• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
al perito frega di vedere un prezzo più alto perchè si basa anche su quello per fare la valutazione.
Ti credo sulla fiducia, perché ( perfortuna) non mi sono mai occupata di mutui.

Ma continuo a non capire; se la casa vale 100, viene compravenduta a 100, ma in pubblicità esce a 150, il perito è così fesso da pensare che il valore sia 150 ?
Quindi è un incentivo a sparare prezzi alti e poi scendere , per compiacere il perito ?

Oltretutto qui il prezzo viene aumentato sulle inserzioni dell'agenzia diversa da quella che ha trovato l'acquirente; quindi il perito si basa sui prezzi di pubblicità ,
anche altrui ?

mah...Demenziale, e poco serio, secondo me.
 

c.bastanzio

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ciao ho capito anche che non si è rialzato realmente. Ma è stato pubblicato a ridosso o contemporaneamente a un'offerta, senza avvertire. Non va bene. Vi ringrazio tutti davvero.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Ma continuo a non capire; se la casa vale 100, viene compravenduta a 100, ma in pubblicità esce a 150, il perito è così fesso da pensare che il valore sia 150 ?
Quindi è un incentivo a sparare prezzi alti e poi scendere , per compiacere il perito ?

Oltretutto qui il prezzo viene aumentato sulle inserzioni dell'agenzia diversa da quella che ha trovato l'acquirente; quindi il perito si basa sui prezzi di pubblicità ,
anche altrui ?
Francesca la Dotta..

Conosci a menadito norme e normette del codice, le sue lettere e la sue scienze accademiche;
Poi ti meravigli, non comprendendo le normali consuetudini e le ordinarie dinamiche, che regolano talune compravendite.
Giudicandole addirittura demenziali.

Proprio vero che "Il sazio non crede al digiuno"

L'agente "della Carmen", che e' chiaramente il detentore dell'incarico, ha ricevuto si la sua proposta.
Giudicata peggiore, di quella gia' in essere, presentata per il tramite dell'altra agenzia.

Vuoi per l'entita' dell'offerta.
Vuoi per le modalita' del o dei compensi provvigionali, di cui evidentemente si e' gia' in quell'altra trattativa, raggiunto una fusione degli accordi tra ogni parte.
Due mediatori. Un venditore ed un acquirente.

Accordi "speciali", che un cliente di qualita' più "ortodossa", magari non comprenderebbe.
Andando a mettersi di traverso tra gli interessi perseguiti e gia' acquisiti, dai due mediatori.
Senza la proposta e senza prima "soppesare" il cliente, non si poteva giudicare.

Giudizio che non si e' fatto attendere.

Se per "l'agenzia di Carmen", conviene più "smezzare" col collega, piuttosto che chiudere ed incassare con lei in singolar tenzone, un valido motivo dovra' pur esserci.
Di sicuro squisitamente economico.

Idem con patate per il rialzo del prezzo.

Mai piu' la prima agenzia, presterebbe pure il fianco, dopo aver sfigurato col suo potenziale acquirente, rialzando il prezzo pubblicato, agevolando la concorrenza, che gli avrebbe soffiato la vendita da sotto il naso.
Se lo fanno, significa che ne hanno l'interesse ed il pieno controllo sulla vendita e sul venditore.

Perche' nella quotidiana consuetudine accadrebbe il contrario.

In queste prassi, se i due mediatori senza esclusiva, pur essendo in concorrenza tra loro sono in buoni rapporti, basta una telefonata amichevole.
Uno rialza il prezzo e l'altro rimuove l'annuncio.

Se invece, la concorrenza tra i due e' più accesa, occorre che intervenga il venditore a far rimuovere l'annuncio.
Che diversamente resterebbe tale e quale;
Se non addirittura ribassato proprio per turbare volutamente l'azione dell'avversario.

Benvenuta nella giungla del mercato bellezza.

Dove chi ci lavora, per non restare digiuno, non fa' troppo lo schizzinoso tra pratiche e clienti, dovendo combattere con la morte.

Perche' mutui, affitti e spese da pagare, ci sono tutti i mesi, alcuni troppo "corti", senza il sostegno o l'intervento di papa' o del suocero di sorta.

Certe cose non si imparano sui libri Dotta Francesca.
 
Ultima modifica:

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Francesca la Dotta..
Conosci a menadito norme e normette del codice, le sue lettere e la sue scienze accademiche;
Poi ti meravigli, non comprendendo le normali consuetudini e le ordinarie dinamiche, che regolano talune compravendite.
Giudicandole addirittura demenziali.
Peggio che demenziali; se per vendere si dovessero sempre fare questi giochetti scemi, non avrei nemmeno cominciato a fare l'agente. Ma non è cosi ovunque.
Io queste cose non le ho mai nemmeno viste, perfortuna, e ho venduto lo stesso...

Benvenuta nella giungla del mercato bellezza.

Dove chi ci lavora, per non restare digiuno, non fa' troppo lo schizzinoso tra pratiche e clienti, dovendo combattere con la morte.

Perche' mutui, affitti e spese da pagare, ci sono tutti i mesi, alcuni troppo "corti", senza il sostegno o l'intervento di papa' o del suocero di sorta.
La giungla del mercato ? Combattere con la morte ?
Dai un'immagine devastante del lavoro, poca serietà e pratiche portate a termine per sopravvivere, alla faccia dei clienti.
A te va bene così, a me no.

Con la storia del papà e suocero cominci a essere pesante; ti secca che io sia stata in grado di guadagnare i miei bei soldi con le mie forze ?
Mi ricordi quei compagni di scuola che si seccavano perché ero brava in matematica, e mi dicevano " eh certo, tua madre fa la professoressa" , come se durante compiti o interrogazioni ci fosse lei al posto mio.
Evidentemente fa comodo pensare che se uno fa girare bene il lavoro sia per merito suo e basta. Contento tu ;)
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
Magari stanno facendo credere alla banca, più che al perito, che l'offerta è più alta di quello che realmente è per ottenere un tasso migliore.
E chiaramente non vogliono avere il problema di un annuncio a 150 quando la proposta finta è a 160.

è stato pubblicato a ridosso o contemporaneamente a un'offerta, senza avvertire. Non va bene.
Senza sapere i dettagli di quello che avviene dietro le quinte è ben difficile valutare con certezza ma no, se le cose sono come ti è stato raccontato (due agenzie che lavorano sullo stesso immobile, due proposte ritirate più o meno in contemporanea, una accettata e la tua rifiutata), non c'è una scorrettezza nei tuoi confronti.

Se la comunicazione tra le due agenzie è stata lenta e la tua proposta è stata fatta a giochi già fermi da un po' si potrebbe opinare sul fatto che ti sia stato causato (ma all'agente come a te) un piccolo disagio, ma nulla di realmente importante, e comunque non è dato di sapere.

Io al posto della tua agenzia l'unica cosa che avrei fatto (sempre che non l'abbiano fatto) è mettere in chiaro in fase di offerta la situazione di collaborazione esistente e che quindi non ero l'unico a trattare l'immobile, avrei quindi messo un termine di irrevocabilità piuttosto stretto per limitare i disagi (a dire il vero soprattutto i miei se le cose non andassero in porto per quello), ma tra l'altro dici che sei stato avvertito rapidamente della cosa per cui la mia osservazione è più di forma che di sostanza.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
La giungla del mercato ? Combattere con la morte ?
Dai un'immagine devastante del lavoro, poca serietà e pratiche portate a termine per sopravvivere, alla faccia dei clienti.
Come rilevava anche @Slartibartfast le prassi sono queste.
Che ti piaccia oppure no questo succede nel nostro mercato da Bolzano ad Agrigento.

Se non te ne sei mai accorta, le hai evitate, non le hai mai fatte o non ne hai mai sentito parlare, evidentemente avevi le "spalle" sufficientemente larghe per farlo, oppure più probabilmente, le spalle sono fornite da altri.

Inutile che ti irriti.
Nascere benestanti non è mica una colpa.

Alcuni mediatori vanno a vendere in cortili mentre altri li snobbano.
Altri trattano solo con buoni clienti e mai con i cento per cento mutuo.
Tutto dipende se te lo puoi permettere.

Detto questo, nel constatare il tuo giudizio dei "giochetti scemi", piu che una ragazzina brava in matematica, ricordi assai di più quelle ragazzine innocenti e benestanti;
Che a parlare di problemi sociali, di ristrettezze economiche, si chiede come mai tante persone si ammazzino ogni giorno per i maledetti soldi.

Domandandosi candidamente: Ma invece di dannarsi tanto non potrebbero andare a chiedere i soldi ai loro genitori..?
 
Ultima modifica:

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
evidentemente avevi le "spalle" sufficientemente larghe per farlo, oppure più probabilmente, le spalle sono fornite da altri.
Come sai lavoravo in un mercato di medio/alto livello, dove evidentemente certe pratiche non servono, o non si usano.
Le spalle sono le mie, nel bene e nel male.
Inutile che ti irriti.
Nascere benestanti non è mica una colpa.
E ci mancherebbe...
Mi irrito con te ( che lo fai apposta), perché suggerisci che il merito non possa essere solo mio, ma ci deve essere per forza qualcuno che mi supporta.
Evidentemente hai un concetto riduttivo delle capacità altrui, specialmente se donna.
Forse non hai vicino a te gli esempi giusti .
Detto questo, nel constatare il tuo giudizio dei "giochetti scemi", piu che una ragazzina brava in matematica, ricordi assai di più quelle ragazzine innocenti e benestanti;
Che a parlare di problemi sociali, di ristrettezze economiche, si chiede come mai tante persone si ammazzino ogni giorno per i maledetti soldi.
Mi hai preso per una "vispa teresa" ?
comincio a ridere e non so se smetto... :sorrisone::sorrisone:
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Magari stanno facendo credere alla banca, più che al perito, che l'offerta è più alta di quello che realmente è per ottenere un tasso migliore.
E lo fanno mostrando alla banca un annuncio di un'altra agenzia ?
E le banche sono interessate a queste cose ?
quando la proposta finta è a 160.
Se la proposta è finta, non sono più prassi normali, ma truffe più o meno spinte; sbaglio ?
 

Slartibartfast

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Come rilevava anche @Slartibartfast le prassi sono queste.
Che ti piaccia oppure no questo succede nel nostro mercato da Bolzano ad Agrigento.

Se non te ne sei mai accorta, le hai evitate, non le hai mai fatte o non ne hai mai sentito parlare, evidentemente avevi le "spalle" sufficientemente larghe per farlo, oppure più probabilmente, le spalle sono fornite da altri.

Inutile che ti irriti.
Nascere benestanti non è mica una colpa.

Alcuni mediatori vanno a vendere in cortili mentre altri li snobbano.
Altri trattano solo con buoni clienti e mai con i cento per cento mutuo.
Tutto dipende se te lo puoi permettere.

Detto questo, nel constatare il tuo giudizio dei "giochetti scemi", piu che una ragazzina brava in matematica, ricordi assai di più quelle ragazzine innocenti e benestanti;
Che a parlare di problemi sociali, di ristrettezze economiche, si chiede come mai tante persone si ammazzino ogni giorno per i maledetti soldi.

Domandandosi candidamente: Ma invece di dannarsi tanto non potrebbero andare a chiedere i soldi ai loro genitori..?
Ma no, dai, se lavori in un mercato più alto certe cose non sai nemmeno che esistono. Dipende sempre dal tuo target medio. Che ti sei trovato perchè hai imparato a lavorare lì oppure che ti sei creato perchè ne sei stato capace.
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
E le banche sono interessate a queste cose ?
Probabilmente no.
Ma se hai una proposta a 150 che in realtà è a 120 certamente non vuoi che in giro ci sia un annuncio a 145, e per sicurezza immagino sia meglio spostarlo a 160 anziché eliminarlo

Se la proposta è finta, non sono più prassi normali, ma truffe più o meno spinte; sbaglio ?
No assolutamente.
Infatti evito come la peste.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Se la proposta è finta, non sono più prassi normali, ma truffe più o meno spinte; sbaglio ?
Prassi che si usano da lustri.
Anche in mercati di medio /alto livello.

Prima dell'introduzione delle norme, sulla tracciabilita' di assegni e pagamenti, costruttori ed ogni speculatore, pure e specialmente per l'acquisto di lotti "importanti", andavano presentando in banca un preliminare farlocco.
Dove era sottoscritto che venditore incassava da acquirente la tot. cifra, che invece non era mai stata versata.

Il residuo da finanziare invece, corrispendeva al totale o poco meno, della cifra concordata per la vendita.

Oggigiorno, per aggirare le norme diventate più restrittive, si ricorre a questi altri camuffi, le proposte finte, le perizie gonfiate e tutta l'hit parade.

Se le regole cambiano non cambia il senso delle prassi.
Finalizzate al sovraindebitamento per chi non ha soldi o per chi non ce li vuole mettere dei suoi.

Te capi' ? Francesca la Dotta.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
andavano presentando in banca un preliminare farlocco.
per aggirare le norme diventate più restrittive,
Se le regole cambiano non cambia il senso delle prassi.
No infatti, erano prassi truffaldine allora, e lo sono adesso.

Presentare contratti finti per avere un finanziamento, o per averlo a tassi migliori, non è certamente legale.
Non dirmi che lo fanno tutti, perché vuol dire solo che tutti sono truffatori.
E ricordati che i soldi che vengono prestati impropriamente sono anche i miei, e forse anche i tuoi .
Te capi', Silvio il furbetto ?
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Non litigate , perchè avete ragione entrambi.

E' vero che il mercato immobiliare di un certo tipo è sempre stato una giungla, ed è anche vero che puoi non essere stato toccato da questo tipo di pratiche, pur esistenti...
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
vero che il mercato immobiliare di un certo tipo è sempre stato una giungla,
Ah si' Silvana..?
Allora anche tu sei tra quelli che:

"Dai un'immagine devastante del lavoro, poca serietà e pratiche portate a termine per sopravvivere, alla faccia dei clienti."

Con tutta la buonavolonta' e la simpatia, pure condivisa per l'amica Francesca, ma di raziocinio, in un tale concetto, non se ne scorge neppure un barlume.

Considerato e lo sanno anche i sassi, che un AI, si occupa di compravendite e non certo di finanziamenti.

Probabilmente, sara' la fondatezza stessa delle provocazioni, ad oscurare il lume della ragione.

è anche vero che puoi non essere stato toccato da questo tipo di pratiche, pur esistenti...
Se intermediando, non hai mai visto, ne sentito e non sei mai stato toccato da tali pratiche, significa che, esclusa la crosta lunare, evidentemente hai sempre lavorato in una realta', quantomeno ovattata.
Rinunciando o, a questo punto meglio dire ignorando, una fetta vastissima di mercato.

A meno che, per lo stesso effetto simpatia, non ci vuoi pure venire a dire che i cento per cento mutuo, siano nettamente in numero inferiore, rispetto a quelli che la casa possono comprarsela senza indebitarsi.

Mentre rifugiarsi, sostenendo che a certi livelli, i cosiddetti target "medio alti", tali pratiche non vi siano o non servano, resta una motivazione, da buttarsi per terra dal ridere.
Atteso che le cronache sono piene zeppe, di vicende che vedono soggetti pure tra i più blasonati internazionali e non, finiti sul lastrico proprio a causa di sovraindebitamento.

Quindi Silvana,
Non possiamo avere ragione entrambi.

Il ricco Califfo, nato e vissuto da sempre nel deserto, non aveva mai visto un cammello e neppure sapeva nulla della sua esistenza.

Se lo dici tu cosi' gentile avra' ragione pure lui.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
@PyerSilvio non tutto il mercato immobiliare è problematico e pieno di ostacoli, per cui esiste una fascia che non è toccato da certe pratiche.

Dubito che chi compra una villa da 2.000,000 di euro faccia carte false per avere un mutuo al 100% o per fare maneggi (se non forse - più una volta che oggi - riguardo ai contanti...)
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Rinunciando o, a questo punto meglio dire ignorando, una fetta vastissima di mercato.
Certamente , ed è stata, nel mio caso, un’ottima scelta.
Pensa che non ho mai saputo nemmeno quanto gli acquirenti dovessero chiedere come mutuo, perché per nessuno era un problema averlo, e la caparra era sempre almeno il 30%.
A Milano molti altri colleghi lavoravano/lavorano così .
Per me era ideale.
 
Ultima modifica:

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
@PyerSilvio non tutto il mercato immobiliare è problematico e pieno di ostacoli, per cui esiste una fascia che non è toccato da certe pratiche.

Dubito che chi compra una villa da 2.000,000 di euro faccia carte false per avere un mutuo al 100% o per fare maneggi (se non forse - più una volta che oggi - riguardo ai contanti...)
Oi Silvana,

Quanto ti sbagli.

La tecnica bancaria, esclude finanziamenti totali o troppo onerosi, quando il valore della casa supera i 250 mila euro.

Perche' al di sopra di quella fascia gli immobili vengono considerati di lusso.

Una cautela utilizzata dalle banche che allora dovrebbe suonarti quantomeno strana.

Considerato che in linea di principio, dovrebbe essere più conveniente affidare il novanta per cento di finanziamento ad un soggetto facoltoso o con ampie capacita' di rimborso per l'acquisto di una casa sigorile o da ricchi, piuttosto che affidare il cento per cento e più ad un operaio, per l'acquisto di una casa economica o popolare.

La ratio invece e' molto semplice.

Volta proprio e sopratutto, ad evitare ed inibire magheggi e carte false, di cui tu dubiti.

..e dubita:

La villa, il mutuo e il prestito: la bufera giudiziaria su Renzi

Non c’è solo il finanziamento di un milione di euro per l’acquisto della casa da parte di Matteo Renzi sotto la lente degli inquirenti fiorentini.
Ci sarebbe anche la modalità di restituzione del denaro a Anna Picchioni, madre dell’imprenditore Riccardo Maestrelli, da cui l’ex premier ha ricevuto un prestito di 700mila euro tramite bonifico per comprare la sua villa a Firenze.

Chi ha dato i soldi a Matteo Renzi per comprarsi la villa che fu della famiglia Puccini?
È anche a questa domanda che i pm della procura di Firenze stanno cercando di rispondere.
L'acquisto dell'immobile, oltre 275 metri quadrati di salotti, camere, bagni e terrazze con altri 1.600 metri quadrati di giardino intorno.
Tutti i passaggi di denaro sono stati ricostruiti dagli investigatori dell’Uif, l’Unità antiriciclaggio della Banca D’Italia, attivati da una segnalazione di “operazione sospetta” della Cassa di Risparmio di Firenze.
Il report è stato trasmesso mesi fa alla procura fiorentina.

Il prestito da 700mila euro

"Ho chiesto un prestito a un carissimo amico perché per cinque mesi non avevo quella disponibilità", ha spiegato questa mattina lo stesso Renzi ai microfoni di Radio Capital.
"Che però questa roba esca in questo modo, come avvertimento dopo quello che ho detto sul vulnus alla democrazia, dovrebbe farvi sobbalzare, perché non ho fatto niente di illegale. Di che cosa stiamo parlando?".
Gli inquirenti, però, non la pensano così.A suo tempo, infatti, era stato detto che un mutuo acceso con il Banco di Napoli era servito a coprire 900mila euro.
L'immobile, però, gli era costato 1,3 milioni di euro. E ora si parla di un "prestito anomalo". Il punto è capire chi glielo ha fatto. Secondo L'Espresso, arriverebbe dai fratelli Maestrelli, già finanziatori della Fondazione Open, che attraverso il conto dell'anziana madre Anna Picchioni gli hanno permesso di coprire la caparra di 400mila euro con quattro assegni da 100mila euro l'uno. Un'altra ipotesi, come spiega Fabrizio Boschi sul Giornale oggi in edicola, potrebbe essere che il leader di Italia Viva abbia prelevato i soldi "direttamente dalle casse della Fondazione Open".


Per dovere di cronaca e ad avviso ai naviganti, a parte la polemica mediatica sulle evidenti stranezze presenti in questa compravendita, il fascicolo aperto nei confronti del senatore di Italia viva, e' privo di ipotesi di reato.
 
Ultima modifica:

Agenzia Castello

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Ho capito, ho capito perfettamente. Comunque il prezzo non si alza da solo...o no? Che l'abbiano venduta prima, durante o dopo la mia offerta, non ti pare che abbiano agito in modo scorretto?
No, assolutamente.
Ti hanno già spiegato il motivo, siete arrivati in due con una offerta, l'altra agenzia l'ha ritirata prima ed è stata accettata prima l'altra.
Da noi in zona la maggior parte degli immobili in vendita non sono in esclusiva e li gestiscono almeno 3 agenzie contando che siamo in 10-12 nel raggio di 2km, chi prima arriva meglio alloggia.
Il prezzo rialzato come ti han detto è solo per il perito che uscirà, per essere tranquilli che magari valuti qualcosa di più la casa.
Tu non avevi e non hai nessun contratto in essere, e sia agenzia che venditori nessun obbligo, possono cambiare prezzo, decidere di non vendere, non darti la casa neanche se offri 10k di più del prezzo, finché non firmano la casa è loro e ci fanno quel che vogliono.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

monek ha scritto sul profilo di KarenLFP.
ciao!!! Tu hai avuto qualche novità sul mutuo?
Buonasera, stiamo cercando di stipulare un preliminare di vendita a mia nipote, essendo 4 proprietari; può lei iniziare i lavori per detrazione 110% solo con la firma del preliminare ? Grazie .
Alto