1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Con riferimento all'altezza minima fissata in 2.70 metri, sono previste deroghe per gli immobili costruiti prima del D.M. 5-7-1975?

    Grazie!

    Johanna
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Necessita verificare il perchè viene richiesta una deroga ad un immobile già realizzato ante 75; inoltre bisogna fare attenzione al Regolamento d'Igiene Tipo della Regione o il Regolamento d'Igiene Locale di pertinenza.
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  3. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Incarica un tecnico di effettuare verifica presso gli uffici comunali, potrebbe essere stata autorizzata così oppure esistere un condono successivo non ancora definito.
     
    A Marco Giovannelli piace questo elemento.
  4. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sto valutando l’acquisto di una casa costruita negli anni 20 del secolo scorso e attualmente con soffitti alti 2,50m, a seguito di ristrutturazione di pochi anni fa’ nel corso della quale i pavimenti sono stati rialzati di circa 10 centimetri (quindi presumibilmente l’altezza dell’abitazione in origine doveva essere di 2.60 m): in quali problemi potrei incorrere acquistandola?

    Faccio delle ipotesi chiedendo se sono corrette e formulo ulteriori domande:

    - difficoltà ad ottenere un mutuo perché l’altezza non è regolamentare;
    - in caso di vendita futura il costo dell’immobile avrà un valore di mercato inferiore per via dell’irregolarità (di quanto va ridotto il suo valore?)
    - se l’attuale proprietario ha ottenuto comunque l’abitabilità (verifica che devo ancora fare presso il comune), ci potrebbero essere circostanze in cui mi può essere tolta?
    - Prima della normativa introdotta dal D.M. 5-07-1975 l’altezza di 2.60 poteva essere regolamentare? (non si tratta di un comune montano).

    Grazie!

    Johanna
     
  5. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Aggiungo:

    anche l'altezza delle finestre, a seguito dell'innalzamento del pavimento, non è più regolamentare: il fatto che siano state posizionate delle aste orizzontali in ferro, poco sopra il davanzale della finestra, è sufficiente per porre rimedio all'inconveniente, oppure restano finestre non a norma?

    Johanna
     
  6. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho verificato in comune e nel progetto depositato per la ristrutturazione l'altezza risulta di 2.70 m. in realtà è di 2.50 m. Non ho ancora intrapreso una trattativa ...una situazione di questo tipo che margini di "sconto" mi concede? è quali svantaggi? una volta acquistato l'immobile, cosa mi costerebbe chiedere un condono al Comune?

    Mercie!

    Johanna
     
  7. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non acquistarla dato che in sede di progetto è stato dichiarato il falso e quindi la casa non è conforme (e quindi si parla di abuso edilizio), probabilmente è un locale di sgombero.
     
  8. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    E' una casa storica (potrebbe avere 90 anni) con poche unità abitative... e ci ha sempre abitato qualcuno e ora ci abita il proprietario da quando ha ristrutturato (riducendo ulteriormente il soffitto per via dell'innalzamento del pavimento) , oltre agli altri condomini.
    E' davvero così grave aver dichiarato 2.70 invece che 2.50? .... quali sono le conseguenze? se io l'acquistassi e chiedessi poi un condono? ....e quanto costa un condono?
    Essendoci già qualcuno che ha fatto una proposta d'acquisto per l'immobile in questione (se è vero quello che mi ha detto l'agenzia ci sono già trattative in corso e il proprietario pare non disposto ad abbassare il prezzo, o comune solo di poche migliaia di euro), non mi va di spendere soldi per una consulenza tecnica per farmi dire quanto posso ridurre l'importo richiesto per via di questa irregolarità. Però la tipologia di casa è interessante e potrebbe fare al caso mio. Ringrazio tutti quelli che mi hanno già risposto e mi risponderanno:fiore:.
    Johanna
     
  9. akaihp

    akaihp Membro Attivo

    Altro Professionista
    non solo è grave: è gravissimo.
    quell'unità immobiliare non è abitabile.
    punto.

    non la si può condonare (non c'è un condono in corso).
    L'unica è ripristinare la situazione esistente in origine e sperare che si riesca a raggiungere i 270.

    in caso contrario:
    - no mutuo
    - nessun tecnico serio si presterà a firmare per una pratica edilizia in detto appartamento.
    - nessuna impresa seria lavorerà senza un progetto o una pratica edilizia
     
    A roberto.spalti piace questo elemento.
  10. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Quoto in toto ed aggiungo :ok:
     
  11. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie a tutti per le risposte ...

    Nel frattempo ho fatto indagini: l'ASL non concede più deroghe, forse avrebbe concesso una deroga se fosse stata presentata la domanda prima della ristrutturazione. Il comune quasi sicuramente non concederebbe sanatoria in quanto per pronunciarsi dovrebbe consultare l'ASL. Resterebbe solo una possibilità: attendere un CONDONO. Un caso come questo potrebbe rientrare in una fattispecie condonabile? scusate se insisto ma l'immobile in questione mi interessa.
    Mercie!
    Johanna

    Aggiunto dopo 25 minuti :

    aggiungo:
    se il condono è ipotizzabile, come funziona e quanto può costare?
    Mercie!
    Johanna
     
  12. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    ..se già l'ASL ti ha detto che l'immobile non è condonabile, perchè già stato oggetto di modifiche, la cosa non mi pare sia molto conveniente...(altra cosa sarebbe stata se l'immobile si trovava in queste condizioni sin dalle sue origini)...giustamente il comune non ti condece la sanatoria, perchè soggetta a Permesso di costruire in sanatoria e pertanto soggetta al parere ASL ed a queste condizioni la risposta è ...rigetto per inadeguatezza delle norme del Regolamento Igiene regionale, immaginiamoci se poi l'ASL territoriale ha adottato il suo recepimento che sicuramente è più restrittivo.
    Inoltre l'aver dichiarato 270 cm. anzichè 250, chi ha fatto tale dichiarazione incorre nella falsa dichiarazione (art. 76 del DPR 445/00)...
    Ritieni hce veramente ti conviene...allora il prezzo lo devi abbattare in modo tale che la ristrutturazione a tuo carico ne porti le condizioni minime previste dal Regolamento d'Igiene, dalle norme edilizie locali e dal DM 05.07.1975.
     
  13. johanna

    johanna Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina