocati fidanzati con agenti immobiliari va per la maggiore allora! :applauso:
     
  17. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Non è che si fidanzano con voi per avere un supporto legale gratuito? :risata: :risata: :risata: Scherzo naturalmente :ok:
     
  18. Francesca Cecchini

    Francesca Cecchini Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    taci va...ogni tanto il dubbio mi viene! :risata:
     
  19. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Ciao Granducato, informati bene guarda che la prassi giusta è quella, certo che io consegno l'assegno a l venditore dopo che ho comunicato l'avvenuta accettazione della proposta, se hai letto bene le risposte di tutti puo essere che succeda che un cliente il giorno dopo ti invii un fax seguito poi da raccomandata dove ti chiedere di sospdere, revocare, temporeggiare nella proposta perchè magari è venuto a conoscenza di fatti che possono inficiare l'affare, e credimi se hai consegnato l'assegno e malauguratmanete si và in causa sei tu responsabile se la causa la vince l'acquirente e devi rispondere dell'assegno e degli eventali danni.(spese legali ad esempio sai che botta :shock: )

    Non capisco che remore vi fate ad applicare la legge, è scritto anche sulle proposte che il contratto è concluso con la conoscenza dell'accettazione, io lo spiego ai clienti che corro in ufficio a spedire un fax o una mail e subito dopo o il giorno dopo consegno l'assegno.

    In merito alla prima affermazione mi son sentito di rispondere cosi proprio perchè mi sento neutrale e non di parte, non devo e non voglio che la gente capisca che siamo solo in grado di dare consigli ai nostri colleghi.

    Se Delidan ha subito un torto e specifico se l ha subito ma lui come altri privati devono sapere come poter tutelarsi o provare a difendersi da situazioni poco chiare (ovvio non mi sembra questo il caso). :?

    Ciao Roby. ;)
     
  20. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Noi l'assegno non lo consegnamo all'accettazione. E' naturalmente non trasferibile ed intestato al venditore, ma io lo faccio solo vedere, lo tengo io fino al compromesso. sarà ma sono abituato così, e mi sono sempre trovatp bene.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina