1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Molto interessante.


    Se l’inquilino è moroso, il padrone di casa deve comunque dichiarare al fisco i redditi da canoni di locazione sebbene non riscossi: esistono però delle esenzioni.



    Affitto: come non pagare le tasse sui canoni non riscossi
     
    A Luna_ e leolaz piace questo messaggio.
  2. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Secondo me la soluzione migliore resta sempre la mazza chiodata :^^:.
    A parte gli scherzi, chi ai giorni d'oggi farebbe un contratto senza la risolutiva espressa?
     
    A Irene1 piace questo elemento.
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non trovo che sia così scontato

    Voi la fate mandare la raccomandata ?
     
  4. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    eeehhhmmmm......no :confuso:, solitamente firma x accettazione.....
    se è per questo non faccio mai neppure la rr x la cedolare secca..:innocente:
     
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Noi si. La prepariamo e la diamo al locatore da spedire...

    Meglio una cosa in più che una in meno !
     
    A leolaz piace questo elemento.
  6. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    se non sbaglio si può fare anche una raccomandata a mano.....data, firma delle parti e scambio a mano in tempo reale :ok:
     
  7. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    la raccomandata a mano non è valida. Se il contratto parte in CSecca credo che non sia obbligatoria la raccomandata AR
     
  8. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Concordo. Se parte in cedolare niente raccomandata purchè sia esplicitamente indicato in contratto. Altrimenti in corso di locazione è obbligatoria la rr. Quella a mano non vale niente, soprattutto in sede probatoria in eventuali contenziosi Ade
     
    A Bagudi, leolaz e Umberto Granducato piace questo elemento.
  9. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ottimo, grazie @Luna, grazie @umberto.
    Si mi riferivo a contratti che partono in cedolare e sempre esplicitato in contratto, quindi sono a posto sia con l'Ade che con la mia coscienza :^^:
     
  10. tempozero

    tempozero Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    qualcosa non mi torna... l'articolo segnalato dalla mitica Bagudi, da una parte dice che a fronte dell'applicazione della clausola risolutiva espressa, non si deve più dichiarare quanto percepito come reddito da canone, trattandosi di indennizzo x ingiustificata detenzione dell'immobile non assoggettabile a tassazione. Così si legge: "Nel contratto di locazione la presenza di una clausola risolutiva espressa [3] comporta una risoluzione automatica del contratto, in questo caso collegata a qualunque inadempienza contrattuale. Da questo momento, quindi, poiché l’obbligazione del conduttore inadempiente si trasforma da un obbligo di corrispondere il canone di locazione a un obbligo invece di corrispondere il risarcimento del danno per l’ingiustificata detenzione dell’immobile, cessa l’obbligo di indicare in dichiarazione i canoni non percepiti [4]. Le somme, infatti, sebbene non riscosse, non sono più da considerarsi “canoni”, ma “indennizzi”." Ma se il locatore risolve il contratto ed il conduttore continua a pagare il "canone", anche se non puntualmente, giusto x non dover lasciare così facilmente i locali, quanto percepito, come si configura, alla luce di quanto riportato in un richiamo dello stesso articolo, ovvero:
    "Il locatore deve anche dimostrare che l’immobile è stato effettivamente rilasciato e non è più occupato dal conduttore: l’obbligo di dichiarare il canone di locazione viene meno dalla data del verbale di rilascio, a patto che le giustificazioni del contribuente risultino congiuntamente e sulla base di atti e documenti con data certa."
     
    A Bagudi e Tobia piace questo messaggio.
  11. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    infatti
    La raccomandata dichiara l'inizio dell'indennizzo su cui non si deve pagare le tasse e lo sfratto la fine. L'uno non può prescindere dall'altro
     
    A leolaz piace questo elemento.
  12. happysmileone

    happysmileone Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Vediamo un caso concreto quale il mio :

    - inquilino moroso per oltre 8mila €
    - clausola risolutiva espressa in contratto
    - inviata raccomandata anche se in cedolare secca ed in possesso di ricevuta di ritorno
    - inquilino a marzo invia disdetta al contratto per fine 2015 forse anticipando
    - inquilino ancora non rilascia l'appartamento e continua a non pagare
    - dice di essere in attesa di alloggio assegnato (e' un militare)

    due i casi :

    - 1) rilascia l'appartamento a fine dicembre (come fare l'atto di rilascio a data certa?)
    - 2) l'inquilino non rilascia l'appartamento (non rimane che fare lo sfratto per morosita' ?)

    e nei riguardi dell'ADE

    -1) Si invia modello RLI per risoluzione e va fatta qualche comunicazione prima di non riportare i canoni nella prox denuncia dei redditi ? Si porta una autocertificazione solo in caso di richiesta per errata dichiarazione?

    -2) Si invia modello RLI per risoluzione e si invia copia dell'atto esecutivo di sfratto, non si richiedono indietro tasse pagate su redditi non percepiti (in effetti non pagati) e si porta autocertficazione come sopra?
     
  13. Gabr13lla9

    Gabr13lla9 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Qualcuno ha voglia di spiegare meglio il discorso sulla raccomandata ? In caso di un contratto NON in cedolare secca dove è stata posta una clausola del tipo riportato di seguito quando deve essere inviata la raccomandata ?
    Non appena riscontrato un ritardo nei pagamenti ? Dopo almeno due mesi ?
    Da qualche parte leggo contestualmente alla firma del contratto e non capisco. Qualche anima buona che ha voglia di chiarire ?

    1. MOROSITA’. Il pagamento del canone o di quant’altro dovuto anche per oneri accessori non potrà essere sospeso o ritardato da pretese o eccezioni del conduttore, qualunque ne sia il titolo. Il mancato puntuale pagamento, per qualunque causa, di due rate del canone (nonché di quant’altro dovuto ove di importo pari a due mensilità del canone), costituisce motivo di risoluzione del contratto.
     
  14. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Se ho interpretato bene i tuoi dubbi, forse posso in parte rispondere.

    Un conto è la raccomandata preliminare, da inviare se si intende optare per la cedolare secca, e quindi comunicare all'inquilino la scelta, con gli obblighi conseguenti (non aumento del canone ed esenzione imposte registro)

    Un conto è la raccomandata per comunicare l'intenzione di avvalersi della clausola risolutiva espressa sul contratto.

    La prima va inviata se non si tratta di contratto nuovo, in cui si sia già indicata la scelta, prima della nuova annualità.

    La seconda va inviata quando intendi comunicare l'intenzione di mettere l'inquilino in mora ed attivare la clausola risolutiva: sulla tempistica di quest'ultima, credo dipenda da quali condizioni sono state previste sul contratto.
     
    A Gabr13lla9 piace questo elemento.
  15. Gabr13lla9

    Gabr13lla9 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie mille ! Chiarissimo !!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina