1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho dovuto cambiare, perché rotta, la caldaia a gas che mi fornisce acqua calda e riscaldamento.
    Ho fatto fare diversi preventivi ed il più vantaggioso mi è stato proposto dalla ditta che mi rifornisce il gas.
    Mi è stata proposta l'installazione di una caldaia a condensazione di ultima generazione che ho acquistato e fatto montare.
    Ora in assemblea condominiale è venuto fuori che l'Amministratore farà effettuare una video ispezione della canna fumaria comune per far verificare se esistono le condizioni tecniche affinchè tale operazione possa essere fatta dagli altri che usufruiscono della canna comune. E si paventa la possibilità di rimozione della stessa.
    Premetto che la palazzina dove abito ha soli tre piani e che, al momento dell'installazione della canna fumaria, i tecnici sopraggiunti sul luogo hanno constatato l'esistenza di due canne fumarie "comuni", la prima con 3 scarichi di caldaie dove non c'era più posto per far passare nessun tubo (quindi io non avrei potuto "usufruire" dello scarico dei fumi al tetto come prescritto dalla legge!!!), la seconda totalmente vuota che, comodamente, può ospitare un'altra canna.
    Devo preoccuparmi? E poi, se per il risparmio energetico la tecnologia progredisce, perché non ci sono leggi che fanno star zitti gli ottusi fermi nel passato?
    Come e cosa posso rispondere all'Amministratore?
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non devi rispondere tu, ma il tecnico che ti ha installato la caldaia, il quale avrebbe dovuto, prima di installarla, verificare che la canna fosse a norma.
    Domanda, prima la caldaia dove sfiatava?
     
  3. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
  4. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il tecnico, infatti, mi ha detto che "solo ora" sono a norma
     
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    quindi fai rispondere lui all'amministratore. E' lui l'installatore responsabile del lavoro che ha fatto, non tu.
     
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    quindi fuori in facciata. Bisogna capire se quella canna collettiva è a norma e se può ospitare (parlo di diametro) altre caldaie. Potresti pregiudicare l'utilizzo ad altri e se qualcuno si impunta (l'uso dei servizi comuni deve essere di diritto di tutti) dovrete renderla a norma per tutti.
     
  7. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ci sono due canne fumarie parallele, chiuse tra di loro, dove c'è posto - in ognuna - per due canne fumarie, considerando che nella colonna ci sono 4 inquilini direi che non ho pregiudicato nulla a nessuno.
    ho preso la cosa come una ripicca nei miei confronti, e ritengo sia frutto solo dell'ignoranza della gente e della poca professionalità dell'Amministratore che non conosce così bene come dice il condominio!
     
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    escine ribaltando tutto a chi ha installato la caldaia. Tu hai pagato affinché il lavoro risultasse a regola d'arte. Nei condomini spesso capitano queste cose, non prenderla come ripicca. C'è stato un condomino in un appartamento che avevo in vendita che ha installato caldaia nuova attaccandosi ad una vecchia canna fumaria e c'era il ritorno dei fumi negli altri appartamenti.
     
  9. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Io non provoco questo problema del ritorno di fumi! Le caldaie a condensazione di nuova generazione necessitano di una propria canna fumaria che arrivi oltre il colmo del tetto e questo è stato fatto: è stata inserita una canna fumaria con diametro 10 cm all'interno della canna fumaria di cemento predisposta per lo scarico dei fumi. considerando che le due canne fumarie sono di circa 20x40 direi che il problema proprio non sussiste!!!
     
  10. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non sono un esperto ma non credo che l'obbligo di scaricare a tetto i fumi di combustione delle caldaie sia legato al modello "a condensazione". Le vecchie canne fumarie in muratura non sono più a norma da anni e risultano pericolose. Per questo vengono "intubate" ma per farlo, ovvero per istallare una canna fumaria "esclusiva" all'interno della canna fumaria "condominiale" bisogna seguire una procedura che prevede una delibera del condominio. Perchè è vero che le canne fumarie preesistenti possono alloggiare quattro canne fumarie esclusive, rispondenti al numero degli alloggi, ma magari anche i costi per "intubarne" una differiscono da quelli necessari per "intubare" l'altra, con un ingiusto maggior onere per i condomini che non abbiano effettuato ancora la sostituzione...
     
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Io invece propendo per l'ignoranza (= non conoscenza delle norme e dei problemi) dei condomini come te, e per la scarsa professionalità della ditta che ti ha installato la caldaia.

    Intanto l'installatore avrebbe dovuto rilasciarti due certificazioni di conformità: una relativa alla installazione della caldaia, l'altra relativa alla posa della tua canna fumaria. Ti risulta abbia dichiarato la conformità di entrambi, eventualmente in modo cumulativo?

    Ammettiamo pure che esistano due canne fumarie indipendenti e disponibili, di cui una apparentemente non utilizzata (già questo mi sembra strano).

    La norma vieta l'immissione collettiva di caldaie di diverso tipo nella medesima canna fumaria. Se le u.i. sono 4 e le colonne sono in grado di ospitare 2 canne indipendenti, potrebbero non sorgere problemi: ma era bene verificarlo prima dei lavori.

    Lo scarico in parete non è più ammesso per nuove installazioni in molte regioni, forse dappertutto: ma per l'esistente era ammesso per caldaie tipo B e C, e pure tuttora a norma (UNI7129), se rispettate alcune distanze. Sono i regolamenti d'igiene locali che erano o sono più restrittivi.

    Non sarebbe più ammesso invece per le caldaie a condensazione.

    Probabilmente tutto si appianerà dopo le verifiche se la situazione è quella che ti ha descritto il tuo installatore: ma avrebbe fatto meglio a consigliarti di procedere in sintonia con l'amministratore, che è responsabile della sicurezza degli impianti comuni (in questo caso le canne fumarie).
     
  12. cris&mari

    cris&mari Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ho tutti i certificati di conformità e la ditta installatrice ha anche girato un filmato per avere testimonianza diretta che tutto è stato fatto "a perfetta regola d'arte".
    se il mondo va avanti e la tecnologia progredisce, di pari passo dovrebbero andare avanti e progredire anche la teste delle persone!!!
    il mondo che costruiamo e manteniamo oggi sarà quelli che i nostri figli riceveranno domani!!! IO LA VEDO COSI?!!!
     
  13. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ma tu non devi fare altro che documentare che quanto è stato fatto non precludo l'uso agli altri perché è stato fatto a regola d'arte. Ti chiedono solo quello, è un loro diritto dato che è un servizio del condominio.
     
  14. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Bene. Se
    è tutto a regola, e non preclude le ulteriori necessità condominiali, non hai da far altro che seguire il consiglio di Rosa.
    Però una comunicazione preventiva all'amministratore forse ti avrebbe evitato malintesi a posteriori.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  15. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Scusate....chi ha detto che scaricare a parete non è più a norma?
    La legge dice che si puó ancora scaricare a parete quando:
    1) si scaricava gia da prima in parete
    2) non vi è la possibilità tecnica di usufruire di una canna fumaria in comune.
    3) rispetta distanze minime per i requisiti sanitari.

    In questo caso i tecnici sono venuti, hanno asseverato l'impossibilità di utilizzare la canna fumaria comune. (quella piu vicina...perche esistono anche distanze massime da rispettare), prima scaricavi a parere e ora continui a scaricare a parete. Punto. Se e solo se, sarà modificata la canna fumaria vicina (quella che non potevi usare) allora il condominio puó chiederti di allacciarti.
     
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Bene la prima parte: incerto sulla seconda.

    Sicuro che con caldaie a condensazione sia ammesso lo scarico a parete? (lo chiedo perchè mi sono fermato alla 7129-2008, non so cosa sia stato introdotto con queste caldaie). A parte il fatto che il ns si è già allacciato alla canna....
     
  17. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    È ammesso per qualsiasi caldaia se non vi è altra possibilità. Io stesso ho ristrutturatO un appartamento e scarico a parete come scaricano tutti e come scaricavano prima..se la canna fumaria non c'è che faresti? Niente acqua calda?...
     
  18. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Purtroppo in certe regioni ti obbligano a realizzare una canna fumaria esterna. Dipende dal regolamento d'igiene locale.

    Invece credevo che per le c. a condensazione fosse indispensabile la canna fumaria: se ti è stata comunque installata con scarico a parete deve essere tecnicamente lecito.
     
  19. Stefano86

    Stefano86 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    L'obbligo deve essere condominiale peró...e francamente la legge nazionale non impone niente per una serie di ovvie ragioni. Ad esempio se sei in una zona con un vincolo paesaggistico e non puoi mettere nemmeno un climatizzatore secondo te ti fanno demolire tutto quanto per mettere un tubo esterno?
     
  20. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Firenze avrà sicuramente tali problemi. In Piemonte e Lombardia gli scarichi sul tetto sono ormai obbligatori sul nuovo ed in caso di ristrutturazioni. Sull'esistente "forse" sono tollerate le sostituzioni. Ma dovrei verificare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina