1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. kappa60

    kappa60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Premetto che l'immobile è di tre fratelli che e pervenuto loro in eredità.
    Nel 77 sono state effettuate delle modifiche, in pratica è stato chiuso un portico senza chiedere alcuna autorizzazione.
    Nel 78 il Catasto ha effettuato dei controlli e ha rilevato varie difformità, così ha modificato le planimetrie e attualmente al catasto sono corrette a matita.
    Poichè l'immobile dal 2006 è soggetto a vincolo, non è possibile sanare in alcun modo la situazione col comune.

    Adesso uno dei fratelli ha espresso l'intenzione di acquistare l'immobile, così comè e nel caso penserà lui a sanare eventualmente un domani la situazione.

    E' possibile vendergli la quota di immobile visto che le planimetrie catastali sono conformi allo stato dei luoghi
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In teoria no perché dichiarereste il falso in relazione alla confomità urbanistica.
     
  3. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    e se sia il compratore che il venditore dichiarassero che sono a conoscenza di difformità edilizie? (visto che comunque nel corso degli anni c'è stato un accertamento da parte del catasto)
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il notaio non può rogitare un immobile che presenta difformità urbanistiche, quindi andrebbe dichiarato conforme sotto la responsabilità delle parti in causa (dichiarazione mendace).
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  5. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    :disappunto:
    essì... allora non credo che ci siano alternative se non la demolizione della parte abusiva con conseguente riaccatastamento
     
  6. kappa60

    kappa60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ll comma 14 dell'artcolo 19 del cosidetto "Decretone Tremonti" recita: "A partire dal 1° Luglio 2010 gli atti pubblici e le scritture private autenticate tra vivi aventi per oggetto il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di diritti reali su fabbricati già esistenti devono contenere, a pena di nullità, olte all'identificazione catastale, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e la dichiarazione, resa in atti dagli intestatari, dello stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie. Prima della stipula il Notaio individua gli intestatari catastali e verifica la loro conformità con le risultanti dei registri immobiliari".

    Mi sembra che al notaio interessi solo la parte Catasto e non urbanistica
     
  7. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    il tuo punto di vista può essere condivisibile, ma il problema è la dichiarazione del venditore ai sensi della Legge 47/85... nella sostanza, di solito dichiara che dopo la realizzazione non sono state eseguite ulteriori opere non conformi alla disciplina urbanistico-edilizia
     
  8. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non al notaio ma la fisco interessa la parte catastale, dato che sulla rendita si pagano le imposte.
    Il notaio fa dichiarare in atto la rispondenza del bene alle leggi estrumenti urbanistici.
    La dichiarazione mendace in atto pubblico è reato penale.
     
  9. kappa60

    kappa60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    L'immobile ha la conformità catastale quindi il fisco è a posto le planimetrie catastali corrispondono e le imposte sono state pagate.
    La parte penale poi non fà paura a nessuno, 3 diversi geometri negli anni hanno presentato al comune planimetrie con la corrispondenza dei luoghi, planimetrie sbagliate, ho delle fotografie che dimostrano delle corrispondenze diverse da quelle presentate, in pratica ogni geometra ha rappresentato al meglio la parte che gli interessava, il resto l'ha riprodotto utilizzando vecchie planimetrie o a memoria.

    Il problema che della parte difforme, non ho foto che dimostrino la realtà dei fatti e il comune non accetta la fotografie.-
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina