1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. simonjr

    simonjr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti e grazie in anticipo a chi avrà la pazienza di rispondermi.
    Sto valutando l'acquisto di un appartamento in uno stabile di inizio anni 80. Il problema se vogliamo considerarlo tale è che presenta il riscaldamento a pavimento centralizzato. Ora mi sorgono alcune domande:

    - Il riscaldamento probabilmente non è di nuovissima concezione pertanto vorrei capire se veramente conveniente rispetto ad un riscaldamento tradizionale.

    -Se devo effettuare dei lavori di ristrutturazione devo prevedere anche di ristrutturare l'impianto o posso tenerlo cosi com'`e ? quant è la durata di questi impianti?

    - Il condominio potrebbe un domani decidere di inserire delle termovalvole (non so se si possa in un impianto di questo tipo) costringendomi ad effettuare delle rotture sui pavimenti?

    - Sapete quali tipologie di impianti venivano installati a quei tempi?

    Scusate delle troppe domande mai i dubbi sono tanti..

    Grazie ancora,

    Un saluto a tutti..
     
    A stef789 piace questo elemento.
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Chiedi all'attuale proprietario se i sono già state delle perdite. Potresti vederlo anche dai verbali di assemblea. La durata dipende dal tipo di materiale quelli moderni in materiale tipo Pet sono garantiti 30 anni. Prima erano in ferro. Se devi rifare il pavimento ti consiglio di sostituire queste tra virgolette serpentine anzi chiedi pure se ci sono state perdite da chi abita sopra.
     
  3. andrea b

    andrea b Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    La mia casa vecchia ha un impianto del genere. Il difetto principale è che non riesci bene a regolare la temperatura in casa. Poi negli anni i tubi si ostruiscono di ruggine, calcare, ecc. Questi vecchi impianti hanno serpentine abbastanza larghe e rade rispetto agli attuali perché funzionano comunque ad alta temperatura, quelli moderni a bassa, quindi consumano comunque parecchio. Le eventuali valvole in genere si installano dove ci sono le entrate dagli stacchi dalla colonna montante, quindi senza rompere nulla. Dovresti avere all'ingresso dell'appartamento qualche sportello di accesso con i rubinetti per poter isolare casa e le varie sottosezioni. Magari sul pianerottolo. Se devi rifare bagni e cucine, potrebbe avere senso cambiare anche le serpentine in quelle stanze. Sperando di non andare poi tu a creare perdite nelle giunte, altrimenti ti tocca tirare su tutto un'altra volta!
     
  4. simonjr

    simonjr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille,
    Però a questo punto non mi è chiaro se consumi di più o di meno di un impianto di nuova concezione, sembrerebbe da come scritto che consumi di meno..
    Quindi le valvole se o stallate essendo ad inzio dell impianto non sarebbe possibile regolare la temperatura delle stanze ma solo quella generale dell alloggio?
     
  5. sfn

    sfn Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ovviamente consuma di più rispetto ad uno di nuova concezione....
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    In compenso fa da asse da stiro ....
    Quelli di vecchia concezione oltre alle temperature alte ( 60/70 gradi minimo) portano problemi di circolazione e secchezza dell'aria. Se è tua intenzione rifare i pavimenti il mio consiglio è di sostituire i tubi. Dove sono presenti questi vecchi impianti i pavimenti sono un rattoppo unico.
     
    A eldic, ssimone75 e Agenzia Castello piace questo elemento.
  7. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Su questo non ci piove.
     
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ora capisco certe tue dichiarazioni. Cammini sempre sui carboni ardenti hi.
    Dai dai che scherzo. Non ti arrabbiare.
     
    A eldic piace questo elemento.
  9. andrea b

    andrea b Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Cambiata da un anno e mezzo. Con grande soddisfazione anche da quel punto di vista. Però ha i suoi vantaggi, tipo pavimento tiepido in bagno o camera per camminare a piedi nudi.
     
  10. sfn

    sfn Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    in bagno?
    mi sembrava di ricordare che in bagno non lo mettessero....
    un paio di immobili che ho in vendita in bagno ci sono i classici scaldasalviette, il riscaldament oa pavimento li non è stato possibile metterlo....eppure erano nuove costruzioni......
     
  11. simonjr

    simonjr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma dovrei sostituire i tubi con altri della stessa tipologia o con quelli di nuova concezione?
    Una altra cosa non capisco , paragaonato agli impianti tradizionali sempre anni 80 questi hanno dei vantaggi ? Cioè a parità di vecchiaia del palazzo è da preferire uno con in pianto tradizionale o con quello a pavimento?
     
  12. andrea b

    andrea b Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Nel mio palazzo c'erano anche in bagno.
    Se dovessi scegliere, prenderei caloriferi tradizionali in palazzo datato. Più gestibili, con le termovalvole riesci a regolare meglio. Svantaggio, che ingombrano. A pavimento hai tutto libero.
     
  13. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Per quello che ne so, i vecchi impianti a pavimento erano generalmente mal pensati, decisamente impianto tradizionale..
     
    A ssimone75 piace questo elemento.
  14. valvo

    valvo Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Nel mio appartamento, costruito tre anni fa, in bagno ci sono sia le serpentine a pavimento sia gli scaldasalviette
     
  15. sfn

    sfn Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ah si? bene a sapersi... mi sono tolto una curiosità :)
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  16. stef789

    stef789 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao scusa se mi intrometto nella discussione. Mi trovo in questi giorni a fare la tua stessa valutazione. Sto infatti valutando per l'acquisto un appartamento che ha installato il riscaldamento a pavimento condominiale e centralizzato. Il condomino e' stato costruito negli anni 80. Quindi i miei dubbi sono identici a quelli esposti da te. Mi piacerebbe sapere a che conclusioni sei arrivato. Ti ringrazio.
     
  17. simonjr

    simonjr Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao ,
    La mia conclusione è stata che alla fine la casa è stata venduta ad un altra persona ed in questo modo mi sono evitato un po di pensieri :p .
    Credo comunque che la soluzione ottimale sia quella di ristrutturare completamente l' impianto di riscaldamento con tubazioni nuove (per essere sicuro che negli anni non si rompano) ovviamente avendo il budget a disposizione.
    Se questo non fosse possibile valuta quanto ti piace l' alloggio e se è quello dei tuoi sogni ; ho amici che hanno comprato e non si sono fatti problemi.
    Io avevo mollato un pò la presa viste anche le alte spese condominiali e di riscaldamento che non potevo permettermi.
    Spero di esserti stato d'aiuto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina