1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. robertopot

    robertopot Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti.
    Recentemente, in un condominio sono stati sanati 3 sgabuzzini sui 5 totali al piano interrato poichè arieggiati da finestra abusiva sul prospetto. Dopo la sanatoria, consultando l'atto originario di vendita, ci siamo accorti che il nostro sgabuzzino ormai sanato, appartiene ad un altro proprietario, in pratica è avvenuto uno scambio di sgabuzzini da oltre 20 anni. Il problema si pone in quanto lo sgabuzzino di nostra proprietà, ma usato da altro proprietario non rientrava nei 3 sanati. Il tecnico che ha richiesto la sanatoria al comune, ci ha tranquillizzati che in una eventuale futura compravendita, in nostro possesso risulterà quello sanato e utilizzato da noi da sempre e a conferma di ciò ci sarebbero i grafici e i disegni del "permesso di costruire in sanatoria" con rispettive firme e proprietari.
    La domanda è se mi posso fidare di tale atto o è necessaria un azione per usucapione, oppure una permuta di beni immobili anche se dubito che il proprietario dello sgabuzzino NON sanato possa accettare.
    NB.
    Lo sgabuzzino non sanato, di nostra proprietà, ha avuto diversi proprietari e l'ultimo non è in possesso di esso da più di 20 anni, al contrario nostro.
     
  2. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Diciamo che il tecnico è stato un po' troppo facilone.
    Certo è verissimo che in caso di rogito potresti citare nell'atto l'uso ultraventennale della cantina che hai effettivamente sanato a tue spese, ma non si tratterebbe del trasferimento di una proprietà.

    Per regolarizzare il tutto si dovrebbe procedere o con una permuta o con un'usucapione. Io consiglio, se possibile, la prima ipotesi: più rapida ed economica.
     
  3. robertopot

    robertopot Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Gentilissimo
    Ti ringrazio per la risposta.
    Aiutami a capire una cosa però: quale serebbe il senso di citare il permesso di costruire in sanatoria in caso di rogito dato che non attesta il cambio di proprietà?
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Con tutta probabilità, il notaio citerebbe nell'atto di vendita tutta la storia.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina