1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maurizio

    maurizio Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    volevo chiedere se qualcuno ha esperienza in merito:
    l'agente immobiliare non effettua le visure ipotecarie su di un immobile oggetto di compromesso sul quale invece risulta esserci un ipoteca.
    La domande sono queste:
    1. l'AI è responsabile ?
    2. L'assicurazione sui rischi professionali copre la restituzione della caparra versata dall'acquirente?
     
  2. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Dunque la questione è delicata e molto attuale.

    La legge ci impone di riferire "tutto quanto a nostra conoscenza" all'acquirente, e l'unico obbligo consiste nell'informare l'acquirente circa "note" vicissitudini dell'immobile.

    E fin qui tutto bene. In linea teorica sarebbe sufficiente che l'AI non si informasse su nulla e automaticamente non sarebbe responsabile di un cavolo di niente.

    Se non che, la giurisprudenza corrente ha stabilito che "palesi difformità", o vicende arcinote debbano obbligatoriamente essere conosciute dall'agente immobiliare e di conseguenza riferite all'acquirente o alle parti.

    Durante il ricevimento di incarico o mandato di vendita, è obbligo dell'agente immobiliare identificare il legittimo proprietario dell'immobile e identificare l'immobile stesso. Come? Attraverso la visione dell'atto di provenienza, della planimetria e del certificato catastale. Inoltre è altrettanto necessario visitare l'immobile di persona. Il che messo in relazione con la documentazione già dovrebbe fornirci una chiara idea sulle eventuali difformità planimetriche, le servitù eventuali, i diritti di terzi sulla proprietà, il regolamento condominiale contrattuale (e non assembleare) e altre cose di questo tenore.
    Inoltre l'identificazione del venditore ci permette di sapere se costui o costei sono riconosciuti dall'opinione pubblica come cattivi pagatori o in generale gente di cui non fidarsi.

    Diciamo che qui si fermano gli obblighi di legge e di giurisprudenza dell'agente immobiliare classico.

    Ergo non siamo obbligati a fare delle visure ipotecarie se non abbiamo sentore palese che ci possa essere qualcosa sotto. Resta l'obbligo di chiedere (e mettere per iscritto l'esito sul mandato o incarico di vendita) al venditore se l'immobile sia viziato da ipoteche o altri pesi e vincoli di sorta.
    Se il venditore nega addebiti di questo tipo siamo salvi (ripeto solo se lo indichiamo sull'incarico o mandato di vendita, altrimenti rimane "verba volant").

    Detto questo che risponde alla tua domanda, resta la responsabilità professionale ed etica di aver messo un Cliente nei guai. E proprio per questo, consiglio vivamente di spendere 20 euro e fare sempre una visura ipotecaria dell'immobile. Perche?

    • Siamo pagati molto bene per il lavoro che facciamo[/*:m:b3lsli8l]
    • Un Cliente sicuro e un Cliente soddisfatto[/*:m:b3lsli8l]
    • Non ci faremo sorprendere dal Notaio che scopre un'ipoteca non cancellata, dimenticata o ignorata.[/*:m:b3lsli8l]
    • Eviteremo di perdere tempo su un immobile eventualmente non vendibile o non vendibile "liscio" spendendo solo 20 euro anzichè migliaia in pubblicità e visite inutili.[/*:m:b3lsli8l]

    Sulla questione assicurazione, leggendo il contratto sembrerebbe proprio che l'assicurazione serva a quello. Temo francamente che qualora il tribunale si esprimesse con una condanna a carico dell'AI, l'assicurazione dopo aver pagato l'acquirente, si potrebbe rivalere sull'AI per il risarcimento del sinistro, ma non ho pratica (per fortuna) in questo tema, nè ho mai sentito di vicende del genere...

    Se qualcuno ne sa qualcosa...

    g
     
    A VeniceRealDeal piace questo elemento.
  3. maurizio

    maurizio Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    perfettamente d'accordo su tutto.
    Io le visure le faccio, è che siamo entrati in discussione con n collega il quale passandomi un immbile in collaborazione sosteneva di non doverle fare a suo giudizio basta la dichiarazione nel preliminare resa dal proprietario che dichiara di non avere ipotece ed eventualmentedi ripulire l'imobile entro la data del rogito
     
  4. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    In effetti non ha torto. E' come dice lui in linea teorica, ma anche pratica se non hai a cuore arrivare alla pensione senza pensieri.

    E questo è uno dei problemi degli AI. Pochi doveri <-> Pochi diritti :basito:

    g
     
  5. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Concordo con i commenti sopra.
    Il problema, secondo me, è che molti moduli di proposte di acquisto, benchè regolarmente accettati dalla cciaa, rimandano al venditore la dichiarazione di assenza di vizi, e qualche agente svogliato approfitta per non accertarsi dello stato delle cose.
    Buon lavoro.


    ps ottima iniziativa, non se ne poteva più del blog.
     
  6. mariluz

    mariluz Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    ciao sono mariluz ho letto le vostre email e anche io volevo dire qualcosa: io per esempio ogni volta che prendo in vendita un immobile faccio sempre le visure ipotecarie catastali proprio per evitare poi spiacevoli conseguenze all'accquirente. Perchè dobbiamo sapere che non tutte le persone sono oneste come noi e non sempre il proprietario ci dice l'effettiva verità. E questo è un modo per cercare di capire un po' l'origine, la storia dell'immobile. A me una volta è capitato di andare a astimare un immobile e i proprietari persone all'apparenza tranquille non mi avevano detto che l'immobile era ipotecato cosi io al ritorno nel mio ufficio come sempre ho effettuato le mie " indagini" da ispettore Gadget e ho scoperto che la questione era piu' impicciata del previsto. Cosi non me la sono sentita e ho rifiutato l'incarico. Non sempre prendere un immobile ipotecato è un bene perchè se non capiamo bene l'imbroglio rischiamo di farne anche noi facendo trovar male poi l'accquirente che gia' di per se prevenuto nei nostri confronti capirai succede che involontariamente sbagliamo qualcosa ci mandano alla ghigliottina senza che ce ne accorgiamo. E poi non sempre l'accquirente è contento quando gli parli di immobile ipotecato altri scappano, altri diventano cosi apprensivi che ti tolgonmo il respiro e poi non se ne fa niente.Io se posso quando mi capiatano queste situazioni cerco di evitarle se non posso fare a meno cerco di saperne di piu' per non poter poi sbagliare.E non sempre poi se accetti riesci a pulire l'immobile prima del rogito.Comunque io quando scrivo un preliminare o un compromesso personalizzo sempre il modulo dicendo anche se l'immobile è ipotecato ono. Perche io penso che questo rientri un po' nell'aspetto delle respnsabilita' del mediatore il quale deve essere sempre scrupolosissimo e non fidarsi mai delle apoparenze altrimenti si sbaglia. ciao a tutti mariluz :risata: :risata: :risata:
     
  7. Patty

    Patty Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    io spiego ai miei clienti la differenza tra ipoteca volontaria e ipoteca giudiziale e li invito a chiamare un notaio qualsiasi e a fargli la stessa domanda, tutti sono sempre stati in grado di capire che con quella volontaria non correvano nessun rischio, solo uno, più timoroso, ha voluto comunque che il venditore la calcellasse prima dell'atto (cioè senza avvalersi del decreto Bersani) ed è stato fatto tranquillamente.
    Per altri tipi di ipoteche non prendo nemmeno in considerazione l'immobile in quanto di fatto invendibile

    p.s.:attenzione, anche le coppie che si separano vi possono far lavorare per niente, di solito la moglie rifiuta qualunque tipo di offerta per di continuare ad abitare in casa sua :rabbia:
     
  8. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non so nelle città dove lavorate, ma nella mia sono moltissimi i casi di ipoteca giudiziale dovuta ai pignoramenti Equitalia o altre cose del genere.

    L'importante è sapere. Quest'anno mi sono fatto tre vendite davanti al giudice e una volta finito ho ricevuto coppie di bottiglie di vino dai clienti. Potrei aprire un'enoteca :risata: E queste si che sono soddisfazioni (e pubblicità).

    Io non rifiuto incarichi di case "difficili", solo mi organizzo per affrontarle al meglio, costituendo un mini staff di tecnici e legali per garantire entrambe le parti. Mi sono fatto anche una bella esperienza...

    Per ora, toccando ferro, sono andate tutte a buon fine. Anche quelle con cause ereditarie sono un bel casino...

    (Buona Domenica a tutti :) )

    g
     
  9. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Attenzione colleghi l'argomento e' scottante !
    L' orientamento, ormai sufficentemente consolidato dalla Corte di Cassazione, riconoce le responsabita' del mediatore non solo nella mancata comunicazione alle parti di dati, infomazioni e circostanze a lui note, MA DA LUI CONOSCIBILI secondo l'ordinaria diligenza dell' operatore professionale.
    Vedi:
    - Cassazione Civile sez III 24-10-2003 n. 16009
    - Cassazione Civile sez III 15-5-2001 n. 6714
    - Cassazione Civile sez III 08-05-2001 n. 6389
    - Cassazione Civile sez II 22-03-2001 n. 4126
    - Cassazione Civile sez III 26-5.1999 n. 5107
    - Cassazione Civile sez III 17-05-1999 n. 4791
    Stiamo cercando di porre rimedio con una modifica legislativa alla Legge 39/1989 !!
    Luciano Passuti
    Presidente Onorario Fiaip
    Ufficio Studi
     
  10. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Si è quello che si è scritto.

    Che tipo di modifica a questo proposito vorreste inserire Luciano?

    g
     
  11. ary11

    ary11 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Sinceramente fare le visure mi sembra dovereso da parte nostra ed a mio avviso e parere e un segnale di professionalità.
     
  12. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Nelle modifiche alla legge 39/89 vorremmo inserire che le responsabiltia' del mediatore sono valide solo se il cliente ha conferito specifico incarico all'agente immobiliare
     
  13. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Questa mi piace ;) Anche se è inevitabile voler fare bella figura e quindi fare lo stesso le visure.
    A mio parere un buon professionista, lo è a prescindere da cosa dice la legge. Anche se la modifica proposta da Luciano mi sembra coerente con la direzione di attribuire gli oneri ma anche gli onori agli AI professionisti.

    g
     
  14. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Assolutamente d'accordo con Giorgino e con Arianna: è proprio il prendersi la responsabilità di azioni a tutela delle parti, anche se non previste dalle legge, che qualifica l'AI professionale, rendendolo diverso dalla moltitudine di "acchiapponi" (NdR: a Roma dicesi "acchiappata" l'operazione per cui il sedicente mediatore pretende i soldi subito dopo l'accettazione della proposta e pi scompare :fico: )

    Sottolineo volentieri anche l'osservazione di Patty: ATTENZIONE, PERICOLO!! :shock: :shock:

    Situazione da evitare come la peste (una mia amica che ci è finita dentro ha trattato una casa per più di 1 anno!!)

    Taita ;)
     
  15. Fabius973

    Fabius973 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Vorrei porre una domanda sulla questione:ma non è nell'interesse dell'AI fare le visure?Che senso avrebbe spendere tempo a far visitare un immobile, e a far scrivere proposte d'acquisto agli acquirenti se poi salta fuori,perchè salta fuori, prima del preliminare che l'appartamento è ipotecato e quindi, forse, invendibile.E se fosse pignorato adddirittura, o già messo all'asta?
    Ve lo chiedo perchè so che gli appartamenti ipotecati sono vendibilissimi, basta che il venditore estingua le ipoteche con i soldi ricevuti al preliminare e così l'immobile è pulito prima del rogito, questo se ovviamente l'ipoteca ha un importo ragionevole. Mi sembra quindi ovvio che un AI debba sapere se l'appartamento è ipotecato e a quanto ammonta l'ipoteca, per capire se l'apprtamento di fatto è vendibile o no.
    Vorrei sapere da qualche AI che non fa le visure una volta preso l'incarico di vendita, come si comporterebbe nel caso saltasse poi fuori l'ipoteca...
    Grazie per le risposte!
     
  16. nicola quintavalle

    nicola quintavalle Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Sig Passuti mi permetto di aggiungere qualche altra pronuncia più recente che ci obbliga ad effettuare le visure ipotecarie: cassazione 2011-09-19 n. 19095 e la ultimissima 2015-04-10 n. 7178
     
  17. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ...
    ottima precisazione...
    ndr Il Sig Passutti non e' piu fra noi da qualche tempo :triste:

    tornando al post , ci sono pareri discordanti degli ermellini, a prova dello stato di diritto in cui viviamo, dove sia a sedi riunite che no, a fronte della stessa situazione danno pareri diversi
     
    Ultima modifica di un moderatore: 19 Giugno 2015
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  18. nicola quintavalle

    nicola quintavalle Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ....
    effettivamente ci sono tante sentenze di cassazione che sostenevano il contrario; dunque, pare esserci una inversione di marcia, da parte degli ermellini, nei confronti della responsabilità del mediatore.....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina