• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nesh2305

Membro Attivo
Privato Cittadino
Ciao
scusate l'oggetto poco chiaro ma non riuscivo a sintetizzare il concetto.

Abito in una via di complessi indipendenti ognuno con il proprio numero civico e quindi niente in comune.
Il mio vicino deve fare un lavoro sulla sua cinta (alzarla di 50cm) e l'architetto che gli sta seguendo i lavori ha comunicato che prima di iniziare i lavori, deve avere l'autorizzazione scritta da parte dei "vicini" di civico (tra cui io).
io non ho nessun problema a dare l'autorizzazione scritta perchè sono in ottimi rapporti con il vicino e se alza di 50cm la sua cinta a me non da nessun fastidio.

Però allo stesso tempo vorrei tutelarmi.
Innanzitutto volevo chiedervi se è necessaria questa nostra autorizzazione per il lavoro della cinta.
In più vorrei che la mia autorizzazione si limitasse solo ed esclusivamente alla cinta. Non vorrei che dando autorizzazione ai lavori (non so se venga specificato l'autorizzazione solo per la cinta) mi trovo delle sorprese oltre la cinta. Come faccio a tutelarmi in questo? se chiedo al vicino di far redigere all'architetto un documento dove indicata che io do l'autorizzazione solo ed esclusivamente per la cinta e non per alto, ha valore legale nel caso poi succeda qualcosa e si vada per via legali? l'architetto può rispondere eventualmente in caso non venga rispettata l'autorizzazione e il progetto?

grazie
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Ciao
scusate l'oggetto poco chiaro ma non riuscivo a sintetizzare il concetto.

Abito in una via di complessi indipendenti ognuno con il proprio numero civico e quindi niente in comune.
Il mio vicino deve fare un lavoro sulla sua cinta (alzarla di 50cm) e l'architetto che gli sta seguendo i lavori ha comunicato che prima di iniziare i lavori, deve avere l'autorizzazione scritta da parte dei "vicini" di civico (tra cui io).
io non ho nessun problema a dare l'autorizzazione scritta perchè sono in ottimi rapporti con il vicino e se alza di 50cm la sua cinta a me non da nessun fastidio.

Però allo stesso tempo vorrei tutelarmi.
Innanzitutto volevo chiedervi se è necessaria questa nostra autorizzazione per il lavoro della cinta.
In più vorrei che la mia autorizzazione si limitasse solo ed esclusivamente alla cinta. Non vorrei che dando autorizzazione ai lavori (non so se venga specificato l'autorizzazione solo per la cinta) mi trovo delle sorprese oltre la cinta. Come faccio a tutelarmi in questo? se chiedo al vicino di far redigere all'architetto un documento dove indicata che io do l'autorizzazione solo ed esclusivamente per la cinta e non per alto, ha valore legale nel caso poi succeda qualcosa e si vada per via legali? l'architetto può rispondere eventualmente in caso non venga rispettata l'autorizzazione e il progetto?

grazie
Chiaro che serve la tua autorizzazione perché il muro di cinta è di tutti e 2, ben venga che venga alzato sia per questioni di privacy che di sicurezza

Sicuramente nella richiesta che ti verrà presentata avrai descritto chiaramente quello che vogliono fare, altrimenti fosse troppo "vago" il lavoro da farsi, oltre ad alzare il muro di 50 cm potresti ritrovarti con del filo spianto elettrizzato che emana gas lacrimogeno (ovviamente ho esagerato in eccesso)
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Firma solo se quello che ti sottopongono ti va bene, e, soprattutto fatti lasciare copia di quanto firmato.
 

nesh2305

Membro Attivo
Privato Cittadino
Grazie a tutti per le delucidazioni. Allora mi faccio dare il documento dal vicino e vedo se si riferisce solo ed esclusivamente all'autorizzazione del cancello. Questo documento ha un valore legale qualora facessero qualcosa di diverso rispetto a quanto firmato?
grazie ancora
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Grazie a tutti per le delucidazioni. Allora mi faccio dare il documento dal vicino e vedo se si riferisce solo ed esclusivamente all'autorizzazione del cancello. Questo documento ha un valore legale qualora facessero qualcosa di diverso rispetto a quanto firmato?
grazie ancora
Allora...se io ti autorizzi ad alzare il muro di 50 cm e poi lo alzo di 1 metro, è chiaro che è come se l autorizzazione non me la hai data. Uguale se facessi altre opere non autorizzate (tipo aperture nel muro stesso) . Mi sembri un po' troppo timoroso
 

nesh2305

Membro Attivo
Privato Cittadino
Lo so. Purtroppo ho avuto in passato un esperienza simile e non avendo fatto i dovuti controlli, ho avuto qualche problemino
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
Sicuramente nella richiesta che ti verrà presentata avrai descritto chiaramente quello che vogliono fare, altrimenti fosse troppo "vago" il lavoro da farsi, oltre ad alzare il muro di 50 cm
Secondo l'ingegnere-pirata, già scrivere che vogliono alzarlo di 50 cm è vago.
Bisogna invece scrivere quanto sarà alto alla fine.

Perché dire "alzarlo di 50 cm" senza specificare quanto era alto in partenza, non significa nulla. E a lavori fatti, vai tu a dimostrare quanto era alto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto