1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Commento di Corrado Sforza Fogliani (Confedilizia) sulla riforma dei condominii entrata in vigore oggi.


    Quella sul condominio in vigore dal 18 giugno, è una riforma destinata a cambiare la vita a 30 milioni circa di italiani e ad alcune migliaia di amministratori condominiali (la cui attività viene in ogni aspetto disciplinata).

    Ma che è, ciò nonostante, una riforma pigra, un restyling più che altro.

    L’occasione che il legislatore poteva cogliere, era grande.

    Negli Stati Uniti, 57 milioni di americani (Silvio Boccalatte, La città sussidiaria-Vivere oltre lo Stato, ed. Ass. Carlo Cattaneo) vivono in comunità autoregolate, nella gran parte dei casi vivono come in enormi condomìni o, se vi sono parti comuni, come in supercondomìni. La loro legge è un regolamento contrattuale, approvato da tutti. Comunità di questo tipo esistono anche in Italia e tutte hanno una specifica caratteristica: che in esse la spesa pubblica insostenibile non esiste.
    A queste comunità avrebbe potuto ispirarsi il legislatore della riforma, facendo del regolamento (contrattuale, quindi: approvato da tutti) il perno del condominio.

    Ancora 77 anni dopo, il legislatore ha invece preferito riferirsi nuovamente al modello varato nel 1935 (a quell’anno risale la nostra prima legge sul condominio) e mantenuto intatto nel 1942, allorchè fu trasfuso nel nuovo Codice civile: un modello che, pur attenuato fin dall’origine dalla distinzione (confermata dalla riforma) fra norme derogabili (dal regolamento condominiale) e norme inderogabili, racchiude comunque il condominio in un involucro calato dall’alto, col quale lo Stato si arroga il diritto di regolare la vita condominiale anche nei suoi più minuti aspetti (perfino – e con norma inderogabile – in quello della durata dell’incarico dell’amministratore scelto dai condòmini).

    Un’impostazione che risente dell’epoca (accentratrice) in cui fu concepita e varata, anche in reazione alla regolamentazione – se vogliamo chiamarla così – prevista dal Codice liberale del 1865, sostanzialmente basata su servitù volontarie (e su tre norme in tutto – gli articoli 562, 563 e 564 – che, negli edifici con piani appartenenti a differenti proprietari e in mancanza di accordi fra questi ultimi, regolavano la sopraelevazione e il riparto delle spese in genere e per i lastrici solari in particolare).

    Allo stesso modo, il legislatore della riforma non ha affrontato il problema di attribuire al condominio - così come s’è fatto in diversi Paesi europei - la capacità giuridica (la capacità, quindi, di agire come una persona o una società).
    La solita, provinciale dietrologia (ma cosa si cela mai dietro questa proposta?) ha avuto il sopravvento, impedendo all’istituto condominiale di mettersi veramente al passo coi tempi.

    Impedendogli, soprattutto, di semplificare la vita a condòmini ed amministratori, salvo oggi lamentarsi - anche, paradossalmente, da parte di oppositori dell’attribuzione della capacità giuridica – dei troppi aggravi che si sarebbero aggiunti.

    Il condominio rimane così un semplice “ente di gestione” (ma per certa dottrina e giurisprudenza, neppure questo), basato – in particolare – sul rapporto di mandato condòmini-amministratore. Nonostante questo (che ha comunque fatto la gioia di molti editori, che ci hanno invaso di pubblicazioni che sono semplici rifritture di testi precedenti), la riforma ha anzitutto il merito di aver ufficializzato l’orientamento dei giudici espresso in decenni di giurisprudenza.

    Non solo. Si sono, pure, meglio precisati particolari aspetti della vita condominiale, così come si è sancita l’applicabilità delle disposizioni sul condominio ai condominii orizzontali nonché ai supercondominii, e si è data piena legittimazione agli amministratori del proprio condominio, esonerati - anche - dalla formazione sia iniziale che periodica.

    In sostanza, la normativa di riforma rappresenta un semplice restyling – come già detto – della vecchia legge, ma un restyling importante, e appieno rispettoso (nonostante i tempi) dei diritti proprietari, così da ottenere – nella sua forma attuale e superati, quindi, alcuni “sbandamenti” che essa aveva subito nell’iter parlamentare – il convinto consenso della Confedilizia.

    Di questa normativa, addirittura ancor prima che essa entri in vigore e sia debitamente rodata, si chiedono già da qualche parte modifiche, e – financo – la sospensione. A rimediare ad alcuni problemi (come per il fondo spese lavori), forse basterà però anche la sola prassi attuativa o, al massimo, qualche iniziativa di interpretazione.
    A riaprire il cantiere della riforma (dagli esiti in gran parte imprevedibili) pare il caso di pensare solo se si vorrà effettivamente fare opera nuova, guardandosi intorno e, comunque, almeno all’Europa.
    di Corrado Sforza Fogliani
    - See more at: http://www.sibynews.it/index.php?title=Condomini:_riforma_con_luci_e_ombre#sthash.5fgejmIs.dpuf
     
    A m.barelli, Sim e Graf piace questo elemento.
  2. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Oggi, 18 giugno 2013 è un gran giorno! Storico direi.
    Entra finalmente in vigore una buona legge.
    Viene riformato, dopo 71 anni, l'stituto giuridico del condominio.
    Una riforma che ha imboccato la strada giusta.
    La sclerotica classa politica italiana riesce a dare, ogni tanto, qualche importante colpo d'ala alla vita di noi cittadini.
    Volevo trasferimi nelle Isole Salomone.
    Quasi quasi...mi fermo un altro pò.
    ;)
     
  3. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    I cambiamenti sono sempre duri da attuare, vedremo come sarà l'impatto che a mio pare provocherò aumenti dei compensi richiesti dall'amministratore almeno del 20/25%
     
  4. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Scusate, eh?, ma dove sta questa rivoluzione? Al massimo si tratta di un 'acconto' di riforma. Basti pensare che non è stata tolta neanche l'ipocrita doppia convocazione d'assemblea, così continueremo a leggere nell'avviso dell'amministratore che la prima è fissata alle ore 23 di un certo sabato. Come se l'inchiostro necessario a scrivere non costasse niente.
    Questo dunque è un acconto. A quando il saldo?
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Mi associo a jac0: francamente mi sembra che la montagna abbia partorito il topolino. Ho visto e sentito gli interventi di tutte le categorie coinvolte organizzato da Ilsole24ore; tuute si esprimono con molta diplomazia ma sostanziaalmente danno un giudizio abbastanza negativo.
    Le (poche) innovazioni sono discutibili, permangono residuati bellici (es. l'iscrizione al registro degli amministratori che non esiste e forse mai esistito)

    Nessuno chiarisce come si concilj il distacco dal riscaldamento centralizzato, con la legge che vieta riscaldamento individuale ove ci siano più di 4 u.i. ecc.

    Pare regredire anche la posizione in merito al principio solidale o meno del condominio rispetto al condomino moroso.

    Non so se sia ancora disponibie in streeming il convegno di 24ore: lo onsiglio.
     
  6. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    C'è aria nuova nei nostri condomini.
    Dopo 71 abbi le regole del condominio acquistano un taglio più moderno.
    Una situazione stagnante è stata mossa.
    Meglio un topolino che il niente.

    Sono stato abbastanza convincente nelle difesa di questa legge di riforma?
    Oppure devo emigrare nelle Isole Salomone?
    :^^:
     
  7. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    In Italia si assiste alla fuga dei cervelli all'estero. Ma quand'è che fuggono quelli che fanno certe leggi e quelli che hanno predisposto il prospetto di calcolo delle imposte dirette (mod. UNICO e simili)? Mi basta che si rifugino nello S.C.V. o a San Marino, ove hanno l'IVA ridotta (anche noi abbiamo l'IVA ridotta, anzi malridotta).
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Di che ti lamenti? Non ti sei accorto che ti hanno aumentato i redditi?
    -Reddito di riferimento per agevolazioni fiscali: .... date per disperse!
    -Reddito imponibile IRPEF .... umido di lacrime!
    -Reddito non imponibile .... tassato secco!
    -Reddito imponibile per addizionale regionale e comunale

    viva la semplificazione..... :disappunto:
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  9. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Cosa significa che si possono tenere gli animali domestici e nessun regolamento di condominio può vietarli?
    Si possono tenere anche conigli e galline dentro gli appartamenti? Anche se cominciano ad emanare uno strano olezzo?
    Cosa si intende con l'espressione "animali domestici"?
    Credo che la giurisprudenza avrà molto da fare per interpretare in modo equo alcuni passaggi della nuova legge.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  10. jac0

    jac0 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Beh, il condòmino prende l'ascensore e il cavallo fa le scale a zoccoli. E' un piccolo modo equo, un modo equino. Per quanto riguarda i pitoni, se assumono psico-farmaci emulano gli animali domestici.
     
  11. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    :risata::risata: ;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina