1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sicano

    sicano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    vorrei dare in affitto a mio figlio un appartamento a un euro all'anno,in modo da pagare un'IMU più bassa,è possibile?devo aumentare l'entità dell'affitto?
     
  2. alfiosan

    alfiosan Ospite

    L'IMU non dipende dagli affitti. E'una tassa che si paga sugli immobili di proprietà. La condizione per non pagarla è di venderla a suo figlio che vi deve risiedere. Un notaio potrà illustrarti le varie possibilità.
     
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sia ben chiaro che qualsiasi soluzione ( diritto di superficie, diritto di abitazione o altro previsto dal D.L. ) è solo ed esclusivamente un trasferimento dell'imposta e non una riduzione, es. vendendola trasferisci l'onere del pagamento da te a tuo figlio.
    Fabrizio
     
  4. alfiosan

    alfiosan Ospite

    Certamente, se il figlio ha altra abitazione ove risiede l'aliquota IMU salirebbe e sarebbe tutto a carico di quest'ultimo.
     
  5. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Altro Professionista
    Questa è la maniera più sicura per subire un accertamento fiscale da parte dell'Agenzia delle Entrate. Esiste un valore minimo (mi sembra il 10% della rendita catastale) sotto il quale scatta l'accertamento in automatico.
    Alcuni comuni applicano una riduzione dell'aliquota IMU per i contratti a canone concordato. Quello che andrebbe a guadaganre in questo caso però lo perderebbe abbondantemente pagando l'imposta sul reddito dichiarato.
    L'unica maniere è dare in usufrutto l'appartamento al figlio. In questo modo per lui risulterebbe prima casa e, se verrà approvata l'esenzione per tali immobili, non pagherà l'IMU. Strada da valutare attentamente perchè le spese per stabilire l'usufrutto possono essere superiori al guadagno sull'IMU (si paga, tra l'altro, in base all'età dell'usufruttuario), oppure se il figlio ha già un'altra casa, non servirebbe a niente.
     
    A mf.gestimm e Rosa1968 piace questo messaggio.
  6. tigre24

    tigre24 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mi sembra che ci sia una proposta di legge dell' onorevole Zanetti per far rientrare le case date in comodato gratuito ai figli come abitazione principale, mi sembra venga discussa in questi giorni.
     
  7. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Altro Professionista
    Anche quella un'altra assurdità tutta italiana, prova evidente dell'incapacità cronica di chi ci governa, bianco o nero che sia.
    A parte il fatto che la proposta dovrebbe essere discussa entro il 31 agosto 2013 quando la scadenza è il 16 giugno, poi hanno fatto un DL apposta che chi non paga in tempo perchè la legge è poco chiara può mettersi in regola entro il 16 settembre ...cosa allucinante che non fa altro che confermare la loro incapacità cronica.
    Ma poi qualcuno mi spiega perchè per i genitori verso i figli si e invece se un figlio da in comodato gratuito un appartamento all'anziano genitore questa è considerata seconda casa (con l'ICI no).
     
    A Rosa1968 e ingelman piace questo messaggio.
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    se devi dare qualcosa a tuo figlio dagli 'l'usufrutto, e sei a posto
     
  9. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Toglici testa, è una strada improponibile
     
  10. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    @sicano
    1) Se il comune pratica una aliquota differenziata tra u.i. a disposizione ed u.i. locate, di solito la prima è maggiore: in questo caso potresti avere un vantaggio
    2) Per evitare accertamenti automatici è bene che il canone sia almeno pari alla rendita catastale rivalutata (vedi istruzioni Unico 2013), che è il minimo reddito di locazione dichiarabile.

    Le altre opzioni, (vendita usufrutto, ecc) sono onerose e quindi più difficile valutare pro e contro.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina