1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. diego80

    diego80 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    a tutti.
    Spero di presentare al meglio il mio dubbio per poter essere aiutato ad avere maggiori chiarimenti.
    Mercoledì scorso mi sono aggiudicato un appartamento all'asta (unica possibilità per me di acquistare visto i tempi e i costi)

    il proprietario dal 2007 non paga il condominio e quest'ultimo lo ha pignorato nel 2012.

    So per certo che io andrò a pagare le spese condominiali per l'ultimo esercizio e per quello in corso.
    Gli esercizi del condominio seguono l'anno solare 01/01 - 31/12.

    allo stato attuale al 2013 dovrei pagare circa € 2500 circa mentre per il 2014 € 440.

    nello specifico da consuntivo spese 2013 c'è una voce "situazioni private" pari a € 2190 per spese relative a recupero crediti da parte dell'avvocato

    io il 12/11/2014 sono risultato aggiudicatario dell'immobile e ho 90 gg per saldare il prezzo d'aggiudicazione.
    Visto i costi elevati imputati al 2013 ho intenzione di saldare il tutto con il nuovo anno (2015) per pagare solo il 2014 (quale anno/esercizio precedente) e parte del 2015 ( quale anno/esercizio in corso).
    Il Decreto di trasferimento verrà emesso quindi nel 2015.

    Sbaglio a seguire questa logica? la data del decreto di trasferimento fa sorgere per me il computo degli esercizi da saldare, giusto?

    se il Condominio dovesse riportare le spese relative all'avvocato al nuovo anno potrò contestarle?

    i dati sulle spese le ho ottenute richiedendole all'amministratore e nella mail ha specificato quando da pagare per il 2013 e il 2014 (anche se non concluso).

    Grazie a tutti coloro che mi saranno di aiuto soprattutto con richiami a sentenze e richiami e/o esperienze personali
    Diego
     
    A eldic e PROGETTO_CASA piace questo messaggio.
  2. Tovrm

    Tovrm Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Innanzitutto, dal momento che è il condominio che ha avviato il pignoramento, questo dovrà essere, prima di tutto, soddisfatto con il denaro versato per l'acquisto all'asta. Se quanto incassato sarà, come immagino, sufficiente, per te non ci saranno spese condominiali relative ad anni passati.
    Quello che avanza, saldati i creditori, andrà al vecchio proprietario.
    Le «spese relative a recupero crediti da parte dell'avvocato» non ti competono, in quanto sono afferenti ad un rapporto diretto tra condominio ed esecutato e non rientrano certamente tra quelle di natura condominiale. Pertanto, l'amministratore dovrà scomputare tali spese.
    Quanto al ragionamento che fai circa il pagamento dopo il 31 dicembre, questo è corretto. Fa fede la data del decreto di trasferimento. Quindi, se questa è successiva alla chiusura dell'esercizio in corso, la tua solidarietà nel pagamento delle spese condominiali diverrebbe relativa agli esercizi 2014 e 2015.
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  3. sanmon

    sanmon Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non so cosa consigliarti però Ti posso dire solo una cosa,ho conosciute due persone che hanno comprato all'asta e tutte due hanno avuto una terribile sfortuna dopo l'acquisto sinceramente penso che magari sarà stato un caso ma penso che sottrarre a qualcuno una casa anche se con l'acquisto all'asta non porti bene e pensando a quel poveraccio che l'ha persa ...
     
  4. diego80

    diego80 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sanmon, hai pienamente ragione e condivido se non a pieno almeno parzialmente il tuo pensiero. Prima di procedere in questa "esperienza" mi son chiesto se fosse morale o meno. beh la mia risposta è stata: se no io sarà un'altro, ma più che altro magari sarà uno che lo farà solo per investire. io per bisogno! ho progetti di metter su famiglia e con la mia compagna che non lavora abbiamo solo un reddito sul quale fare affidamento, visti i tempi che corrono con i costi delle case e la difficoltà ad accedere al credito la mia unica soluzione era ed è stata ricorrere all'asta. Alla domanda di amici come mi sento ad affrontare l'acquisto all'asta con delle persone che prima o poi dovranno andar via da li rispondo che purtroppo mi trovo ad affrontare una guerra tra poveri e io mi trovo a farne parte. Comunque nello specifico la casa a quanto pare risulta essere seconda casa per il pignorato e a viverci è una famiglia con due redditi, che non ha un affitto da pagare e condominio non pagato da oltre 7 anni. Non se la passavano male a quanto ho potuto constatare prima della partecipazione.
    Ad ogni modo, prima di arrivare a situazioni critiche come quelle che portano all'asta bisogna saper reagire, se non ho possibilità di pagare un mutuo è sempre meglio vendere casa piuttosto che trovarsi ad essere mandati via.
     
    A sanmon piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina