elin@

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Salve a tutti. Sono nuova della pagina, spero di non iniziare con il piede sbagliato.
Dunque. Incarico con esclusiva scaduto nel dicembre 2019.
Il proprietario e la moglie sono due amici e poichè il prezzo richiesto per la vendita era tanto fuori prezzo di mercato, dissi loro che potevano anche non rinnovare l'incarico purchè potessi continuare con le visite se avessi avuto richieste. Magari il cliente se lo trovavano da soli... L'immobile era troppo importante per avere semplici visite a quel prezzo anche se, nel tempo, l'importo di vendita si è notevolmente ridimensionato. Così fu fino al gennaio di quest'anno dove un amico del proprietario, agente di un noto franchising, lo convinse a firmare l'incarico per un anno. Però il proprietario disse loro che anch'io avrei potuto continuare a gestire la vendita se avessi avuto richieste e nel caso avessi avuto un acquirente, avrebbe riconosciuto a loro la provvigione o meglio dire, una penale.
Questa è la premessa per ciò che andrò a raccontare adesso.
Una probabile acquirente, un anno fa, venne a vedere l'immobile con me, senza che ci fosse un seguito. La signora mi firmò il foglio visita, arrivederci e grazie.
Un anno dopo, la stessa signora con il marito si reca a vedere di nuovo lo stesso immobile senza sapere quale agenzia stesse chiamando... Annuncio su un portale, numero di cortesia e fissa un appuntamento con un agente (non aveva più il mio numero). Durante la visita, qualcosa deve essere andato storto perchè ai signori clienti non è piaciuto l'agente, anche se invece la casa al marito era piaciuta.
Dopo un mese circa, trovano lo stesso immobile, questa volta con il mio nome, mi ricontattano e rifissano un appuntamento con me, ignara di tutto.
I Clienti sono convinti, mi comunicano che vorrebbero formulare una proposta ma, durante uno dei nostri discorsi in agenzia, mi confessano che avevano visionato lo stesso immobile con l'altra agenzia ma non si erano trovati bene con l'agente. Io cado dalle nuvole perchè anche di là hanno firmato la presa visione.
Sicuramente sarà un argomento trattato tante volte su questo forum, ma io adesso mi trovo fra l'incudine ed il martello. Come uscirne senza perdere il Cliente? Assodato che:
1) la signora aveva visto casa con me la prima volta, presa visione firmata ma il mio incarico era scaduto;
2) la visita effettuata la seconda volta con il marito che non conosceva l'immobile, ha un foglio visita firmato anche a loro
3) l'altra agenzia non ha mai richiesto l'elenco dei clienti accompagnati in visita da me fino al momento del loro incarico.
Ho spiegato ai clienti che la situazione è un pò particolare visto che sono coinvolti altri colleghi e loro mi hanno detto che vogliono scegliere con chi acquistare. Vogliono acquistare con me e non con loro, punto.
Chi mi consiglia come districarmi in questa situazione? Partendo dal presupposto che il venditore è pronto a pagare la penale, ma come tutelare l'acquirente affinchè l'altra agenzia non intervenga a loro sfavore? Tutto sommato la prima visita fu fatta con me e l'elenco delle visite effettuate fino al momento dell'altro incarico non è stato ritirato dall'altra agenzia. Quindi? Posso stare tranquilla? A qualcuno è capitata una situazione simile?
 

sgaravagli

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Io procederei con la vendita…… in una eventuale causa il nesso causale lo hai creato tu…. Pe lo meno i più “forte”…. Nel caso dovessero nascere problemi con l’altra agenzia ti metterai d’accordo tu…. La legge prevede la pruralita dei mediatori…. Penso sia difficile che qualsiasi giudice sentenzi la doppia mediazione in un caso come il tuo
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Salve a tutti. Sono nuova della pagina, spero di non iniziare con il piede sbagliato.
Dunque. Incarico con esclusiva scaduto nel dicembre 2019.
Il proprietario e la moglie sono due amici e poichè il prezzo richiesto per la vendita era tanto fuori prezzo di mercato, dissi loro che potevano anche non rinnovare l'incarico purchè potessi continuare con le visite se avessi avuto richieste. Magari il cliente se lo trovavano da soli... L'immobile era troppo importante per avere semplici visite a quel prezzo anche se, nel tempo, l'importo di vendita si è notevolmente ridimensionato. Così fu fino al gennaio di quest'anno dove un amico del proprietario, agente di un noto franchising, lo convinse a firmare l'incarico per un anno. Però il proprietario disse loro che anch'io avrei potuto continuare a gestire la vendita se avessi avuto richieste e nel caso avessi avuto un acquirente, avrebbe riconosciuto a loro la provvigione o meglio dire, una penale.
Questa è la premessa per ciò che andrò a raccontare adesso.
Una probabile acquirente, un anno fa, venne a vedere l'immobile con me, senza che ci fosse un seguito. La signora mi firmò il foglio visita, arrivederci e grazie.
Un anno dopo, la stessa signora con il marito si reca a vedere di nuovo lo stesso immobile senza sapere quale agenzia stesse chiamando... Annuncio su un portale, numero di cortesia e fissa un appuntamento con un agente (non aveva più il mio numero). Durante la visita, qualcosa deve essere andato storto perchè ai signori clienti non è piaciuto l'agente, anche se invece la casa al marito era piaciuta.
Dopo un mese circa, trovano lo stesso immobile, questa volta con il mio nome, mi ricontattano e rifissano un appuntamento con me, ignara di tutto.
I Clienti sono convinti, mi comunicano che vorrebbero formulare una proposta ma, durante uno dei nostri discorsi in agenzia, mi confessano che avevano visionato lo stesso immobile con l'altra agenzia ma non si erano trovati bene con l'agente. Io cado dalle nuvole perchè anche di là hanno firmato la presa visione.
Sicuramente sarà un argomento trattato tante volte su questo forum, ma io adesso mi trovo fra l'incudine ed il martello. Come uscirne senza perdere il Cliente? Assodato che:
1) la signora aveva visto casa con me la prima volta, presa visione firmata ma il mio incarico era scaduto;
2) la visita effettuata la seconda volta con il marito che non conosceva l'immobile, ha un foglio visita firmato anche a loro
3) l'altra agenzia non ha mai richiesto l'elenco dei clienti accompagnati in visita da me fino al momento del loro incarico.
Ho spiegato ai clienti che la situazione è un pò particolare visto che sono coinvolti altri colleghi e loro mi hanno detto che vogliono scegliere con chi acquistare. Vogliono acquistare con me e non con loro, punto.
Chi mi consiglia come districarmi in questa situazione? Partendo dal presupposto che il venditore è pronto a pagare la penale, ma come tutelare l'acquirente affinchè l'altra agenzia non intervenga a loro sfavore? Tutto sommato la prima visita fu fatta con me e l'elenco delle visite effettuate fino al momento dell'altro incarico non è stato ritirato dall'altra agenzia. Quindi? Posso stare tranquilla? A qualcuno è capitata una situazione simile?
In punta di diritto la penale pagata adesso all'altra agenzia non libererebbe questi acquirenti, che hanno visto l'immobile prima della disdetta dell'incarico, hai due strade secondo me (in realtà con tutte le possibili via di mezzo), io ne preferisco una ma non ti dico quale:
1) chiudi la vendita, in modo che non sia a rischio, poi contatti i colleghi e ne parlate
2) sulla proposta scrivi che i proponenti hanno visto l'immobile anche con altra agenzia e se ne assumono ogni eventuale onere
Ciao!
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
Mah.. Situazione decisamente scomoda.
Penso che la cosa più saggia sarebbe dividere la provvigione , un’agenzia prende da una parte, e la seconda dall’altra.
Prenderei la proposta, e poi, prima di farla accettare, cercherei l’accordo scritto con l’altra agenzia: o meglio, lascerei che ci parlasse il venditore, che, insieme all’acquirente, ha contribuito a complicarsi la vita .
La presenza o meno di incarichi scaduti non rileva: quello che conta è che tu hai mostrato la casa per prima, ma senza la seconda agenzia il marito non avrebbe potuto esprimere il gradimento, visto che per lui era la prima visita.
In proposta, potresti inserire una nota che subordini l’efficacia della proposta al raggiunto accordo tra agenzie, per pagare una provvigione per parte.
 

elin@

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
La presenza o meno di incarichi scaduti non rileva: quello che conta è che tu hai mostrato la casa per prima, ma senza la seconda agenzia il marito non avrebbe potuto esprimere il gradimento, visto che per lui era la prima visita.
In proposta, potresti inserire una nota che subordini l’efficacia della proposta al raggiunto accordo tra agenzie, per pagare una provvigione per parte.
Perchè se l'avessero vista insieme cambiava qualcosa? Penso di no.
Però loro decidono di non proseguire con quell'agenzia perchè non soddisfatti, pare che l'agente abbia avuto dei modi non proprio consoni, quindi può anche darsi che avrebbero rinunciato pur di non avere a che fare con loro. Chi può dirlo. Poi, hanno trovato di nuovo il mio numero e hanno voluto proseguire. Il loro sbaglio è stato non mettermi al corrente subito dell'altro contatto. Però è anche vero che i clienti non acquistano case tutti i giorni e spesso non sanno cosa sia un foglio visita. Quindi, non voglio spaventarli ma sicuramente dovrò trovare un accordo con l'altra agenzia
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
però loro decidono di non proseguire con quell'agenzia perchè non soddisfatti, pare che l'agente abbia avuto dei modi non proprio consoni, quindi può anche darsi che avrebbero rinunciato pur di non avere a che fare con loro. Chi può dirlo.
Esatto, chi può dirlo…
Servirebbe sentire l’altra campana, e, avendo una certa esperienza, ti posso dire che non sempre le parti raccontano le cose come stanno: magari hanno preferito te solo perché le tue provvigioni sono inferiori…
Capisco che ci siano colleghi non educati o addirittura scorbutici, ma l’antipatia spesso ha a che fare con il vil denaro…
Il loro sbaglio è stato non mettermi al corrente subito dell'altro contatto
Subito o dopo non sarebbe cambiato: l’errore , secondo me (oltre ad ignorare come funziona, e ci sta), è quello di andare a vedere case come fosse comprare un chilo di patate: possibile che, se uno è interessato, non tenga stretto il contatto con l’agente ?
Perchè se l'avessero vista insieme cambiava qualcosa? Penso di no.
Solo un giudice potrebbe esprimersi: certo non si può sostenere che, senza vedere la casa con la seconda agenzia, avrebbero maturato la decisione di comprare.
Quindi un certo apporto dei tuoi “concorrenti” io lo vedo.
sicuramente dovrò trovare un accordo con l'altra agenzia
Eh si, direi di sì.
 

il_dalfo

Membro Assiduo
Professionista
Se da come intuisco il prezzo è diverso da quello a cui l'avevan visto la prima volta, secondo me il nesso causale è stato creato dalla seconda agenzia e a nulla tange che i clienti con si trovino bene con detta agenzia.
Tuttavia la propensione per instaurare/continuare la trattativa scaturisce dal fatto che sia tu a seguirli.

A mio avviso conviene fare un 50% e 50% (tra AI) sul monte provvigioni ed evitare scassamenti di balle per vie legali.
 

il_dalfo

Membro Assiduo
Professionista
E se loro non volessero? Così, per rompere le uova nel paniere agli acquirenti visto che non si sono trovati bene e lo hanno detto apertamente...
Per loro la scelta sta nell'accettare il 50% subito senza rompersi le balle oppure nell'accettare il 50% più avanti dopo aver mosso i legali SE ottengono una sentenza abbastanza favorevole.
Non ci vuole un genio a capir cosa conviene fare.
 

elin@

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Esatto, chi può dirlo…
Servirebbe sentire l’altra campana, e, avendo una certa esperienza, ti posso dire che non sempre le parti raccontano le cose come stanno: magari hanno preferito te solo perché le tue provvigioni sono inferiori…
Capisco che ci siano colleghi non educati o addirittura scorbutici, ma l’antipatia spesso ha a che fare con il vil denaro…
Francesca, sono andata a fondo su questo punto: i clienti hanno spiegato che quando hanno fatto presente all'altro agente che avevano notato l'annuncio con altra agenzia, pare che lui abbia risposto che questa cosa era un problema per lui perchè non sapeva come liberarsi da questi impiccioni scorretti! Quando invece hanno chiamato me per chiedermi alcune cose e alla domanda "come mai c'è un'altra agenzia?" alla mia risposta "c'è un accordo di collaborazione e se lo desidera perchè ha dei dubbi la metterò in contatto con gli stessi proprietari" lui ha ritenuto che io fossi più credibile. E suppongo ci siano state altre cose...
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto