• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

CheCasa!

Membro Supporter
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Nonostante risalga oramai alla fine del 2017, solo a partire da quest'anno la nuova norma sembrerebbe balzare all'attenzione di tutti.

Frutto della mediazione dei diversi interessi coinvolti (da quelli degli ecologisti più intransigenti a quelli dei costruttori), la nuova norma produrrà nella pratica una riduzione del consumo di suolo dai 250 chilometri quadrati previsti dagli attuali strumenti urbanistici a circa 70 chilometri quadrati (a livello regionale).

Sono i terreni edificabili inseriti nei Piani Strutturali Comunali, secondo gli amministratori regionali, non essendo pienamente conformativi, quelli che verrebbero "azzerati" entro la fine del 2020. Così pure i piani particolareggiati, i comparti, mai approvati.

Per scongiurare la "retrocessione" inoltre non sarà sufficiente, per quanto indispensabile, sottoscrivere la convenzione urbanistica e consegnare la fideiussione. Il comune dovrà anche appurare che ci sia la solidità economica dell'attuatore per la corretta realizzazione delle opere.

Di contro, la regione, introdurrebbe tutta una serie di facilitazioni e di bonus per la "rigenerazione" degli edifici esistenti.

Riferimento normativo: LR 24 del 21.12.2017
 
Ultima modifica:

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Avevamo bisogno di ulteriori restrizioni....

E le poche imprese che non sono fallite, falliranno :riflessione:
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
Non so come la vedranno gli addetti ai lavori, ma io, a rischio di sollevare un vespaio, plaudo a questa legge e ne auspico una per regione.
Qui in Lombardia siamo ultracementificati. Mentre nelle periferie costruiscono palazzine, quartieri residenziali, centri commerciali a perdita d'occhio e zone artigianali, in città e in provincia ci sono vaste aree industriali e residenziali, e perfino rurali, completamente dismesse, di cui non si sa che fare e che si trasformano in aree di degrado o comunque restano sottratte al godimento, pubblico o privato.
Non farà piacere a tutti ricordarlo, ma della qualità del territorio ne beneficiano tutti. Quindi sì a una regolamentazione che limiti il consumo di suolo, laddove esistono zone da recuperare.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Morri ha scritto sul profilo di il Custode.
Buongiorno, mi sono appena iscritto ma il sito non mi da la possibilità di iniziare una nuova conversazione (questo è il messaggio che mi compare: Non hai i permessi per vedere questa pagina o compiere questa azione). Come posso fare?
Grazie
This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
Alto