• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Demarco

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Buon giorno tempo fà ho venduto un immobile facente parte di un complesso intestato agli stessi proprietari, composto da due fabbricati ed un terreno edificabile posto tra i due.
nel 78 è stato presentato progetto fognario presso il comune e regolarmente accettato è protocollato detta rete attraversava e serviva tutte e 3 le proprietà, risultanti regolarmente allacciate alla rete fognaria.
Gli eredi decidono di vendere tutte le proprietà a 3 acquirenti diversi;
Uno degli eredi vende il lotto centrale del terreno ad un terzo soggetto il quale durante i lavori trancia la rete fognaria che attraversava il suo terreno e che a sua volta scaricava nel collettore fognaria.
Uno dei 3 acquirenti " proprietario di una delle due case a confine con il terreno residente nella stessa" si accorge che durante i lavori la sua fogna era stata tranciata ed obbliga il proprietario del terreno al ripristino.
La seconda casa in quanto non abitata ad oggi si trova con la fogna tranciata sul confine del proprietario del terreno proprio sul pozzetto visibile, dal quale adesso fuoriescono liquami.
Preciso che sugli atti di compravendita del terreno non risulta citata la servitù della fogna, perchè essendo di un unico proprietario ai tempi non era stato fatto.
Abbiamo il progetto fognario risalente al 78 protocollato e delle foto dalle quali si vedono i tubi tranciati durante i lavori dal proprietario del terreno.
chiedo lumi sulla vicenda.
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
Da quello che scrivi si tratta di una servitù apparente per destinazione del padre di famiglia, non serve quindi che sia riportata esplicitamente nei rogiti.
 

possessore

Membro Attivo
Privato Cittadino
Preciso che sugli atti di compravendita del terreno non risulta citata la servitù della fogna, perchè essendo di un unico proprietario ai tempi non era stato fatto.
Le servitù si consolidano con l'uso continuato ventennale, anche se non trascritte, come già precisato tra l'altro dall'utente Jan80.

Quindi la servitù esiste ed è vietato impedirla o revocarla senza titolo.

Abbiamo il progetto fognario risalente al 78
Il consolidamento della servitù è operativo in quanto il progetto risale al 1978.
Va citato in giudizio chi ha tranciato il tratto fognario senza averne né diritto, né titolo, interrompendo una servitù fognaria consolidata da ben 2019-1978 = 41 anni.

Serve un legale, e d'urgenza, anche.

E' doveroso precisare che, dualmente, le servitù si prescrivono per impossibilità di uso e mancanza di utilità, ma solo quando sia decorso il termine ventennale di prescrizione (art. 1074 c.c.)

FONTE: http://www.dirittierisposte.it/Schede/Proprieta/Diritti-reali/servitu_id1165340_art.aspx

Quindi, il legale serve a:

1) Interrompere FORMALMENTE, con DIFFIDA, l'impossibilità d'uso della servitù;
2) Citare in giudizio la parte che ha interrotto l'uso della servitù senza autorizzazione e senza titolo, chiedendo l'immediato ripristino e il risarcimento danni patiti e patendi per i disagi e gli oneri derivati.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Non sono certa che una rete fognaria ( quindi messa sottoterra), possa essere considerata una opera apparente e visibile, requisito necessario per la costituzione di una servitù per usucapione, o per destinazione del padre di famiglia.
Procedi dopo aver approfondito.
 

possessore

Membro Attivo
Privato Cittadino
Le servitù, a mio avviso, si possono instaurare per tubazioni di acque bianche e nere, e per tubazioni del gas, indifferentemente.

E su queste direi che non si scherza proprio.

Vale anche per i cavi della corrente elettrica e delle linee telefoniche, fibra inclusa.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Le servitù, a mio avviso, si possono instaurare per tubazioni di acque bianche e nere, e per tubazioni del gas, indifferentemente.
SI, ma è necessario che il proprietario del fondo ne sia al corrente.
Ho qualche dubbio, in questo caso, se non riportate in atto, sulla loro eventuale costituzione.
 

possessore

Membro Attivo
Privato Cittadino
Resta il fatto che una situazione preesistente è stata modificata unilateralmente e senza diritto, e che un fondo si trova senza adduzione fognaria, quando precedentemente ce l'aveva eccome! Mi pare abbastanza grave.
 

Demarco

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Buon giorno, è corretto procedere in tal senso:
Denuncia scritta per interruzione tubo fognario al mappale nr. da fare pervenire a mezzo AR. per conoscenza al comune, a chi ha tranciato la fogna, al venditore dell'immobile ed al venditore del terreno i quali non hanno inserito la servitù negli atti notarili.
Lettera del legale con il quale si richiede un accertamento tecnico preventivo CTU per accertare il danno.
attendo osservazioni
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Secondo me sono più responsabili coloro che hanno venduto, senza informare della presenza della fogna, che non il proprietario del terreno ( che non poteva sapere, se nessuno lo aveva informato).
Cosa dice l’avvocato ?
 

Jan80

Membro Assiduo
Professionista
La servitù è apparente quando esistono delle opere per le quali appare chiaro la sua esistenza. Che queste opere non siano permanentemente visibili non importa: nel caso specifico se si scava e si trovano delle tubazioni provenire da altro fondo è chiaro che siamo di fronte a una servitù, che potrebbe essere anche estinta per mancanza di utilizzo ventennale. Questo però non dà diritto di tranciare e fare finta di nulla.

Per me c'è una discreta responsabilità dell'attuale proprietario che poteva benissimo evitare di fare il danno, e comunque, poteva tranquillamente ripristinare lo stato di fatto precedente, cosa che evidentemente non ha voluto fare.
Inoltre, poteva andare a reperire i precedenti edilizi del fondo, se non li aveva già recuperati prima (se devi costruire devi comunque citare i precedenti edilizi nell'istanza del titolo abilitativo).

Prova prima con le buone, altrimenti ti servirà un legale.
 

Demarco

Membro Attivo
Agente Immobiliare
buon giorno, il venditore del terreno e dell'abitazione hanno deciso di sistemare la faccenda a spese loro, aprire un contenzioso legale sarebbe stato molto più rischioso in termini anche di costi.
è andata bene al distruttore della fogna.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

manukka ha scritto sul profilo di John S..
john S. ho bisogno di parlarti sto in una situazione simile alla tua mio padre finge volere aiutare e vuole vendere casa . lui non si é mai interessato scrivimi su facebook ok? https://www.facebook.com/manuela.amari.92
StefyC88 ha scritto sul profilo di Fran77.
Certamente! Senza problemi mi puoi contattare in privato, non ti nego che conosco il Salento, anche perché sono Pugliese, più specificatamente di Foggia, ma vivo a Roma, quindi sarebbe magnifico se potessimo collaborare insieme. Aspetto tue notizie! A presto
Alto