1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Buona sera a tutti!
    Vi scrivo sperando di trovare una risposta a un dilemma. Devo procedere con la registrazione di un contratto ad uso abitativo con Entratel. Nel contratto verrà inserita la garanzia di terzi. Tutto ok fin qua.
    Se provo a registrare tramite I.R.I.S. la questione del garante non viene presa in considerazione,mi calcola l'imposta di registro e l'imposta di bollo.
    Se provo a registrare tramite il software "contratti di locazione" e spunto "Garanzia di terzi",mi va a calcolare 0,50% sul deposito cauzionale. Io ho sempre saputo che l'imposta per la garanzia di terzi è sul canone annuo.
    Mi sapete dire come posso registrare questo contratto per via telematica? :shock:
    Vi ringrazio anticipatamente
     
  2. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' giusto registrarlo su software contratti di locazione, ed il 0,50% è solo sull'importo a garanzia di terzi, se quindi l'importo fosse di 1000,00 euro l'imposta sarebbe di 5,00, più l'imposta di registro annua sul canone di locazione pari al 2% e le mache da bollo in base a quante copie decidi tu di registrare.
     
  3. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Ti ringrazio per la risposta!
    Prima dell'avvento della registrazione telematica,io ho sempre compilato modelli f23 con 0,50% sul canone annuo e non sul deposito cauzionale,come richiesto dall'AdE.E' questo che non capisco.
     
  4. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Infine, è bene rilevare che l'agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 151/E del 22 maggio 2002, innova quanto affermato dalle precedenti interpretazioni (circolare 14 ottobre 1983, n. 88; risoluzioni 250795 del 23 marzo 1983 e n. 240104 del 25 luglio 1983), nel senso che prevede l'applicazione dell'imposta di registro dello 0,50% sull'ammontare del deposito cauzionale solo nel caso di garanzie prestate da terzi a favore di una delle parti (conduttore), con esclusione invece di quelle prestate direttamente dal conduttore.
     
    A helptech e Umberto Granducato piace questo messaggio.
  5. stef71

    stef71 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    lo 0,50% viene calcolato sull'importo della garanzia prestata "da terzi".

    Esempio se tu hai un canone di 600 euro e richiedi una fideiussione di 12 mensilità di canone --- > avrai un'importo di 7.200 euro sul quale ti calcola lo 0,50 ---> cioè 36 euro.
     
  6. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Nel mio caso,il garante,persona fisica citata nel contratto,garantisce di pagare il canone annuo in caso di insolvenza del conduttore. Il deposito cauzionale di 3 mesi viene lasciato dal conduttore stesso e non da terzi.
     
  7. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Scusa, non capisco, nel tuo caso, hai inserito una clausola che una terza persona diventa garante per il pagamento de canone, giusto?
    ma non rilascia una garanzia in denaro, giusto?

    Quindi a mio avviso non devi flaggare su garanzia di terzi, inquanto quello si riferisce sul deposito del titolo, e non sulla garanzia in caso di pagamento dei canoni.

    La registrazione viene fatta normalmente e lo 0,50% sulla cauzine non va calcolata, inquanto il deposito e dell'inquilino..
     
  8. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Il locatore può assicurarsi il pagamento del corrispettivo della locazione, richiedendo al conduttore che qualcuno – estraneo al rapporto di locazione - persona fisica o ente collettivo (banca/assicurazione) – ne garantisca il puntuale versamento.

    Se la garanzia è prestata da una persona fisica, da un punto di vista formale, occorre espressamente identificarla in contratto: tale soggetto, chiamato a dare garanzie, obbligandosi personalmente verso il locatore per il pagamento delle obbligazioni altrui, deve firmare il contratto e comparire, tra i soggetti destinatari degli effetti giuridici dell’atto, nel quadro B del modello 69;

    Attenzione: l'esposizione di garanzia, in tal caso, non è costituita dal deposito cauzionale, ma è pari allo 0,50% del canone annuale per l'intera durata contrattuale: in pratica, in caso di contratto 4+4, la tassa è pari al 2% del canone annuale, con un minimo di 168 euro. Il Testo unico dell’imposta di registro, 26 aprile 1986, n°131, infatti, all’art. 41 – Liquidazione dell’imposta (in vigore dal 29 novembre 2006) - rimanda alla Tariffa, Parte 1, art. 11 – Atti soggetti a registrazione in termine fisso. Atti pubblici e scritture private (in vigore dal 1 febbraio 2005) che recita: Atti pubblici e scritture private autenticate […] atti di ogni specie per i quali è prevista l’applicazione dell’imposta in misura fissa ………….. euro 168,00.

    Tale garanzia ha, però, un termine: la fine del primo quadriennio, nel caso sovraesposto o del triennio, in caso di contratto agevolato 3+2. In seguito, se il contratto continua e il locatore pretende analoga forma di garanzia, dovrà nuovamente rinnovarla in decorrenza della proroga.

    Se il contratto è in cedolare secca, il Decreto Semplificazioni Fiscali DL 16/2012 convertito in legge, all'art. 4 (Fiscalità locale) 1-bis, riprendendo quanto previsto dall'art. 3, comma 2, del D.Lgs. 14 marzo 2011, n°23, ha recentemente stabilito che "i contratti di locazione aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo, qualora assoggettati a cedolare secca, alla fideiussione prestata per il conduttore non si applicano le imposte di registro e di bollo".

    Le cose si fanno, invece, un poco più complesse se il contratto di locazione - in cui sia presente una pattuizione di garanzia - sia in regime ordinario: in tal caso, infatti, occorrerebbe pagare due volte l’imposta di registro, una per la prima annualità (cod. trib. 115T) - con un minimo (solo per il primo anno) di 67,00 euro - l’altra per la garanzia (cod. trib. 109T) - con un minimo, come s'è visto, di 168 euro. L’Agenzia delle Entrate, nella risoluzione n°272/E del 3 luglio 2008, ha però precisato che se l’imposta proporzionale dovuta per ciascuna disposizione è inferiore all’importo minimo di legge, ed è inferiore a detto valore anche la somma degli importi dovuti per ciascuna disposizione (ad esempio 50 euro), in questo caso, le cose cambiano, in quanto l’imposta di registro deve essere corrisposta in misura fissa una sola volta, in quanto la formalità della registrazione, alla quale va sottoposto il contratto contenente più disposizioni e per l’esecuzione della quale il legislatore ha previsto un importo minimo, è unica, vale a dire 168 euro. Pertanto, nel modello F23 occorrerà procedere in questo modo: il totale da pagare è 168 euro, ma così suddiviso:

    a) Registrazione contratto (prima annualità): 2% del canone annuo (cod. trib. 115T)

    b) Garanzia prestata da terzi: la differenza per arrivare a 168 euro (cod. trib. 109T).
     
    A Frenz piace questo elemento.
  9. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Grazie Pennylove!! :) infatti è la procedura che ho sempre seguito quando si registrava col cartaceo. Ma ora essendoci l'obbligo della registrazione telematica è un grande casino,perchè l'imposta di registro viene calcolata in automatico e non considera la garanzia prestata da terzi. Che si fa??

    Irene1 : infatti,tramite contratti di locazione non si deve flaggare garanzia terzi nel caso in cui il deposito/fidejussione non sia consegnata da terzi. Però questo non risolve il problema.
     
  10. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    I modelli Siria e IRIS non sono utilizzabili in tutti i casi. I contratti devono contenere esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprendere ulteriori pattuizioni (quali ad esempio fideiussioni prestate da terzi): si veda, a tal proposito, quanto precisa, la circolare n°26/E dell’anno scorso, a pag. 14 (utilizzo del modello Siria) e, sul portale dell’Agenzia delle Entrate (utilizzo del modello Iris) qui: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/registrare/contratto di locazione/compilazione e invio/sw comp reg ordinario modello iris

    Non resta, quindi, che il mesto pellegrinaggio in Agenzia oppure, nel caso in cui il garante fosse il padre che risponde delle obbligazioni contrattuali del figlio, fare comparire il garante, a tutti gli effetti, come intestatario del contratto e registrare il medesimo in via telematica con la procedura on-line, risparmiando tempo e denaro.
     
    A Limpida e Irene1 piace questo messaggio.
  11. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io ho sempre applicato lo 0,50% sull'importo della fideiussione, ma nel mio caso era bancaria. Anzi, e' stato l'ufficio delle entrate che me lo ha confermato, ma facendo un giretto di 5 ore in web, mi sono accorta che l'applicazione molte volte e' lasciata all'interpretazione dei diversi uffici.

    Andiamo bene........
     
  12. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    per concludere...non c'è soluzione :risata: tranne tentare di andare all'Agenzia.
    Grazie a tutti per le risposte..gentilissimi
     
  13. stefaniave

    stefaniave Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    scusate... ho lo stesso problema e non ho capito bene cosa devo fare; mi spiego meglio: contratto locazione tra privati 4+4 canone annuo 6.120. A titolo di garanzia viente fatto un'assicurazione (affitto assicurato) che copre:
    1)fideiussiussione a garanzia del canone mensile per un massimo di 12 mesi non pagati (dura 4 anni)
    2)fideiussione 3 mensilità del canone in sostituzione del deposito cauzionale.
    Come devo pagare l'F23?
    Io pensavo così:
    115T € 122,40 (2% canone annuo)

    Mi sembra di capire che non è sufficiente, cosa devo aggiungere?
     
  14. stefaniave

    stefaniave Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ultima domanda... qual'è l'importo che devo mettere nella casellina della garanzia del programma contatti di locazione dell'agenzia delle entrate? io avevo pensato di mettere l'importo del premio di assicurazione ma deduco sia sbagliato... la frase viene così:
    10. GARANZIA. A garanzia, prestata da affitto assicurato, delle obbligazioni assunte con il presente contratto, e’ stata corrisposta alla parte locatrice la somma di Euro 765,50 per il pagamento del premio assicurativo della polizza n. XXX della quale le parti sono gia’ in possesso del contratto e dichiarano di ben conoscere.
    ma forse come importo devo mettere 12 mesilità + 3 mensilità?
     
  15. Utente2012

    Utente2012 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Non ho mai fatto pagare la tassa e l'agenzia delle entrate non l'ha mai richiesta. In verità non si tratta di fidejussioni nel mio caso,ma cessione del credito. In generale comunque devi mettere l'importo totale,quindi le 15mensilità. Il problema sorge dal fatto che ogni Agenzia decide autonomamente come agire in questi casi.
     
  16. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Nel caso che la garanzia venga fornita da un istituto bancario o assicurativo è assai dubbia la legittimità da parte delle Entrate di richiedere imposizioni fiscali di sorta. La materia rimane, comunque, controversa e nonostante la Direzione Centrale Normativa e Contenzioso sia intervenuta in passato per chiarire alcuni aspetti della vicenda tributaria, continuano a segnalarsi comportamenti difformi tenuti dagli uffici delle Entrate, perdurando divergenze di vedute.

    Ho espresso il mio pensiero qualche tempo fa su questo sito. La fideiussione prestata da un ente collettivo (banca/assicurazione) non è soggetta ad imposta di registro, a mio personale avviso, per due sostanziali motivi:

    a) L’imposta di registro – nello misura dell’ 0,50% - è dovuta soltanto quando la garanzia è versata da un soggetto privato estraneo al rapporto di locazione. Un istituto bancario o assicurativo che eroghi una fideiussione a garanzia del pagamento dei canoni è un soggetto passivo IVA e l’imposta di registro, in tale fattispecie, non si applica .

    b) In tale fattispecie, in genere, il rappresentante legale dell’ente che rilascia la fideiussione su un importo garantito non entra giuridicamente in contratto, non lo controfirma, né compare – tra i soggetti destinatari degli effetti giuridici dell’atto – nel quadro B del modello 69 e, in tal caso - se manca l’attore, manca l’imposta - l’imposta di registro non è dovuta.

    Quanto, poi, agli strumenti telematici a pedali :sorrisone: (Siria, Iris ecc.) predisposti dall’Agenzia delle Entrate, nel caso di garanzie prestate da terzi, i medesimi non sono fruibili: i contratti devono contenere esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprendere ulteriori pattuizioni come, appunto, garanzie fideiussorie prestate da terzi.
     
    A Limpida, Antonello e stefaniave piace questo elemento.
  17. stefaniave

    stefaniave Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie mille Pennylove, secondo te come devo fare per registrare telematicamente un contratto con assicurazione? Tu come fai?
     
  18. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ciao Stefaniave, ieri mattina sono stata all'ufficio delle Entrate di Montebelluna (TV), la loro risposta al quesito di che tipo di imposta devo pagare con fideiussione assicurativa a garanzia di tutti i canoni e danni provocati nell'immobile per una somma max di 2700,00 è stata che devo applicare lo 0,50% sui 2700,00.

    Il mio dubbio sorgeva anche sul fatto che l'assicurazione chiedeva che nel contratto la dicitura riportasse la frase " per tutti i singoli canoni", ma il responsabile dell'AdE mi ha specificatamente richiesto solo lo 0,50% sulla somma max.

    Gli ho anche chiesto se deve essere con un minimo di 168,00, ma mi hanno risposto che in questo caso è proporzionale.


    Paese che vai responsabile che trovi:innocente:
     
    A stefaniave e Antonello piace questo messaggio.
  19. stefaniave

    stefaniave Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie Irene 1 ma come lo scrivi nel programma "contratti di locazione" dell'agenzia delle entrate? in defolt viene scritto che si consegna al locatore la somma di €xxx che è l'importo massimo garantito ma il locatore non riceve nessuna somma!!!!
     
  20. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io scrivo che l'importo max garantito è pari a euro 2700,00, e lo scrivo nella schermata iniziale disciplinandolo specificatamente nell'articolo che scriverò di pugno.

    Così mi ha detto di fare il responsabile, dicendomi cmq di tenere sempre il contratto nell'eventualità che dovesse sorgere un contenzioso in merito.

    Questo è l'unico modo per far calcolare al programma l'imposta.

    Ma devo ancora inizare a scriverlo, quindi........
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina