1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gabrielegenoa

    gabrielegenoa Membro Junior

    Privato Cittadino
    ciao a tutti, scrivo nel "bar" perche' non so se l'argomento puo essere attinente in un campo piu appropriato.
    da quasi un anno abito nell mia nuova villetta, sono abbastanza contento di tutto ma in realta' il costruttore non mi vuole riconoscere in garanzia una serie di difetti, tipo acqua che non drena sull asfalto creando pozze, intonaco esterno e soprattutto interno con crepe, impianto di riscaldamento non perfettamente funzionante e parecchie altre cose.
    aggiungo, che la societa' che ha costruito, pare non esistere piu, o meglio ancora di recente mi hanno spedito A/R con alcuni documenti, ma la loro sede non esiste piu. per far sentire la mia voce, per farmi sistemare i difetti, secondo voi a chi mi devo rivolgere, considerando che i due ex soci oramai sono ognuno per la sua strada? alla vecchia rag soc col rischio che non ritirino la raccomandata od ai singoli ex titolari?
    a parole uno dei due mi ha gia detto di arrangiarmi, che i "difettucci" non sono coperti dalla decennale postuma quindi di lasciarlo in pace. l'altro si e' a parole mostrato piu disponibile ma poi quando lo cerchi non c'e mai... cosa consigliate
     
  2. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Di arrangiarti.:triste: :disappunto:
    I "difettucci" non sono veramente coperti dalla decennale postuma, copre solo danni disastrosi che compromettono la agibilita' e l'integrita' della casa. Intonaci brutti con cavillature, asfalto ondulato e impianti non a regola d'arte (ma comunque certificati) rientrano forse nella normale garanzia di 2 anni art. 1490, ma non nella assicurazione.
    Bisognerebbe prima della consegna fare un "verbale di collaudo" nel quale vengono segnalati tutti i difetti (dalla scheggiatura di una porta alla cavillatura di un muro, una guaina messa male, infiltrrazioni, piastrelle storte...) e rifiutarsi di andare al rogito fino a che non sono stati risolti. Anche se la data sta per scadere il notaio capira' benissimo e non ti rendera' "inadempiente" in quanto l'immobile, come da verbale da dargli in copia, e' difettoso. Una procedura "giusta" (anche se potrebbe indisporre il costruttore, ma vuole vendere o no qualcosa di fatto bene?!?!?) prevede la visita con costruttore e direttore lavori, acquirente e suo tecnico di parte. Si stila il documento e si verbalizzano difetti oppure se e' tutto OK. Le copie vengono date al costruttore e all'acquirente che in sede di rogito faranno valere il fatto che ci sono riparazioni da fare prima dell'attto oppure che il cliente ha accettato lo stato di fatto.
     
    A cafelab piace questo elemento.
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Molti difetti vengono fuori dopo con l'uso degli impianti oppure dopo l'asciugatura dei muri. Io consiglio comunque di mandare una raccomandata dove denunci i difetti riscontrati e gli dai un termine per intervenire dopo di che senti cosa ti rispondono e agisci di conseguenza. Chiamarlo telefonicamente non risolvi nulla e sopratutto non ti tuteli.
     
  4. gabrielegenoa

    gabrielegenoa Membro Junior

    Privato Cittadino
    effettivamente una parte dei difetti sono emersi solo dopo un pochino di tempo. altri erano gia' presenti alla consegna della casa (a rogito gia' avvenuto da tempo, visto che ho acquistato al grezzo e poi firmato con lo stesso costruttore un appalto per finire i lavori) in ogni caso sulverbale di consegna qualche difetto e' indicato altri no.
    il priblema della raccomandata e', a chi inviarla. la societa' non esiste piu' ma ho l'indirizzo di casa di uno dei due ex soci e quello della nuova attivita' dell'altro.
    a chi devo scrivere? a loro come persone fisiche?
     
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Inizia a mandarla all'indirizzo che hai e vedi cosa ti risponde.
     
  6. Wile

    Wile Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mandala ad entrambi i soci. I'indirizzo dell'altro lo si puo' trovare andando alla CCIAA e facendo una visura camerale della vecchia societa'. Della quale (penso) rimangono comunque responsabili anche dopo lo scioglimento (sarebbe troppo comodo, si aggirerebbero tutti i contenziosi). E' pratica comune per ogni intervento immobiliare di un certo tipo creare una immobiliare ad hoc che sara' sciolta una volta venduto tutto. Rimangono legalmente responsabili i costruttori e i soci della ex societa' (su questo sarebbe utile l'intervento di un esperto in diritto societario).
    Mi sa che comunque la decennale copra solo la casa al grezzo. Di tutti gli altri difetti il contratto d'appalto.
    Ma scusa, sul verbale di consegna erano segnati gia' dei difetti... e non hai trattenuto parte dell'importo delle fatture??
    E il "pochino di tempo" cos'e'? giorni? settimane? mesi? anni? Bisogna essere precisi per poter dare info precise.
     
  7. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Mi si sembra il momento che visto il comportamento di quasi tutta la totalità dei costruttori sia arrivata l'ora di cambiare questa garanzia postuma o assicurativa in qualcosa di più serio, che sia in grado di tutelare seriamente chi investe spesso, i sudori di una vita
     
  8. gabrielegenoa

    gabrielegenoa Membro Junior

    Privato Cittadino
    il gatto e la volpe (i due costruttori) pare che vengano giovedì o venerdì per valutare i danni da me evidenziati, intuisco con lintenzione di risolvermi il problema della caldaia, ma suppongo a darmi il due di picche per la crepa nell'intonaco, pozza sull'asfalto etc etc... inoltre, sostengono che la garanzia (non la decennale, quella normale) è di un anno !!!!!!! (non due). siamo sicuri che sia così ? in ogni caso io sono ancora nel primo anno, per cui se non mi risolveranno almeno l'indispensabile, farò A/R per bloccare i termini.

    il verbale di consegna, è stato stilato circa a metà luglio.
    alcuni dei difetti su esso evidenziati non sono ancora stati risolti (e spesso la colpa è del cattivo tempo, come se non avesse mai smesso di piovere da luglio ad oggi....) altri sono emersi dopo ed evidenziati con varie mail

    ciao grazie a tutti
     
  9. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Insisti e persisti alla fine cederanno. Ma ricorda di metterli in mora per raccomandata
     
  10. gabrielegenoa

    gabrielegenoa Membro Junior

    Privato Cittadino
    ok lo farò, un pò rompip... lo sono di natura, figurati se si tratta di far valere dei miei diritti !!!
    p.s.: per la messa in mora, qual'è il termine che devo considerare come data di inizio garanzia (di 1 o 2 anni che sia) ?
    la data di firma del verbale di consegna? la data di rilascio dell'agibilità o cosa?
    grazie ancora
     
  11. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    cita quella a te più confacente al limite se contestata avrà valore l'altra.
    La legge – articolo 1669 del Codice Civile – tutela, infatti, il proprietario dichiarando che:

    “Quando si tratta di edifici o di altre cose immobili destinate per la loro natura a lunga durata, se, nel corso di dieci anni dal compimento, l'opera, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, rovina in tutto o in parte, ovvero presenta evidente pericolo di rovina o gravi difetti, l'appaltatore è responsabile nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, purché sia fatta la denunzia entro un anno dalla scoperta.”
    Dieci sono gli anni di garanzia di un immobile. Se in questo periodo l’acquirente di una casa riscontra dei danni causati da problemi strutturali, potrà richiedere un rimborso all’impresa costruttrice responsabile.
    Se compaiono crepe, macchie di umidità, se l’edificio ha carenze di struttura o problemi di isolamento termico e acustico, ma anche difetti negli impianti (termico, elettrico, idrico) e nell’areazione, la causa va cercata nella costruzione dell’immobile e di conseguenza è possibile rivalersi sulla responsabilità del costruttore.
    Ma cosa bisogna fare quando si riscontra un guasto in casa?

    Il danno va denunciato entro un anno dalla scoperta del problema. La denuncia – inviata tramite raccomandata con ricevuta all’impresa - va accompagnata con del materiale che comprovi l’entità del danno (anche fotografico), per questo si deve contattare un perito per fare una corretta valutazione.
    Nel migliori dei casi è direttamente il costruttore a effettuare la riparazione, ma nel caso non fosse possibile bisogna conservare le eventuali ricevute di pagamento e la documentazione dei lavori effettuati per il ripristino.
    Nel peggiore dei casi, invece, l’azienda è fallita o ha chiuso, bisognerà quindi rivolgersi all’assicurazione, obbligatoria per legge in ogni contratto con il costruttore.
    Nei condomini è l’amministratore tenuto a presentare denuncia nei confronti dell’impresa, sia per quelli che riguardano le parti comuni sia per le singole unità. Se ciò non avviene anche i singoli condomini sono legittimati ad agire
     
  12. wiwaxia

    wiwaxia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Penso che una crepa di intonaco su di un muro e una pozza d'acqua causata da pioggia o innaffimanto di eventuale giardino non possano costituire, come dice la legge, post di topcasa, " evidente pericolo di rovina o gravi difetti" .
    Poi se lo avete inserito in qualche versable firmato e loro non hanno adempietuo etc...etc....
    Il tuo caso penso rientri nella classica garanzia post vendita (2anni). Quindi penso che tu abbia 2anni di tempo (fine lavori o fattura a saldo per fine lavori) per segnalare il vizio alla ditta che li ha eseguiti.
    Poi, se i costruttori sono persone per bene una mano possono dartela cmq a risovere il problema, ma la legge, imho, passati i due anni non li obbliga piu'.
     
  13. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il costruttore non si farà sentire prima dei due anni, magari rinviando guardando parlando vedendo, insomma cercherà in tutti i modi di tergiversare, tranne rari casi, di gente per bene , esiste anche questa rarissima specie anche se in via di estinzione, vuoi anche per tanti problemi causati dalla crisi, che alla fine si scarica sempre sull'anello debole.
     
  14. gabrielegenoa

    gabrielegenoa Membro Junior

    Privato Cittadino
    e' proprio cosi' che sta andando. il punto e' che se e' vero che la garanzia sui vizi e' di un anno devo ben ben affrettarmi a fargli una raccomandata, se e' di due ho un anno in piu'.... e loro sostengono che secondo il codice civile tal dei tali sia di uno.....
     
  15. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    I danni vanno notificati entro 60 gg. dalla scoperta sia alla ditta che al D.L. (coinvolgerlo è sempre bene).

    10 anni di garanzia per le parti strutturali, due per le altre.
    E.S. deve denunciare al venditore i vizi occulti entro 8 giorni dalla scoperta, a pena di decadenza, salvo che il contratto non disponga diversamente. La denuncia può essere fatta per iscritto o oralmente, anche se è sempre meglio la forma scritta (raccomandata con A.R.) ai fini della prova davanti al giudice. Attenzione: l’onere della prova di aver denunciato i vizi entro 8 giorni dalla scoperta è a suo carico.
    Effettuata la denuncia, ha poi tempo un anno dalla consegna per far valere la garanzia davanti ad un giudice: a tal riguardo può scegliere fra due azioni:
    la cd. azione redibitoria , con la quale chiede la risoluzione del contratto e il rimborso del prezzo ( Lei deve però a sua volta restituire la cosa, se non è perita a causa dei vizi); ù
    la cd. azione estimatoria , con la quale domanda la riduzione del prezzo oppure, se lo ha già pagato, la sua parziale restituzione oppure ancora, se non lo ha ancora versato, la liberazione dall’obbligo di versarlo.
    ATTENZIONE: La garanzia viene esclusa se conoscevi i vizi della cosa al momento della conclusione del contratto oppure quando i vizi erano facilmente riconoscibili.
    a ciò si aggiunge ;
    Cassazione Sentenza n. 9515 del 6 maggio 2005
    ma meglio parlare con un legale.
     
  16. wiwaxia

    wiwaxia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Basta che lo notifichi asap via racc. a.r. mettendoli in mora. E cmq carta canta, se poi avete un verbale meglio ancora. Valuta anche l'entita' del danno prima di metterci un avvocato. Anche li ci sono avvocati e avvocati. Quelli che ti consigliano di metterti il cuore in pace (meglio ripararsi il danno) e quelli che cmq vogliono andare in causa (e li i vincitori sono loro).
     
  17. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    vale per tutte le garanzie sia decennale che biennale?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina