1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti.
    Vi spiego cosa mi è capitato:

    Ci sono due villette confinanti, una corte in comune e un unico proprietario.

    Il proprietario nel 2003 decide di frazionare la corte in due parti e incarica il geometra.

    Nel 2006 vende una delle due villette con relativa corte.

    Oggi ci siamo accorti che la corte che è rimasta a noi è in realtà ancora accatastata come bene comune tra i due appartamenti: il geometra nel 2003 frazionò in maniera errata! L'altra corte dell'altra villetta è invece accatastata correttamente.

    L'altro proprietario (al quale abbiamo venduto appartamento e corte) non sa ancora niente.

    Nell'atto di compravendita si specifica che vengono venduti l'appartamento e relativa corte annessa con allegati i dati catastali (corretti per fortuna). Si fa poi riferimento a una generica corte pertinenziale (credo si riferisca alla stradina comune di immissione alla strada comunale).

    Come faccio a venirne a capo?
    Grazie mille e scusata per eventuali errori grammaticali, sono molto arrabbiato e proccupato
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    devi chiedere la copia dell'altro atto e il frazionamento che è stato allegato.
     
  3. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Nell'atto di frazionamento (nel 2003, prima della compravendita del 2006) il geometra ha specificato che la mia corte è comune sia al mio appartamento che all'appartamento vicino (all'epoca entrambi di mia proprietà). Credo sia stato un palese errore in quanto egli (forse) voleva intendere che la mia corte era comune sia al mio appartamento che al mio garage.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ok, ma se fosse così bisognerà fare una variazione in catasto, ma se avete fatto la compravendita con questo stato di fatto bisognerà capire come procedere. Se nell'atto vi è la corte comune significa che qualcuno perderà qualcosa mi spiego?
     
  5. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ripeto: una corte pertinenziale c'è già. Ed è stata venduta per metà (è la stradina che collega le nostre due corti alla strada comunale).

    Non riesco a capire se sia quella o se si riferisca alla corte di casa mia.

    Purtroppo confermo che all'atto di compravendita la mia corte risultava catastalmente bene comune tra le due villette.

    Cosa potrei fare? Un atto integrativo di compravendita? E se si rifiutasse? :triste:

    Grazie per la tua competenza e disponibilità.
     
  6. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Prima di tutto questo non è possibile... una corte comune e pertinenziale non è vendibile a metà, o la si fraziona e poi si vende oppure non è possibile.
    Per dare una risposta precisa bisognerebbe verificare gli atti ( come ben ti diceva Rosa ) per capire cosa e dove è stato riportato l'errore... nell'atto ( non è difficile ) al catasto oppure dal geometra . Fabrizio
     
  7. b.paola

    b.paola Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Rileggere bene l'atto,prendere il geometra controllare iltutto e poi parlare con i diretti interessati per vedere come sistemare le cose non c'è altro da fare ,ricorda che l'onesta non sempre viene premiata ma ci fà dormire bene
     
  8. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Catasto: inspiegabilmente dopo il frazionamento la mia corte è ancora bene comune a entrambe le ville. Il DOCFA presentato dal geometra contiene l'errore, non è un errore del catasto ma del geometra che ha eseguito il lavoro.
    Atto: nell'atto si fa riferimento a una corte pertinenziale che credo sia la stradina comune esterna.

    Per quanto riguarda la stradina comune che immette nella strada comunale, è stata accatastata come F/1 nel 2003 e quindi frazionata al momento della compravendita.

    Se avete ulteriori domande fatemi sapere ;)
     
  9. b.paola

    b.paola Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Se così fosse potresti chiedere al geometra di sistemare il tutto,penso che anche loro abbiano una assicurazione che li copra in caso di danno arrecato o no?
     
  10. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il geometra non può fare variazioni sul catasto senza il consenso di entrambi i proprietari. Purtroppo il proprietario dell'altra villetta ha (avrebbe) tutto l'interesse di sfruttare la mia corte. Non so se tenere nascosta questa cosa oppure cercare di risolverla. L'altro proprietario è ovviamente all'oscuro di tutto.
     
  11. b.paola

    b.paola Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Bè grazie!!!è logico ma purtroppo il passo va fatto,và spiegato e risolto è per questo che ti ho consigliato prima il geometra e poi l'altro proprietario.Il geometra perchè non ha frazionato ed il vicino perchè ci vuole che il responsabile dell'errore si assuma le sue responsabilità.Tanto prima o poi verrà fuori .metti che questo un giorno si sveglia e dice di vendere,che vende'?
     
  12. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Potrei anche fare usucapione nel 2026 credo.
    Lui ha accesso alla corte per la fossa biologica però oltre a questo non ha mai fatto altro (credo, io abito lì solo in estate, potrebbe anche parcheggiare l'auto dentro la mia corte tutte le sere, non ne ho idea).
     
  13. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho una domanda:
    non essendoci riferimenti diretti a questa presunta corte nell'atto di compravendita, qualora l'altro proprietario fosse daccordo, possiamo fare un'opportuna voltura solo al catasto?

    Grazie mille ancora una volta
     
  14. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Potresti rappresenta re conuno schizzo e riferimenti di particella anche ipotetici sia la situazione iniziale che quella attuale?
     
  15. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ma quando avete rogitato, il notaio non vi ha spiegato cosa stavi vendendo con le planimetrie?
     
  16. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non credo proprio. Vanno verificati bene gli atti notarili per vedere la situazione attuale. Se non é come credi a quel punto bisognerà fare un ulteriore atto di cessione.
     
  17. b.paola

    b.paola Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Secondo me il geometra non ha fatto il frazionamentoquindi prima quellopoi ulteriore atto
     
  18. CarloBenz

    CarloBenz Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il geometra ha fatto un disastro, anche la stradina in comune esterna l'ha frazionata male (invece di bene comune ha inserito i proprietari, grave errore che ci ha fatto dannare durante la compravendita).

    Al catasto mi hanno suggerito prima di tutto di parlare con il notaio e poi valutare la situazione bene.

    Posso dire di essere sinceramente disperato, non credo riuscirò a risolvere un bel niente. Mah, staremo a vedere.

    Se avete consigli su come procedere, sono ben accetti ;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina