1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il valore delle informazioni... proviamo a pensare il valore delle nostre che forniamo gratuitamente e che paghiamo profumatamente per essere pubblicate...

    Nasce il gigante dell'advertising immobiliare: Zillow compra Trulia per 3,5 miliardi di dollari...
    http://goo.gl/u89mQI
     
  2. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Noi non regaliamo nessuna informazione, le vendiamo. Quelle che tu dici non sono informazioni, sono anteprime... assaggi per poter poi vendere l'informazione completa.
     
  3. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    quindi il famoso assaggio, che ti da un ranking alto nel gusto del portale e' una anteprima? le 10/15 foto, tutte informazioni, la descrizione dettagliata, il filmato ( anche se brutto ;) e fai da te ), sono anteprime? o intendi info completa cosa?
     
  4. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    L'indirizzo ;)
     
  5. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    l'indirizzo basta metterlo;) in molti gia' lo fanno
     
  6. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se lo fanno avranno i loro buoni motivi, magari hanno l'esclusiva.
    Noi vendiamo un servizio, ma alla fine, scava scava, vendiamo notizie.
     
  7. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Guarda il gruppo di casait quanto spende per acquisire ulteriori informazioni
    Casa.it sposa iProperty.com per 74,3 milioni: cresce la febbre delle acquisizioni nell'advertising immobiliare

    http://goo.gl/TDN4CE[DOUBLEPOST=1407237220,1407237180][/DOUBLEPOST]
    toh..siamo diventati giornalisti:risata:
     
  8. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Almeno la metà delle parole che compongono questo titolo non le ho mai sentite nominare :D Non è roba che fa per me.
     
    A Antonio Troise piace questo elemento.
  9. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    vero
    pensa anche a quanto viene fornito gratuitamente dagli AI in tutti i social, questo forum compreso ;)


    :fico:

    :occhi_al_cielo:

    anche se vengono chiamati tutti portali ... questi due casi non sono paragonabili, stiamo parlando di due cose molto diverse


    il valore dipende dall'uso che ne fai

    per far stime le informazioni dei portali valgono ZERO
    per comprendere se e cosa viene viene posto in vendita ... valgono in funzione delle capacità dell'AI


    in Italia è possibile fare come questi portali e pure meglio
     
  10. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Gestire le informazioni significa averne il controllo di come vengono usate, diffuse, non impedendo agli altri di fare altrettanto, ma dimostrando continuamente di averne di più affidabili e in maggior quantità e freschezza e di saperle computare/utilizzare meglio.

    un agente che gestisce il proprio portafoglio clienti, incrociando attivamente domanda con offerta e facendo marketing mirato GESTISCE le proprie informazioni ed è uno degli aspetti che lo differenziano dal privato che invece passivamente gestisce i contatti che gli arrivano diretti.

    Un agente che conosce il mercato e che quindi sa anticipare i trend perchè vive la storia del mercato gestisce le informazioni derivanti dalla sua esperienza e le trasforma in mercato, un privato guarda i borsini dei portali e quindi lavora male già dall'impostazione del prezzo, al contrario magari descrive la propria casa con più amore e più cura di moltissimi agenti sui portali, quindi almeno in fatto di visibilità, ha gli stessi mezzi, grazie agli agenti immobiliari :D

    LA gestione delle informazioni inoltre va intesa come condivisa per essere efficiente lato cliente, perchè ad una efficienza lato agente non corrisponde necessariamente una efficienza (o percezione della stessa) lato clienti... e se vuoi essere riconosciuto come figura centrale del mercato conta solo la percezione che il mercato ha del tuo servizio.

    Mi spiego: il fatto che un agente riesca a campare facendo le sue venditine riducendo all'osso investimenti e altro, contando sul fatto che "poche spese permettono di campare bene con pochi guadagni e pochi rompimenti" fa molto bene all'agente ma poco bene al "sistema" agenzie, che rimangono viste come parassitarie come gente che "si mette in mezzo"...

    Se invece l'agente facesse parte di un sistema di agenzie (tipo realtor) allora il cliente avrebbe la percezione di rivolgersi a qualcuno che gli offre qualcosa che non potrà mai avere da solo, oltre a potersi scegliere l'agente a prescindere dalle case.

    Chi collabora sa che una percentuale superiore alla metà arriva dalla collaborazione, tutti soldi che non avresti visto, probabilmente, ma molti preferiscono rimanere nel passato "io faccio i fatti miei, il sistema non mi tocca"... speriamo gli duri (molti di questi avrebbero comunque difficoltà a collaborare con chicchessia, per come sono visti dai colleghi e quindi tifano e tirano indietro).

    Una notevole parte del nostro lavoro è gestione di informazioni, e noi l'abbiamo ceduta, almeno in apparenza (il che è pure peggio) ad altri.
     
    Ultima modifica: 6 Agosto 2014
    A Bagudi, francesca7, Tobia e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  11. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Dopo quanto letto... @Ponz ... mi chiedo..ma come puo' bastarti l'orticello ?;)

    Beh leggere il valore di stima del mercato di un Zillow o di un TRulia e' cosa ben diversa ,anzi diversissima, da quelli proposti da tutti i portali italici ... chiediamoci il perche' !!!
     
  12. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Devi entrare nella testa italica: il ragionamento è "meno fatica possibile, meno impegno possibile, i soldi che mi bastano".

    Lo vedono pure come ragionamento furbo, lungimirante.

    Aggiungici poi una difficoltà a confrontarsi con altri (molti fanno l'agente immobiliare PROPRIO perchè permette di esser "protagonisti" senza dover troppo rendere conto a nessuno e non morire di fame) vuoi per carattere nel migliore dei casi, vuoi per pupparuotismo nel peggiore, chiaro che è difficilissimo far evolvere la categoria in qualcosa di organizzato... quindi conviene concentrarsi su quelli che invece sentono questa esigenza di rendersi più efficiente e lasciando perdere i pupparuote vari che invece tireranno sempre indietro, in quanto non gli conviene che le cose cambino perchè si troverebbero in minoranza ed esclusi e non potrebbero più mettere video di cantautori nei forum di categoria dopo averti ciulato danè.

    Uno dei motivi per i quali le associazioni non riescono a fare qualcosa di buono è che campando di tessere tendono a rappresentare tutti, finendo per non rappresentare nessuno, non potendo esprimere progetti e imprimere alcuna direzione alla categoria.

    Ecco che le iniziative locali possono esser la risposta, l'ultima speranza.
     
    A dormiente, Ale. e Rosa1968 piace questo elemento.
  13. desmo

    desmo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Progetti di investimenti milionari fatti da manager brillanti vinceranno sempre contro l'associazionismo spicciolo di una categoria disomogenea che di più non ce n'è. Proprio perchè il controllo è centralizzato e mirato al profitto aziendale nel primo caso, di difficilissima gestione, manutenzione (e quindi maggiormente costosa) nonchè meno efficiente e antieconomica nel rapporto costo/beneficio la seconda. Al di là del fatto che chiunque, in qualsiasi momento, può creare/potenziare portali che offrono case senza balzelli, ma pochi potrebbero criticare provvigioni salate ma commisurate stavolta al servizio effettivamente ricevuto, che non fosse solo l'incrocio di informazioni (capacità peraltro di cui l'uomo normale è gia dotato di per sè). La gente non vuole più pubblicità o maggiore reperibilità di informazioni, ce l'ha già, vuole professionisti che curino un'operazione, dal marketing (che è solo il primo importante step) al rogito senza problemi (l'ultimo importante step). Poi certo, la percezione di quel che vuole la gente è soggettiva, e la mia è che voglia servizi commisurati al prezzo pagato, perchè quando si lamentano, lo fanno per il fatto di essersi fidati di agenzie che fanno firmare il modulino quando poi i problemi sono gli stessi che avrebbero avuto con 5000 euro in più in tasca. Una provvigione cioè, non può fondarsi esclusivamente sul marketing dell'agenzia immobiliare, a qualsiasi livello e con qualsiasi strumento possa essere realizzato, primo perchè c'è concorrenza (mentre su tutti gli altri servizi da erogare non ne avremmo in sostanza, perchè al contrario diverrebbe, se non antieconomico, quindi a parità di prezzo, un bene da maggiore efficienza ed organicità rispetto a quello erogato da 3 professionisti) secondo perchè la valutazione costo/beneficio che fa il consumatore medio che riceve solo velocità e qualità dell'informazione di base, è fallimentare per la nostra economicità, rispetto a quanto possa ottenere già, in maniera assolutamente efficiente, senza alcun costo. E' una valutazione che il cliente fa ogni volta che compra una caramella, figuriamoci quando spende i risparmi di una vita. La nostra sopravvivenza al momento è legata al solo fatto che incastriamo, intrappoliamo il mercato con i nostri incarichi, ma ripeto, basterebbe chiedere allo stesso cliente se avesse potuto scegliere di non pagare la provvigione e fare tutto da solo, cosa avrebbe scelto. L'incrocio tra domanda ed offerta a livello rete è solo un aspetto migliorativo di quanto si faccia oggi individualmente con le collaborazioni tra agenzie, ma non è efficace quanto il portale privato, e non è la risposta alla esigenza del nostro cliente che piuttosto sembra rispondere benissimo allo scambio privato grazie ad un semplice (ma milionario perchè offre servizi gratuiti) portale di messa in comunicazione. Infatti, se cosi non fosse, grossi portali come immobiliareit, che investono milioni, non permetterebbero anche a privati di inserire i propri annunci. Se lo fanno, e i loro fatturati danno ragione, è perchè sono analiticamente consapevoli che la gente cerca un'agenzia per cercare una casa come fosse un negozio consapevole che non riceverà altro, quindi lo stesso negozio, se gratuito, è preferito. Cioè, il cliente percepisce l'agenzia come un negozio e non ne riconosce il valore aggiunto nel rapporto con il suo costo. Uno stesso bene ha variazioni di prezzo a seconda che si trovi in un mercato con maggiore o minore concorrenza. Quindi un ombrello nel Sahara costerà di più di quanto non costi in Amazzonia durante la stagione delle piogge. Se l'agenzia immobiliare è nata in un mercato di non concorrenza, quando cioè gli scambi tra privati erano mero efficienti a causa di scarsi mezzi di comunicazione, che non fosserò cioè resi inefficienti a causa del tempo e dei costi impiegati nelle ricerche, oggi le dinamiche sociali e comunicative sono profondamente diverse, e l'agenzia, vista da sempre come una vetrina commerciale, vive oggi in un mercato di fortissima concorrenza, fatta di portali globali che saranno sempre efficienti perchè centralizzati e con scopi di fatturato ben più raggiungibili di una rete di agenzie, che costano una sassata. E infatti le agenzie ne stanno soffrendo.

    Il consumatore medio è alla inconscia ricerca della scelta ottima, quella che soddisfa maggiormente il suo desiderio di bene dopo la valutazione di costo/beneficio. Continuiamo a ragionare da agenti immobiliari vetrinisti, invece che da clienti che di vetrine ne hanno a centinaia gratuitamente, e ne vedremo delle belle.
     
    Ultima modifica: 6 Agosto 2014
  14. Ale.

    Ale. Membro Senior

    Altro Professionista
  15. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
  16. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    approfondimento
     
    A andrea boschini piace questo elemento.
  17. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    invece noi permettiamo , anzi il mercato lo permette, di prendere per buoni " valori di mercato " dei portali dettati esclusivamente dalla media matematica nella tal zona degli immobili in vendita ( e magari lo sono da un anno e piu' ) , senza alcun senso logico ne' professionale.
    " LORO " sono di un altro pianeta , inutile crogiolarsi nel dolore:disappunto:
     
  18. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Anche questa è gestione delle info: il permettere ad altri di divenire fornitori di computazioni delle proprie informazioni, tra l'altro in modo cialtrone, è sintomo di una scarsissima visione d'insieme...
     
  19. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    il mercato non permette niente, anzi castiga senza pietà

    tutto questo è dovuto ad una scarsissima professionalità purtroppo diffusissima

    compresa questa situazione, cosa intendete fare?
    perchè non fare vuol dire subire, accettare ...
    eppure abbiamo TUTTE le possibilità per far bene!!!
    Perchè non si agisce?
     
  20. desmo

    desmo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    perchè fa comodo a molti, troppi.
     
    A Carlo Garbuio piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina