1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. delladenn

    delladenn Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno, due anni fa ho acquistato alcuni immobili residenziali e non e su suggerimnto del notaio e del commercialista (a loro vota indirizzati da personale dell'agenzia delle entrate) ho pagato l'imposta di registro a me più sconveniente su negozi e uffici (la più alta fra ir su valore di acquisto e valore catastale) per evitare cotestazioni dell'agenzia delle entrate. A due anni dal rogito mi viene ora contestato dall'Ade il valore di acquisto degli mmobili e mi viene chiesto di saldare la differenza di imposta+ interessi+sanzioni. Avevo già fissato un'appuntamento con un funzionario ade ma il mio perito e l'avvocato mi hanno sconsigliato di andarci da solo per trattare. Ovviamente sono in possesso di una perizia del tempo che valuta diversamente i locali ed il mio perito ha riscontrato molti errori nella perizia dell'ade...ma questo non so quanto potrà valere. Qualcuno si è trovato in una situazioe analoga? Cosa mi suggerite?
     
  2. malgreGenes

    malgreGenes Membro Junior

    Agente Immobiliare
    l'accertamento tributario sul non residenziale si basa sul c.d."valore normale"...che negli ultimi anni ha subito qualche sconfitta significativa in campo giurisprudenziale....recentemente l'AdE ha emanato la circolare "strategica" sulla conduzione degli indagini in campo di accertamento immobiliare...può essere molto interessante leggerla...
     
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Non hai visto i numerosi servizi di "striscia la notizia"??? tantissimi acquirenti sono incappati nella tua spiacevole situazione: acquistavano ad un prezzo più o meno adeguato ma subivano comunque un accertamento dall'ade che imponeva un valore più alto, comparando l'immobile oggetto di compravendita, senza comunque un sopralluogo, a degli immobili simili ma situati in zone più vantaggiose, oppure molto più "messi bene" e quindi con valore più alto.
    Questo odioso sistema viene attuato di prassi ormai da una quindicina di anni a quasi tutti gli acquirenti di beni immobili, sia fabbricati che terreni e serve unicamente per far cassa!!!!
    Un dipendente dell'ade ha confessato che gli accertamenti che emetteva, per quanto ingiusti che fossero, venivano imposti dal funzionario "capo" del suo settore.!!!
    La faccenda funziona in questo modo:
    l'acquirente compra ad un certo valore,
    l'ade impone un valore molto più alto;
    l'acquirente fa ricorso perché il tutto sembra ingiusto (ma è veramente ingiusto)
    l'ade "gli viene incontro" abbassando di un po' il valore imposto.
    l'acquirente, pur di risolvere al più presto la faccenda, accetta il compromesso e paga quanto dovuto sul nuovo valore abbassato "gentilmente concesso" dall'ade.
    l'ade ci ha comunque guadagnato!!!!!
    Prova anche tu a fare ricorso, qualcuno (ma molto pochi) è riuscito a spuntarla e a farsi annullare l'accertamento!!!!
    Almeno riuscirai ad ottenere un abbassamento del valore importo dall'ade!!
    Auguri e buona fortuna.
     
  4. delladenn

    delladenn Membro Junior

    Privato Cittadino
    Mi potresti indicare più precisamente di che circolare "strategica" stai parlando? Scusa l'ignoranza ma non me ne intendo proprio. grazie
     
  5. delladenn

    delladenn Membro Junior

    Privato Cittadino
    Avevo seguito parecchie puntate di Striscia ma mi sembravano le classiche cose che succedono solo agli altri...comunque l'iter che mi hai prospettato è esattamente quello che mi hanno indicato i "miei" professionisti. Ma rimane comunque il profondo senso di frustrazione nel sentirsi ricattati da quelli che ti dovrebbero difendere e tutelare. Come potevo inventarmi un prezzo "che andava bene" sul quale pagare le tasse? Con il senno di poi avrei dovuto contattare prima gli uffici ade per chiedere cosa volevano!
    Qualcuno è riuscito a vincere il ricorso o l'unica strada è puntare ad una riduzione dell'importo?
    Grazie e saluti
     
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sì qualcuno è riuscito a vincere e a far annullare il ricorso ma le spese e i tempi lunghissimi sono stati tali che alla fine conveniva mettersi d'accordo con l'ade per un valore più basso e pagare su quello-...
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  7. malgreGenes

    malgreGenes Membro Junior

    Agente Immobiliare
    la circolare che citavo è quella allegata...

    più in generale sul discorso del 3d la mia personale opinione è binaria: 1. è vero che l'AdE esercita sostanzialmente un potere troppo forte ed è dubbio l'esito di un tentato ricorso seppur fondato; 2. però sull'argomento ritengo che occorrerebbe informarsi (ed essere informati correttamente dai professionisti - notai e comm.sti - che spesso invece ne sanno meno di noi agenti.... infatti sull'acquisto di immobili non residenziali già è deviante parlare di pagare l'imposta di registro sul valore catastale, perché è condanna a morte certa...
    il testo unico è chiaro: il "valore normale" è quello che in pratica deciderà, con opportuni riscontri tutti da dimostrare, l'AdE con due anni di tempo dall'atto...ma sapendolo al momento dell'acquisto intanto "butterei" via 2-300 euro per farmi periziare ufficialmente il bene; poi pagherei il 9% sul valore di compravendita, sapendo che sarebbe opportuno fosse almeno pari al 9% sul valore catastale x 105% x i coefficienti previsti (se non erro 40,8 per c1 e 60 per a10)...
    ...e poi attenderei con ansia due anni dalla REGISTRAZIONE dell'atto sperando di non trovare la raccomandata dell'AdE nella cassetta delle lettere...e in quel caso ripescherei la perizia e quanto altro in soccorso della giusta valorizzazione del bene acquistato...

    l'equivoco, a mio avviso, nel pensare comune, è che la rettifica dell'AdE miri al contrasto dell'evasione....invece non ragiona, o almeno non primariamente, se si è evasa l'imposta di registro dichiarando un prezzo inferiore, ma ragiona sul fatto che "pretende" che quel bene sconti una imposta in percentuale sul valore "normale" indipendentemente dal prezzo occorso...alla faccia del libero mercato!!
     

    Files Allegati:

    A miciogatto piace questo elemento.
  8. malgreGenes

    malgreGenes Membro Junior

    Agente Immobiliare
    in ogni caso esempi di giurisprudenza favorevole al contribuente ce ne sono tanti su internet...
     
  9. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se la perizia dell'ade è piena di errori, dovrai esporlo in sede di ricorso in commissione tributaria
     
  10. delladenn

    delladenn Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie per la circolare...un'altra cosa che non capisco è perche in questi casi oltre ad una integrazione alle imposte già versate sia prevista una sanzione per non aver fatto (pagato) un qualcosa che non potevo sapere se era o meno da fare ed in quale misura!
     
  11. delladenn

    delladenn Membro Junior

    Privato Cittadino
    Farò una istanza di adesione, mi presenterò davanti ad un funzionario con la mia controdocumentazione ed esaminata questa mi verrà proposta una uova cifra o l'annullamento dell'atto o la conferma dello stesso. Così mi è stato spiegato stamattina dal responsabile della mia pratica. Verranno così valutate le mie obiezioni ed eventualmente verrà richiesta una nuova perizia ai loro tecnici. Ma "questo procedimento" sarà a costo zaro...mi hanno rassicurato!
     
  12. andrea b

    andrea b Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Non è a costo zero: questi simpatici e inutili individui e il loro inutile lavoro doppio li paghiamo tutti con le tasse. Per poi trovarci questi nostri dipendenti di traverso qualunque cosa facciamo o non facciamo. Per altre cose, mi sono trovato a dover contestare controlli da cui si evinceva che avevo evaso le tasse. La prima volta 35 euro, la seconda addirittura più di 50... dimmi se ti sembrano gente utile...costa più l'accertamento di quello che tirano su...nel mio caso avevano pure sbagliato loro, quindi niente...
     
    A francesca7 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina