1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. starriga

    starriga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno a tutti quelli che potranno aiutarmi a risolvere il mio problema,
    ho acquistato un appartamento di 110mq che devo frazionare in 2 unità immobiliari da 50mq ognuna per i miei 2 figli ora adolescenti.
    ho spedito la DIa 2 mesi fa e sono ora autorizzata a farlo.
    per poter allacciare il gas in uno dei due appartamentini ( l'altro userebbe il contatore esistente)devo mettere un contatore sul muro esterno del condominio (sulla strada) e portare a mie spese il tubo fino al 5°piano passando su di un pilone di cemento in facciata.(facciata ormai vecchia e da rifare)
    il condominio si rifiuta di darmi il permesso,per non creare un precedente in caso di altri frazionamenti, come posso risolvere il problema? possono rifiutarsi di farmi allacciare il gas per la cucina o il riscaldamento visto che il frazionamento è stato approvato e che accatasterò gli appartamentini come 2unità immobiliari separate ? anche perchè nel frattempo che i miei figli crescono vorrei affittare gli appartamenti per pagare il mutuo.GRAZIE
     
  2. mary58

    mary58 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Anch'io dovrò a breve frazionare il mio appartamento in più unità abitative e avrò lo stessa necessità di nuovo allaccio. Da quanto ne so il condominio non può impedirtelo.
    Dalla tua (dalla nostra) dovrebbe esserci l' Art. 1102 del codice civile (Uso della cosa comune):
    "Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso."

    Aspetto anch'io altre risposte al tuo quesito.
    Ciao
     
  3. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma il gas già serve la palazzina?
    Sembra di capire che già un appartamentino gode del gas.
     
  4. mary58

    mary58 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Nel mio caso sì (ma credo anche nel caso di starriga). Il problema nasce dal datto che gli altri appartamenti sono serviti da un unico tubo con le diramazioni per i singoli contatori sistemati sui terrazzi dei singoli appartamenti. Anche il mio appartamento ha un suo contatore. Il problema nasce dopo il frazionamento dell'unità immobiliare per creare il secondo allacciamento. Per il nuovo allaccio l'azienda distributrice del gas (dopo sopralluogo tecnico) mi ha comunicato che non è più possibile questo tipo di allaciamento, ma i contatori vanno sistemati in apposita nicchia sulla parete dello stabile e che io devo poi provvedere a portare una tubazione fino al mio appartamento. Il tutto a mie spese ovviamente.
    Non credo che il condominio mi possa vietare di utilizzare una parte comune per un uso leggittimo.
    Grazie per l'attenzione
     
  5. starriga

    starriga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie mary,il tuo caso è molto simile al mio, ma nel mio caso il condominio mi ha negato il permesso.
    il problema è trovare una norma o un precedente legislativo che obblighi il condominio a dare il permesso . senza dovermi rivolgere ad un avvocato.
    chi avesse informazioni in merito, lo prego di mandarmele.
    a presto e grazie
    stefania
     
  6. mary58

    mary58 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Io sono ancora in una fase preparatoria (non ho ancora avviato il frazionamento) ma il tecnico che realizzerà l'impianto mi ha detto che non devo richiedere permessi al condominio ma solo comunicare la realizzazzione dell'opera e le modalità. Il condominio non deve rilasciarmi alcun permesso. Non so ancora cosa mi aspetta!!!
    Attendo anch'io fiduciosa altre informazioni.
    Grazie
     
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Vi invio il regolamento della società distributrice del gas in città.
    Ho visto che c'è qualcosa che può interessarvi.
    All'interno sono citate alcune leggi a livello nazionale che possono contribuire a dipanare e risolvere i problemi.
    Nel caso sarebbe utile consultare la società di distribuzione della vostra città o un tecnico specializzato nel gas.
    Comunqu, buona lettura.
     

    Files Allegati:

    A rosario.bara piace questo elemento.
  8. starriga

    starriga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno a tutti,
    il tecnico dell'italgas (io vivo a roma) quando ha fatto il sopralluogo per il preventivo mi ha chiesto espressamente il consenso del condominio per mettere il contatore sul muro di cinta esterno dello stabile e a maggior ragione per passare il nuovo tubo in facciata (anche se su di un pilone di cemento e non sulla cortina)(trattasi di edilizia cooperativa degli anni 80).il tubo del gas che già serve tutti gli altri appartamenti ( quindi anche il mio) si trova nella facciata sud mentre questo dovrebbe passare in quella nord,perchè il secondo appartamento ha l'affaccio solo a nord.comunque de il comune autorizza il frazionamento, dopo è possibile che il nuovo appartamento un abbia il gas? mi sembra un assurdo.AIUTATEMI.
     
  9. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Secondo me sì.
    C'è un precedente allaccio, non è una nuova conduttura.
    Fai fare le ricerche e vedrai che il consenso era già stato espressamente dato.
     
  10. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio

    la norma è l'art 1102 che ti è già stato citato

    Aggiunto dopo 1 :

    Cass 17/10/2007 n 21832: L'allaccio di nuove utenze non è una modifica del bene comune ed è consentita


    Scritto da Avv. Edoardo Riccio
    Lunedì 09 Giugno 2008 00:00
    Cassazione civile sezione II, 17/10/2007 n. 21832

    In tema di condominio, l'allaccio di nuove utenze ad una rete non costituisce di per sè una modifica della stessa, perchè una rete di servizi - sia fognaria, elettrica, idrica o di altro tipo - è per sua natura suscettibile di accogliere nuove utenze. È pertanto onere del condominio, che ne voglia negare l'autorizzazione, dimostrare che, nel caso particolare, l'allaccio di una sola nuova utenza incide nella funzionalità dell'impianto, non potendo opporsi che il divieto all'allaccio sia finalizzato ad impedire un mutamento di destinazione della unità immobiliare. (Nella specie il condominio aveva negato a un condomino l'autorizzazione ad allacciare il proprio immobile alla rete idrica, fognante e citotelefonica; la delibera è stata annullata).
    (vedi art. 1102 c.c. -ndr-)
    * * *

    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
    S.A., partecipante al condominio dello stabile sito in Roma, XX, impugnò innanzi al tribunale di detta citta' la delibera assembleare con la quale il nominato condominio le aveva negato l'autorizzazione ad allacciare la propria unita' immobiliare destinata a magazzino - acquistata dall'INA - alla rete idrica, fognante e citotelefonica.
    Il tribunale rigetto' l'impugnativa richiamandosi alla previsione dell'articolo 7/B del regolamento condominiale di natura contrattuale che imponeva l'autorizzazione dell'assemblea per qualsiasi modifica agli impianti di uso generale.
    La corte d'appello di Roma, adita dalla S., con sentenza 12.7.2002, in riforma della decisione impugnata, annullò la delibera e condannò il condominio alla rifusione dei 2/3 delle spese del doppio grado di giudizio.
    Osservo', preliminarmente, la corte territoriale che non ricorreva l'ipotesi di litisconsorzio necessario nei confronti dell'INA, venditrice dell'immobile della S., in quanto la causa tra detto Istituto e la Sa. doveva qualificarsi come scindibile ai sensi dell'articolo 332 c.p.c., ed era decorso il termine per la impugnativa, ed inoltre perchè l'attrice aveva rinunciato alla domanda nei confronti di tale parte. Nel merito affermo' che il tribunale aveva erroneamente interpretato la disposizione del regolamento condominiale ritenendo che l'allaccio di ulteriori utenti alle "reti" condominiali costituisse una inammissibile "modifica" degli impianti comuni; al contrario, ad avviso della corte il concetto stesso di rete presuppone la possibilità di allacci o collegamenti successivi che non possono essere condizionati dall'autorizzazione dell'assemblea, perchè si renderebbero impossibili anche piccole modifiche interne delle unita' immobiliari. Tale interpretazione sarebbe in conflitto con il principio di razionalità e ragionevolezza che deve essere alla base di ogni decisione dell'assemblea, nel rispetto dell'interesse in concreto perseguito e nell'obbligo di evitare atti emulativi.
    Avverso la sentenza ha proposto ricorso il Condominio; resiste con controricorso S.A. , che ha proposto altresì ricorso incidentale.
    MOTIVI DELLA DECISIONE
    Preliminarmente vanno riuniti i ricorsi ex articolo 335 c.p.c., perche' proposti contro la stessa sentenza.
    Con il primo motivo il ricorrente condominio denuncia violazione e falsa applicazione dell'articolo 331 c.p.c., circa la ritenuta superfluità della integrazione del contraddittorio nei confronti dell'INA per la scindibilità delle cause. In primo luogo lamenta la lesione del cd litisconsorzio processuale, e in secondo luogo osserva che le due causa erano connesse perchè la domanda nei confronti dell'INA avrebbe potuto trovare ingresso solo nell'ipotesi di definitivo diniego della possibilità di effettuare gli allacci richiesti, sicchè l'INA aveva interesse a partecipare al giudizio. Inoltre l'INA, quale condomina con ben 470,940 millesimi, aveva interesse ad intervenire ad adiuvandum delle ragioni del condominio. Il motivo non può trovare accoglimento.
    Il litisconsorzio processuale - che determina una inscindibilità delle causa anche in ipotesi in cui non sussisterebbe un litisconsorzio necessario di natura sostanziale - ricorre allorchè la presenza di più parti nel giudizio di primo grado deve necessariamente persistere in sede di impugnazione, al fine di evitare possibili giudicati contrastanti in ordine alla stessa materia e nei confronti di quei soggetti che siano stati parti del giudizio, (cfr. ex plurimis Cass. 28.2.2002, n. 2961). Nella specie l'attrice aveva proposto una domanda di garanzia nei confronti della parte venditrice alla quale aveva anche rinunciato in corso di causa. Le causa era, pertanto, scindibili, sicchè correttamente la corte di merito ha fatto applicazione dell'articolo 332 c.p.c..
    Va, peraltro, osservato che la qualità di condomino dell'Istituto Nazionale Assicurazioni e' del tutto ininfluente, perchè in tale qualità esso era rappresentato, al pari degli altri partecipanti al condominio, dall'amministratore.
    Con il secondo motivo il condominio denuncia violazione dell'articolo 332 c.p.c., perchè quand'anche si fosse trattato di cause scindibili, al momento della notificazione dell'atto di impugnazione, non era decorso per l'INA il termine per impugnare la sentenza, sicchè l'Istituto avrebbe potuto ancora proporre appello incidentale.
    Il motivo e' destituito di fondamento. L'interpretazione dell'articolo 332 c.p.c., che da a parte ricorrente e' palesemente erronea, perchè non e' al momento della notifica dell'impugnazione che deve aversi riguardo per stabilire se e' spirato il termine per impugnare nei confronti delle altre parti - perchè a tale momento non potrebbe ovviamente essere spirato - bensì al momento in cui la causa e' portata innanzi al giudice; se a tale punto il termine non e' spirato, il giudice ordina la notificazione dell'impugnazione alla parte pretermessa, ma la mancata ottemperanza a detto ordine non produce l'inammissibilità del gravame - come nell'ipotesi di cui all'articolo 331 c.p.c., bensì soltanto la sospensione del giudizio sino al completo decorso del termine in questione.
    Con il terzo motivo il ricorrente condominio denuncia motivazione carente e contraddittoria, circa la ritenuta inapplicabilità della disposizione dell'articolo 7/b, comma 3, del regolamento condominiale. Assume che la corte territoriale non ha tenuto in nessun conto il principio per il quale l'innesto di nuove utenze ad una rete deve essere compatibile con la dimensione della stessa, perchè ove tutti i proprietari di locali non forniti di bagno (come le cantine) chiedessero di potersi allacciare all'impianto fognario, questo non avrebbe la capacita' sufficiente. Rileva, inoltre, che la disposizione condominiale era giustificata dall'intento di impedire mutamenti di destinazione, cui certamente era finalizzata la richiesta della Sa. che mai aveva goduto di detti allacci quando era conduttrice dello stesso immobile adibito a magazzino.
    Anche detto motivo e' infondato. La corte territoriale ha correttamente rilevato che l'allaccio di nuove utenze ad una rete non costituisce di per se' una modifica della stessa, perchè una rete di servizi (sia fognaria, sia elettrica, idrica o di altro tipo) e' per sua natura suscettibile di accogliere nuove utenze; sarebbe stato onere del condominio dimostrare che, nel caso particolare, l'allaccio di una sola nuova utenza avrebbe inciso sulla funzionalità dell'impianto. Ne' può valere l'assunto secondo cui il divieto frapposto dall'assemblea era finalizzato ad impedire mutamenti di destinazione, perchè il mutamento di destinazione di una unita' immobiliare può essere impedito dal condominio solo ove detta limitazione sia prevista dal regolamento condominiale di natura contrattuale; ne' tale scopo può essere indirettamente perseguito frapponendo ostacoli all'uso di quei servizi comuni indispensabili all'eventuale mutamento, in violazione del diritto del condomino di esercitare sui beni comuni i poteri attribuitigli dall'articolo 1102 c.c., comma 1.
    Con il ricorso incidentale la S. denuncia violazione e falsa applicazione degli articoli 1136, 2702, 2712 c.c., perchè la corte territoriale ha escluso la nullità del verbale di assemblea per la mancata indicazione del condomini presenti e dei millesimi, ritenendo che la prova della validità del verbale dovesse essere data con la acquisizione dell'originale del verbale stesso e non con una fotocopia suscettibile di alterazioni; la ricorrente obietta che era onere della controparte dare la prova della non autenticità della copia, mentre nella specie la fotocopia dimostrava l'esistenza di righe in bianco che nell'originale esibito erano state riempite. La corte avrebbe dovuto chiaramente dedurre che il riempimento era avvenuto in un momento successivo e prima della produzione della copia da parte del condominio.
    Il motivo e' inammissibile per carenza di interesse, perchè la corte ha comunque dichiarato la nullità della delibera impugnata; non sussiste, pertanto una soccombenza della parte che la legittimi a richiedere una modifica della statuizione, comunque a lei favorevole. Ricorrono giusti motivi per la compensazione delle spese di questo giudizio.
    P.Q.M.
    La Corte:
    Riuniti i ricorsi, rigetta il principale e dichiara inammissibile l'incidentale; compensa le spese del giudizio.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  11. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    nel caso specifico la rete del gas non è un bene comune in quanto la realizza la società che eroga il servizio (al contrari dell'impianto elettrico, dell'acqua, della fognatura ecc.) ed è di proprietà della stessa società.

    il condominio non può deliberare su di un bene che non gli appartiene (nel caso specifico la linea del gas appartinene alla società erogatrice del servizio)

    caso diverso è se si deve installare un contatore privato su di un bene condominiale;
     
  12. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Vedrai che alla fine ci riusciamo a dipanare il problem:shock::shock:
     
  13. starriga

    starriga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    scusate la mia ignoranza ma non riesco a seguire molto bene lo svolgimento del processo .
    per rispondere al sig.re antonellifederico in effetti nel mio caso devo istallare un contatore privato su di un bene condominiale perchè l'italgas non porterebbe il contatore sul mio terrazzo ma lo posizionerebbe in strada facendo una nicchia ( vicino ad altre dell'acea acqua)sul muro condominiale che recinta le zone comuni del fabbricato (non sul palazzo)
    dopo a mie spese devo farlo arrivare al 5°piano.
    per oppormi alla decisione dell'assermblea che norma devo citare?
    grazie per la vostra disponibilità.
    stefania
     
  14. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    il condominio non può opporsi all'uso di una parte comune a fine privati se si rispettono i limiti previsti dal 1102 c.c.

    il problema quì è che il potere al condomini lo dò l'Italgas con la sua pretesa assurda di avere il permesso del condomino, bisogna rivolgersi ad un legale per far intendere all'Italgas che non può rifiutare un servizio essenziale con la pretesa dell'accordo del condominio
     
  15. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    :applauso:
     
  16. starriga

    starriga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    gent.le sig.re antonelli, io non vorrei ledere la libertà di nessuno ma vorrei poter allacciare il gas (direi essenziale in una abitazione) senza dover ricorrere ad un legale e neanche creare attriti con gli altri condomini. ciononostante non voglio sia leso il mio diritto a cucinare o riscaldarmi in casa mia.spero riusciremo a trovare un escamotage che mi permetta di riuscire con modi civili a far intendere al condominio che è un mio diritto.
    grazie della vostra cortesia e attenzione.
    stefania
     
  17. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Dopo l'approvazione dell'oramai famoso "piano casa" anche i Comuni stanno modificando delle loro consolidate prese di posizione.
    Ti faccio un esempio:
    Un mio cliente ha ristrutturato una palazzina ed il piano terra, con affaccio all'interno dello stabile, è stato classificato "C/2" per mancanza di posto auto.
    La settimana scorsa lo abbiamo potuto mettere in vendita in quanto, grazie al "piano casa" è possibile ovviare al posto auto.
    L'immobile è stato classificato "civile abitazione" dall'urbanistica ed accatastato "A/3".
    Prova a chiedere al tuo tecnico se esiste un "escamotage", per ovviare al tuo inconveniente, in presenza del "piano casa".
    Tentare non nuoce.
     
  18. ENZO VISINITAINER

    ENZO VISINITAINER Nuovo Iscritto

    Amministratore di Condominio
  19. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina