1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. paolettera

    paolettera Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    1960: condominio di nuova costruzione. 28 appartamenti e 28 cantine. Molte vendite di appartamenti e cantine in particolare vengono effettuate prima dell'accatastamento dell'immobile. Quindi nei primi atti di acquisto si descrivono solo i confini e si allega la planimetria del costruttore, senza far riferimento ai dati catastali. Intanto le prime due cantine vengono fuse probabilmente in modo abusivo per l'ampliamento di un locale condominiale. Quando viene il tecnico del Catasto per l'accertamento, "manca" una cantina. L'accatastamento è falsato (Il Catasto ha ammesso candidamente di avere "sbagliato", ma tant'è): risultano accatastate come unico locale le prime due cantine e ciascun proprietario si trova in visura intestatario della cantina non effettivamente acquistata e descritta nell'atto di acquisto ma della successiva. Dopo l'accatastamento i successivi atti di acquisto vengono stipulati con la corretta descrizione ma gli "erronei" riferimenti catastali. Le planimetrie non vengono allegate, allora non era obbligatorio. Escludendo lo scambio fisico abbiamo altre chance di risolvere la situazione? Bhè, naturalmente il Catasto si rifiuta di fare un accertamento e risolvere d'ufficio la situazione. Intanto con la nuova normativa in materia di conformità catastale le nostre cantine sono diventate tutte invendibili.
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Prima hai detto che il Catasto ha ammesso candidamente il loro errore, "in che forma"
     
  3. paolettera

    paolettera Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Verbale, ovviamente....
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Munisciti di copia dl rogito con allegata planimetria, e la planimetria catastale che coincida almeno nella sua sagoma esterna e procedi a presentare un ricorso per correggere l'intestazione della particella catastale individuata cola la relativa planimetria.

    In alternativa devi affidarti ad un tecnico.
     
  5. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Con cordo per la seconda ipotesi.
     
  6. paolettera

    paolettera Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    fatto, ma il problema è che l'atto descrive la cantina posseduta correttamente ma gli estremi catastali indicati sono quelli della cantina adiacente. Così per tutte le cantine. PS. Nessuno dei condomini vuole spostarsi fisicamente.
     
  7. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma sanno di non essere in regola?
     
  8. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Di comune accordo recatevi da un tecnico che provveda se è nelle possibilità di correggere catastalmente l'elaborato planimetrico e riferimenti catastali altrimenti con un notaio per atto di rttifica degli estremi catastali.
     
  9. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma certo un geometra per tutti cosi la spesa si divide
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina