1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. DEBBYLUCA

    DEBBYLUCA Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Nel 2006 mi è stata donata una casa nel comune di Torino da mio padre. Ora io sto per comprare casa col mio compagno nel comune di Leinì (TO) e sia il consulente della banca che ha in mano la nostra richiesta di mutuo che l'agente immobiliare guardando la donazione mi hanno detto che potevo usufruire dei diritti di prima casa.
    Chiamando il notaio che aveva fatto l'atto di donazione nel 2006 per un preventivo mi ha detto che sull'atto c'è scritto che godo dei diritti di prima casa su quell'alloggio e che dovrei venderlo per poter acquistare come prima casa da un'altra parte.
    è possibile? io non ho entrate da quell'appartamento e non posso venderlo perchè ci vive mio padre (pur non avendo l'usufrutto). Avrei bisogno di un consiglio su come muovermi...io e il mio compagno abbiamo già firmato il compromesso e avanzato la richiesta di mutuo...volendo non si può intestare il nuovo appartamento solo al mio compagno (non siamo sposati) e per me avere l'usufrutto? O non c'è un'altro modo di tutelarmi intestando a lui la casa?
    Grazie in anticipo, Debora
     
  2. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    La proprietà di un'abitazione prima casa, avuta in donazione, non esclude la possibilità di acquistarne un'altra con le agevolazione in un altro comune e anche in quello dove si trova l'immobile donato.
    Lo stesso vale per gli immobili ereditati
    Mi sembra strano che un notaio possa affermare che non sia possibile.
    Chiedi all'AI o alla banca di indicarti un notaio di loro fiducia e chiedi chiarimenti.
     
  3. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Proprietà al 100% no
     
  4. DEBBYLUCA

    DEBBYLUCA Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    però in un'altro comune non sussiste il problema?

    Aggiunto dopo 17 minuti :

    anche se cè scritto sulla donazione che godo delle agevolazioni?
    Io non ho mai aperto un mutuo, è la prima volta! ma ho paura perchè se fosse seconda casa dovrei pagare il 10% di IVA al costruttore anzichè il 4% e inoltre forse cambia anche per la banca...
    In ogni caso ti ringrazio e chiederò alla banca il contatto di un loro notaio di fiducia!
     
  5. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ha ragione il notaio. Se hai agevolazioni prima casa su un immobile, devi necessariamente venderlo per poter usufruire delle stesse su un altro. Non c'entra la donazione.
     
  6. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ma far diventare il "prima casa" un "seconda casa"?
     
  7. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Non si può.
     
  8. DEBBYLUCA

    DEBBYLUCA Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    in teoria la prima casa non è quella dove hai la residenza?
     
  9. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    io l'ho sempre pensata così, ma mi viene un dubbio.... Se acquisisco un immobile per donazione (con agevolazioni prima casa) posso avere ancora agevolazioni (in un altro comune ad esempio)?
     
  10. DEBBYLUCA

    DEBBYLUCA Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    è il dubbio che ho io....
     
  11. ag1953

    ag1953 Membro Junior

    Privato Cittadino
    No comment
    Per poter usufruire delle agevolazioni prima casa, devono ricorrere le seguenti condizioni:

    1.L’abitazione deve essere classificata come non di lusso (secondo i criteri individuati dal Decreto del Ministro dei Lavori Pubblici del 02.08.1969).
    2.L’abitazione deve essere ubicata nel comune in cui l’acquirente ha la propria residenza o la stabilisca entro 18 mesi dall’acquisto. In alternativa, l’abitazione deve essere ubicata nel comune in cui l’acquirente svolge la propria attività lavorativa.
    3.Nell’atto di acquisto dell’abitazione, l’acquirente deve dichiarare di non essere titolare di altra abitazione nel comune in cui è situato l’immobile da acquistare.
    4.Nell’atto di acquisto dell’abitazione, l’acquirente deve dichiarare di non essere titolare, su tutto il territorio nazionale, di altra abitazione acquistata con le agevolazioni “prima casa”. Al verificarsi delle quattro condizioni di cui sopra, le agevolazioni “prima casa” si estendono anche sull’acquisto delle relative pertinenze, anche se l’acquisto viene effettuato con atto separato.

    Le pertinenze sono classificate nelle seguenti categorie catastali:

    ◦C/2 (cantina o soffitta)
    ◦C/6 (garage o box auto)
    ◦C/7 (tettoia o posto auto)
    Per ciascuna delle precedenti categorie catastali è possibile avere una sola pertinenza (quindi un solo box, una sola cantina, un solo posto auto).

    Agevolazione fiscale sull’abitazione principale e IRPEF

    In generale, tutti coloro che possiedono immobili a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, sono chiamati a dichiarare tali immobili nella dichiarazione dei redditi (quadro RB del modello UNICO, oppure quadro B del modello 730), riportando la loro rendita catastale ed una serie di altri dati.
    Tali informazioni servono per la determinazione del reddito dei fabbricati che sarà assoggettato, insieme ad eventuali altri redditi, a tassazione IRPEF.
    In questo caso, l’agevolazione fiscale prevista per l’ abitazione principale consiste nella possibilità di dedurre dal proprio reddito complessivo il reddito dell’abitazione principale e delle sue pertinenze. Tale reddito è dato dal valore della rendita catastale (dell’abitazione principale e delle sue pertinenze) rapportato alla quota di possesso ed al numero dei giorni dell’anno nei quali l’abitazione (e le sue pertinenze) è stata adibita ad abitazione principale.
    Sia l’abitazione principale che le sue pertinenze risultano così esenti dall’IRPEF.

    Ai fini IRPEF, la legge identifica l’abitazione principale con l’immobile nel quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente.
    Le istruzioni ministeriali di corredo alla dichiarazione dei redditi fanno riferimento al concetto di “dimora abituale” e non a quello di “residenza anagrafica” per descrivere la nozione di abitazione principale.
    E’ opinione comune che il concetto di “dimora abituale” possa non coincidere con quello di “residenza anagrafica”.



    Agevolazione fiscale sull’abitazione principale e ICI

    Il Decreto Legge n. 93 del 27 maggio 2008 ha stabilito l’esenzione dal pagamento dell’ICI per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale e per quelle assimilate alle abitazioni principali, considerate tali in base a un regolamento o a una delibera comunale.
    Per abitazione principale ai fini ICI si deve intendere quell’abitazione in cui il contribuente che la possiede vi dimora abitualmente, intendendosi per tale, salvo prova contraria, quella in cui ha la propria residenza anagrafica.
    In pratica, il contribuente non è più chiamato a versare l’ICI su:

    ◦l’immobile dove il contribuente dimora abitualmente (sono escluse le unità immobiliari classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9).
    ◦Le pertinenze dell’abitazione principale (come individuate da regolamento comunale).
    ◦Gli immobili che il Comune ha assimilato ad una abitazione principale in base a un regolamento o ad una delibera comunale.
    Tra gli immobili assimilati all’abitazione principale rientrano, sempre se il Comune lo abbia previsto nel proprio regolamento o delibera:

    ◦l’immobile dato in uso gratuito ai familiari;
    ◦i fabbricati posseduti da anziani o da disabili che trasferiscono la propria residenza in istituti di ricovero.
    Poiché la disciplina dettata dai Comuni non è uniforme in tutto il territorio nazionale, per assicurarsi che l’immobile posseduto sia esente da ICI, occorre chiedere le necessarie informazioni al Comune sul cui territorio si trova l’immobile.



    Osservazioni

    Il concetto di “prima casa” è differente da quello di “abitazione principale”.
    Il termine “prima casa” è infatti utilizzato per descrivere le agevolazioni fiscali sulle imposte indirette, calcolate al momento dell’acquisto dell’immobile.
    Il termine “abitazione principale”, invece, è utilizzato per descrivere le agevolazioni IRPEF e ICI.

    I due termini, inoltre, non sempre identificano lo stesso immobile.
    Infatti, l’abitazione principale è quella in cui il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente, mentre la prima casa è quella situata nel comune all’interno del quale il contribuente ha la propria residenza o nel comune sede della propria attività lavorativa (quindi la prima casa non è quella in cui il contribuente deve necessariamente risiedere).


    Ecco, quindi, che possono verificarsi casi in cui il contribuente usufruisce dell’agevolazione “prima casa”, sulle imposte indirette (Registro, IVA, Catastale, Ipotecaria), ma non delle agevolazioni IRPEF o ICI sull’abitazione principale.
    Si pensi, ad esempio, ad un contribuente che acquista un immobile nel comune ove ha sede la propria attività lavorativa, ma lo stesso contribuente è residente o dimora in altro comune.

    Occorre fare un’ultima riflessione sul concetto di “dimora abituale”, usato per descrivere l’abitazione principale ai fini IRPEF ed ICI.
    Come più sopra detto, il concetto di “dimora abituale” può anche non coincidere con quello di “residenza anagrafica”.
    Le stesse istruzioni ministeriali al modello 730/2010 (pag. 60), trattando della detrazione degli interessi passivi sui mutui contratti per l’acquisto della prima casa, precisano: “Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. A tal fine rilevano le risultanze dei registri anagrafici o l’autocertificazione effettuata ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il contribuente può attestare anche che dimora abitualmente in luogo diverso da quello indicato nei registri anagrafici.”

    Mentre l’autocertificazione descritta nelle istruzioni di cui sopra è riconosciuta al livello di Agenzia delle Entrate, risulta meno conosciuta a livello comunale.
    Infatti, molti comuni fanno riferimento esclusivamente alla nozione di residenza anagrafica, e non a quella di dimora abituale, per identificare l’abitazione principale del contribuente agevolabile ai fini ICI.
    .

    Aggiunto dopo 18 minuti :

    Secondo il mio modesto parere si dovrebbe fare un atto dal primo notaio con il quale si rinuncia alle agevolazioni prima casa avute nel fabbricato avuto in donazione per poter usufruire delle stesse nel secondo acquisto
     
  12. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    sicuro?
     
  13. ag1953

    ag1953 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Avrei voluto rispondere già ieri sera, ma dopo la gaffe del giorno prima non mi ero voluto assumere altre responsabilità:
    spero che adesso ad ogni mio intervento non mi si rinfacci sempre :shock::risata:,altrimanti non chiedo piu' scusa:risata::risata:
     
  14. DEBBYLUCA

    DEBBYLUCA Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Ho già chiesto se si può al notaio e mi ha detto di no...l'unico modo per togliere sto vincolo è vendere l'immobilie...

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    Visto che io allora pagherei come seconda casa Vi chiedo un'altra informazione...se la intestassimo solo al mio compagno che non ha questi problemi, ci sarebbe un modo di tutelare me? anche solo con una scrittura privata? perchè per l'usufrutto mi ha detto il notaio che pagherei comunque di più di IVA e che non si può fare in un secondo momento dopo l'acquisto...

    Aggiunto dopo 35 minuti :

    Ho appena visto su internet che è possibile fare un'accordo di convivenza...ne sapete qualcosa?
     
  15. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Giusto, ma va fatta un'ennesima puntualizzazione. Se hai venduto un immobile con agevolazione prima casa, prima dei 5 anni, e ricompri entro un'anno un altro, per usufruire sempre delle stesse agevolazioni, in questo caso, prima casa e abitazione principale devono necessariamente coincidere.

    Aggiunto dopo 1 :

    Non è possibile.
     
  16. ag1953

    ag1953 Membro Junior

    Privato Cittadino
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina