1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. panagulis

    panagulis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti.
    Domani mattina 30/09/2010 devo andare dal notaio per firmare l' atto di vendita del mio piccolo appartamento. Poco fa, il notaio, che è stato scelto dalla parte acquirente, mi ha inviato copia dell' atto. Nel Preliminare era stato scritto che pur avendo tutti i documenti in regola dell' edificio, non era stata mai presentata domanda per il certificato di agibilità, "esonerando fin da ora parte promittente venditrice a consegnare il certificato in questione". Ora, sull' Atto non si fa nessun accenno alla mancanza del certificato di agibilità. Il mio dubbio è che la parte acquirente potrebbe dopo la firma dell' Atto pretendere da me il certificato, (perchè mi hanno detto che l' Atto annulla quello che è scritto sul Preliminare).
    Devo pretendere di far scrivere la mancanza dell' agibilità anche sull' Atto come era scritto sul preliminare? oppure può andar bene così perchè la parte acquirente non avrebbe il diritto di pretendere in seguito nulla da me?
    Grazie.
    Spero tanto di ricevere una risposta tempestiva, visto che mancano poche ore all' Atto di compravendita.
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    A mio avviso devi (e puoi) assolutamente pretendere che il rogito riporti tutte le clausole riportate nel preliminare, fra cui quella in oggetto! Considera poi che il certificato di agibilità non è un elemento essenziale per la stipula del rogito, e se l'acquirente si rifiutasse di rogitare l'inadempiente sarebbe lui! :confuso:
    Fin qui la legge, rimane però l'aspetto "etico" della cosa, come ho scritto qualche tempo fa nel post che riporto qui sotto (se mi perdoni l'auto-citazione :confuso:):


    ;)
     
  3. panagulis

    panagulis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Maurizio per la risposta.
    Comunque per me il problema non è che l' acquirente sta pretendendo il certificato prima di rogitare, dato che sul preliminare ha dichiarato di esserne a conoscenza della mancanza e che mi esonerava da ogni obbligo a produrlo. Per l' agibilità non mi ha fatto problemi, anzi, sono stato proprio io a voler scrivere sul preliminare della mancanza di tale certificato, quindi lei domani mattina si presenterà tranquillamente dal notaio per rogitare. Ma, pensando sempre al peggio, per cercare di evitarlo, il mio dubbio è che non essendo riportato anche sull' atto, il giorno dopo, ipoteticamente, l' acquirente potrebbe dirmi che non sapeva della mancanza dell' agibilità, dato che sull' Atto io non l' avevo messa a conoscenza, e per questo potrebbe pretendere in seguito da me tale certificato o chiedermi le spese per produrlo. Per questo volevo sapere se il problema dell' agibilità non inserito anche sull' Atto poteva portarmi a conseguenze poco gradite. Ripeto, la preoccupazione viene perchè mi era stato detto che, anche se era specificato sul preliminare ma poi non riportato anche sull' Atto, è come se non fosse stato mai dichiarato, perchè è l' ultimo contratto quello che vale.
    Ciao.
     
  4. gtgt

    gtgt Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ciao Maurizio,

    sei sicuro di questa cosa?
    Perché anche a me è saltata la vendita del mio appartamento perché il certificato di agibilità è mancante (e il notaio dell'acquirente lo voleva), anche se c'erano tutti gli altri documenti a posto (sanatoria pagata, permesso di costruire, planimetria corrispondente allo stato dei luoghi).
    Quindi sarebbe bastato dire al notaio che il certificato non era disponibile?
    Ciao e grazie
     
  5. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    se nel compromesso c'era scritto che il documento di agibilita' doveva esserci pena la decadenza del contratto, l'acquirente aveva diritto a pretenderlo.
    anzi, addirittura nella proposta di acquisto e' meglio specificarlo.
     
  6. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sono del parere che tu faccia scrivere a chiare lettere dal notaio che l'immobile è deficiatrio del certificato.
    Ti allego qualcosa di interessante al riguardo.
    Poi sa sentanza è di chiarezza estrema.
     

    Files Allegati:

  7. panagulis

    panagulis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Come è scritto all' ultimo punto dell' allegato inviato da Antonello, è importante che l' acquirente ne sia a conoscenza e che esoneri il venditore a consegnare tale documento. Per questo motivo a me preoccupava il fatto che quella rinuncia al certificato di agibilità, che era stata sottoscritta sul preliminare, non fosse riportata anche nell' atto. Comunque io il problema l' ho risolto, perchè, quando siamo andati in banca per firmare l' atto, ho spiegato al notaio che doveva riportare la stessa clausola, riguardante l' agibilità, anche sull' Atto di compravendita, e lui senza problemi a trascritto fedelmente parola per parola. In questo modo, l' acquirente, ha dichiarato esplicitamente la sua rinuncia e mi ha anche esonerato a richiederlo.
    Ciao a tutti.
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Beh, oramai hai risolto, potevi anche far sottoscrivere una malleva dall'acquirente...per evitare per l'appunto l'alio pro aliud............
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina