1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Se su un immobile grava un abuso, ad esempio la mancanza della consessione edilizia, il Notaio può comunque rogitare? Ovviamente ciò accade quotidianamente, ma mi chiedo se in realtà ci siano dei modi per poterlo fare "alla luce del sole".
     
  2. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Un Notaio non può e non deve eseguire atti di compravendita di immobili che non esistono..; e non esistono modi per rogitare, alla luce del sole, immobili senza la concessione edilizia.. rigiro a te la domanda è possibilie eseguire un rogito di un immobile fantasma?
    le risposte sono no e no...

    ...che poi la cronaca narra di situazioni accadute ne ho lette e sentite; che accadono oggi così frequentemente e quotidianamente voglio sperare che non sia così... in ogni caso si tratta di altro.. stiamo parlando di truffa
     
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    In generale la risposta è no, però è fondamentale capire bene i termini del problema, mi spiego... un immobile fantasma è un immobile costruito abusivamente, cioè con totale mancanza di licenza edilizia , probabilmente mai accatastato , ma potrebbe esserci la possibilità che possa essere messo a posto denunciandone la costruzione e addirittura potrebbe essere venduto all'asta dal tribunale nonostante l'abuso ... e questo può essere un primo caso, poi potrebbe esserci la possibilità che l'immobile sia privo di licenza perchè costruito agli inizi del secolo scorso o addirittura prima , allora rientrerebbe ( prechè costruito ante 1967 ) nel primo grande condono... e questo è un secondo caso, ancora ... potrebbe essere un immobile con un abuso pregresso ma condonabile ... è da vedere e leggere bene le carte per vedere se l'abuso è sanabile ... ripeto in teoria ed in generale la rispsota è no, ma un accertamento caso per caso cambia la situazione. Fabrizio
     
    A Graf e Bagudi piace questo messaggio.
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Concordo con quanto detto da Fabrizio (studiopci).
    Ciao salves
     
  5. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao Fabrizio è vero :fiore: .. facendo gli opportuni distinguo potrebbero alcuni abusi essere sanati e rogitati, ma senza la concessione edilizia che è strumento relativamente recente mi sembra strano, ma mai dire mai..

    .. sull'esistente comunque, la mia esperienza è che facendo le opportune ricerche presso gli uffici preposti, su buona parte degli immobili, anche realizzati all'inizio del secolo scorso o ante '67 si trovano i riferimenti urbanistici ed edilizi; magari ai tempi venivano chiamati in maniera differente, nulla osta o permessi e/o licenze a costruire piuttosto che licenze edilizie e sempre che non siano andati perduti per ragioni specifiche (incendi o smarriti nei trasferimenti tecnici) si trovano i documenti.. :fiore: certo non posso estendere questa realtà altrove... :stretta_di_mano:

    ..a volte basta riuscire a recuperare gli atti di provenienza a ritroso per risalire allo strumento edilizio che certifica l'esistenza dell'immobile...
    ..prima, ma non molto tempo fa, c'era la buona abitudine di lasciare al nuovo acquirente tutti i rogiti precedenti.. ora capisco che è delirante lasciare i faldoni ma trovo altrettanto inconcepibile che i notai oggi si limitano a citare negli atti che redigono, gli atti precedenti, inserendo la magica frase i cui contenuti, patti e condizioni qui si intendono integralmente riportati, senza sapere di cosa effettivamente si parla...
     
  6. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    In questo caso non parlavo di aste, in quanto sono (per professione) ben informata... In quel caso dall'aggiudicazione si hanno 120 giorni per sanare ed è possibile quasi sempre.
    Mami sta capitando di dover vendere immobili "in sofferenza" cioè pignorati ma non ancora all'asta, quindi con rogito notarile. Devo ammettere che lacuni rogitano senza fare troppi problemi, mentre altri no! Chi compra ovviamente vista la convenienza (pari a meno il 40% del valore) non va molto per il sottile.....
     
  7. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    A questo punto mi chiedo cosa centra la richiesta iniziale?

    Ciao salves
     
  8. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    concordo con Salves,
    Ciao
     
  9. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    A me sembra posta in maniera abbastanza chiara...
    Un esempio: casa costruita nel 1992 senza concessione edilizia, non "fantasma" regolarmente accatastata, può essere nell'irregolarità in cui verte?
    Oppure: casa con un ampliamento volumetrico per cui non è stata chiesta domanda in sanatoria, può essere acquistata?
    Ovviamente so che non è possibile richiedere mutuo in questi casi, perchè le banche effettuando loro perizia e sono abbastanza fiscali per non incorrere in futuri eventuali problemi...
    Ma se l'acquirente non si fa problemi è possibile?
     
  10. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    sorry la domanda era questa...

    ribadisco no alla prima e no alla seconda... può un immobile "problematico" dopo che il problema viene risolto, ammesso che sia risolvibile, essere da un notaio rogitato si.. si tratta di capire il problema...

    resto sconcertata quando riferisci che la cosa accade quotidianamente, in realtà alcuni professionisti utilizzano i buchi normativi per rifilare improbabili atti a rischio e questo è argomento per sofisti della legge... ma alla luce del sole si dovrebbe dire molto chiaramente che tutto ciò che non è certo e non corrisponde allo stato di fatto deve essere denunciato... è il mio modesto punto di vista :fiore:
     
    A Limpida piace questo elemento.
  11. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ... se l'acquirente decide in tutta consapevolezza di accollarsi il rischio bontà sua...
     
  12. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Tacendo tutto al notaio, tutto è possibile, è possibile anche deliquere, ma che professionalità diamo e che dottrina se diciamo ai clienti fate quello che volete tanto se tacete tutto e andate contro le leggi purche lo sappiate solo voi è possibile farlo?

    La prassi giusta è indurre i clienti a regolarizzare quanto realizzato nel rispetto delle norme e della deontologgia professionale.

    Inoltre c'è un detto che dice "le bugie hanno le gambe corte" quindi non si sa mai a qualcuno interessa la situazione c'è sempre poi il codice penale che ci pensa.

    Ciao salves
     
    A Elena piace questo elemento.
  13. Elena

    Elena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ..
    sono assolutamente daccordo con te Salves.. bisogna iniziare a denunciare o segnalare gli abusi

    il problema sta nel fatto che se un professionista abilitato preso atto della situazione dice che l'immobile è invendibile e poi si affacciano sul mercato altre figure che al contrario tranquillizano i "clienti" affermando che quotidianamente tali transazioni vengono eseguite, beh qualcuno diceva che non è una rondine a far primavera..
     
  14. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Un atto che sia viziato da abusi non dichiarati, per quanto ne so io, è nullo.
    Chi si assume questa responsabilità, visto che i notai trovano sempre la formula per far dichiarare alle parti che la documentazione del fabbricato è tutta in regola ?
     
    A Elena piace questo elemento.
  15. Ci sono notai e Notai.
     
    A Elena piace questo elemento.
  16. geomanera

    geomanera Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    partendo da "una casa costruita nel 1992 senza concessione".... se il venditore ha costruito la casa... non la può vendere ed il notaio non la può rogitare in quanto facendo due visure storiche in catasto ed in conservatoria viene fuori il problema... se il venditore l'ha comperata, l'atto di provenienza ha qualche problema in quanto dalla legge 47/85 è obbligatorio inserire i riferimenti relativi ai titoli autorizzativi.... E' vero che oggi non si vende nulla.... ma intermediare una vendita che molto probabilmente darà dei problemi in futuro di varia natura..... .
    se ha qualcuno interessa mi sembra che sia in vendita un loft cintura milano, regolarmente accastato, prezzo affare, zona verde, zona parco monza..... ex castello..... urge chiudere in tempi rapidi.....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina