1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    1. Qualcuno mi sa indicare che tipo di contratto si deve adottare per la locazione uso esclusivamente turistico/vacanze di un appartamento ammobiliato in località di villeggiatura, di durata un anno?
    2. Qualcuno ha un modello di riferimento contrattuale?
    3. Quali sono le adempienze specifiche? (oltre la registrazione?)
    4. Rientrerebbe nelle fattispecie della Cedolare secca? (è ammessa anche per brevi periodi, l'uso è però di tipo abitativo "secondario")
    Grazie anticipate.
     
  2. LUCA67

    LUCA67 Membro Ordinario

    Altro Professionista
    secondo me oltre ad indicare espressamente che la locazione ha scopi turisitici non hai gli altri vincoli della legge 431 ma puoi fare riferimento al codice civile (durata libera canone libero eccetera) l'unico obbligo e' la forma scritta. la registrazione poi va fatta solo se la durata supera i 30 giorni (computando i 30 giorni nell'arco dell'anno con lo stesso inquilino) . infine puoi optare per la cedolare secca se il locatore coincide con il proprietario (non vale se figura l'agenzia come locatore)e se il contratto non è soggetto a registrazione l'opzione si esprime direttamente nella dichiarazione dei redditi fatta l'anno successivo. da ultimo potrebbe non essere necessaria la raccomandata all'inquilino visto che questi contratti per difinizione non hanno aumenti istat
     
  3. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    1. Non esiste un contratto-tipo standardizzato e inderogabile perché la disciplina individuata nelle norme del codice civile, conseguente alla mancanza di una disciplina speciale ad hoc, consente alle parti, nonostante la breve durata contrattuale, di accordarsi specificatamente su tutto, sia per ciò che concerne l’esatta regolamentazione della locazione, sia a ciò che attiene all’esatto adempimento delle obbligazioni scaturenti e riferibili al locatore, come al conduttore, potendo le parti disciplinare, come meglio credono, ogni e qualsiasi ipotesi che si possa manifestare durante l’esecuzione del contratto.

    2. Io prendo un comunissimo contratto di locazione abitativa e poi lo personalizzo in base alle mie esigenze e a quelle del conduttore. In linea generale nel contratto, le parti devono indicare le loro generalità complete, individuare l’oggetto della locazione, cioè l’immobile locato e la durata temporale del contratto, stabilendo sia l’inizio che il termine, con il rilascio dell’immobile, senza bisogno di disdetta alcuna, che s’intende “sin d’ora data, per allora”; all’atto della stipula è opportuno tutelarsi specificando i motivi e le finalità turistiche che hanno indotto le parti a stipulare il contratto; inoltre si dovrà indicare il riparto delle spese (oneri accessori), il deposito cauzionale, l’utilizzo di eventuali spazi accessori (box, posto auto ecc.) e il canone pattuito per la durata del contratto, eventualmente con riguardo alla sua corresponsione, specificando che tale importo sia comprensivo o meno , delle spese accessorie dell’immobile (oneri condominiali) ed, inoltre, comprensivo di una quota a forfait relativa al consumo delle utenze, considerato che, per brevi periodi di godimento dell’immobile, in genere non si impone al conduttore la volturazione dei contratti di utenza relativi all’immobile locato, essendo tale pratica antieconomica, in rapporto al periodo breve di esecuzione del contratto.

    Nelle locazioni per finalità turistiche, se l’immobile è arredato, tale circostanza impone al locatore avveduto di tenere un’ulteriore cautela, allegando al contratto, quale sua parte integrante (ma nulla vieta di sottoscrivere una semplice scrittura privata, avente valore legale, riferendosi al contratto che si andrà a stipulare) la descrizione esatta e lo stato manutentivo dei beni mobili e del corredo contenuti nell’appartamento e che dovranno essere restituiti dopo il loro utilizzo dal conduttore. Anche questa cautela – vivamente consigliata – conferma la necessità dell’adozione della forma scritta, per superare problemi di ordine pratico, quali, appunto, eventuali contestazioni, in sede di rilascio dell’immobile a fine locazione. È consigliabile inoltre specificare che l’immobile è sprovvisto di servizi accessori (biancheria, riassetto dell’alloggio ecc.), onde evitare che si possa ricadere nella fattispecie dell’attività vera e propria dell’affittacamere e che il conduttore è tenuto al rispetto del regolamento condominiale, se esistente.

    3. Rimane la sola dichiarazione di ospitalità, da eseguirsi presso l’Autorità di Pubblica Sicurezza competente (o, in sua assenza, al Sindaco del comune ove è censito l’immobile locato) ad onere del locatore, entro le 48 ore dall’immissione nel possesso dell’immobile, nell’ipotesi in cui il conduttore sia un cittadino non appartenente all’Unione Europea. E’ consigliabile rivolgersi all’Azienda di promozione turistica e consultare il sito della singola regione per eventuali altre incombenze.

    4. La risposta è affermativa: i requisiti fissati in via legislativa sono, infatti, solo riferiti all’immobile (abitativo) e al tipo di contratto (ad uso abitativo). Nulla invece viene stabilito con riferimento all’abitazione (primaria e stabile o secondaria).
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  4. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Grazie molte Penny.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina