• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

lucke78

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve, sto vendendo un appartamento dopo aver realizzato una proposta di acquisto tra privati senza registrazione.
Tale proposta prevedeva in sintesi:

La stipula di un successivo compromesso entro 40 giorni l'accettazione della proposta di acquisto.
Il versamento di una caparra confirmatoria con assegno alla stipula del compromesso.
L'atto notarile entro 6 mesi dalla firma del compromesso.

La proposta che mi è stata prospettata è ora la seguente(spinta anche da un intermediatore che sta seguendo la parte acquirente):

Anticipare l'atto notarile tra meno di un mese.
Non stipulare nessun compromesso e quindi nessun rilascio di caparra dato che i tempi sono molto ristretti.

Al massimo mi hanno proposto un assegno postdatato da restituire il giorno dell'atto per poi riceverne un altro con la somma completa di vendita da me richiesto.

Come dovrei comportarmi? Dato che i tempi anche di una stipula di un compromesso e registrazione sono molto ristretti?

Se il giorno dell'atto o poco prima l'acquirente si tira indietro io che garanzie ho?

Posso insistere comunque a far valere la proposta di acquisto stipulata inizialmente?
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Salve, sto vendendo un appartamento dopo aver realizzato una proposta di acquisto tra privati senza registrazione.
Tale proposta prevedeva in sintesi:

La stipula di un successivo compromesso entro 40 giorni l'accettazione della proposta di acquisto.
Il versamento di una caparra confirmatoria con assegno alla stipula del compromesso.
L'atto notarile entro 6 mesi dalla firma del compromesso.

La proposta che mi è stata prospettata è ora la seguente(spinta anche da un intermediatore che sta seguendo la parte acquirente):

Anticipare l'atto notarile tra meno di un mese.
Non stipulare nessun compromesso e quindi nessun rilascio di caparra dato che i tempi sono molto ristretti.

Al massimo mi hanno proposto un assegno postdatato da restituire il giorno dell'atto per poi riceverne un altro con la somma completa di vendita da me richiesto.

Come dovrei comportarmi? Dato che i tempi anche di una stipula di un compromesso e registrazione sono molto ristretti?

Se il giorno dell'atto o poco prima l'acquirente si tira indietro io che garanzie ho?

Posso insistere comunque a far valere la proposta di acquisto stipulata inizialmente?
Senza la caparra niente casa.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
consiglio da amico non infilarti in questa cosa incasinata perchè rischi di perdere solo tempo ed altri possibili reali acquirenti, fai rispettare la proposta di acquisto e fate un preliminare con caparra confirmatoria senza post datati od altre cose strane!!!!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Devono cambiare le leggi vecchie dello stato italiano che incassa e non tutela chi affitta regolare chiedo più flessibilità e meno burocrazia
Non posso affittare casa in sucessione pagando le tasse di cedolare affitto a mio carico solo se cito anche l'altro intestatario cioè mio fratello nel contratto ma se l' la quota di affitto abitazioni sono due attaccate ma numero civico diverso e una è già affittata e mio fratello paga le tasse di cedolare a suo carico perché l'altra no .
Alto