1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Alle luce delle ultime normative (legge n.220 del 2012) e delle ultime pronunzie giurisprudenziali, un amministratore di condominio può svolgere anche la professione di agente immobiliare?
    Naturalmente vale anche il contrario.
    Cosa ne pensa la platea superesperta di Immobilio?

    Mi pare una questione di notevole importanza per il mondo immobiliare anche in questo tempo di distensioni vacanziere.
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Esistono da sempre...
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  3. Mario Chiavola

    Mario Chiavola Membro Junior

    Agente Immobiliare
  4. bit100

    bit100 Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    La risposta è compatibile, ma a condizione che l’attività di amministratore non sia assimilabile a un’attività imprenditoriale con obbligo d’iscrizione nel registro delle imprese. Ciò significa, in concreto, che il mediatore immobiliare non potrà avere, a supporto dell’attività di amministratore, linee telefoniche dedicate, attrezzature informatiche e personale. È questa l’ultima interpretazione che il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), con il protocollo 2447 del 12 gennaio 2015, ha dato di una questione a lungo dibattuta.



    Il Mise aveva già affermato in passato la compatibilità tra lo svolgimento dell’attività di mediatore immobiliare e quella di amministratore di condominio. Aveva infatti accolto, nel giugno del 2007, il ricorso di una società di mediazione che si occupava anche di amministrazione di condomini e che era stata cancellata dalla Camera di Commercio di Torino dal Ruolo di “Agenti di affari in mediazione” poiché era stata rilevata l’incompatibilità tra l’esercizio delle due attività. Punto centrale della questione era la natura giuridica dell’attività di amministratore condominiale: si trattava di stabilire se la stessa rientrasse tra quelle menzionante nell’articolo 5 comma 3 della legge 39 del 1989 così come modificata dalla legge 57/2001. La norma sancisce, infatti, l’incompatibilità dell’esercizio dell’attività di mediazione da un lato con l’attività di dipendente da persone, società o enti, privati e pubblici, eccetto le imprese di mediazione, dall’altro con l’esercizio di attività imprenditoriali e professionali, escluse quelle di mediazione comunque esercitate.



    Mentre la Camera di Commercio riteneva l’attività di amministratore un’attività professionale e imprenditoriale a tutti gli effetti, incompatibile, pertanto, secondo le disposizioni legislative, con quella di mediatore immobiliare, il Ministero dello Sviluppo Economico escludeva invece che l’attività di amministratore potesse configurarsi come professione giacché non esisteva un albo che ne definisse il regime giuridico. Non poteva, inoltre, neppure ritenersi un’attività imprenditoriale giacché l’obbligo d’iscrizione al registro delle imprese sussisteva solo per l’esercizio dell’attività di mediazione, senza riguardare lo svolgimento dell’attività di amministratore di condominio.



    Il protocollo del gennaio 2015 si discosta, invece, in buona parte dal precedente (Prot. n. 0154593) del 24 settembre 2013. In quell’occasione il Mise aveva sancito l’incompatibilità tra la professione di mediatore immobiliare e quella di amministratore di condominio, salvo che quest’ultima non fosse svolta «saltuariamente o a titolo di passatempo». In questo caso l’attività di amministratore, non potendo definirsi imprenditoriale, non era soggetta all’obbligo d’iscrizione al registro delle imprese. Era al contrario vietata ogni attività esercitata con «un’organizzazione anche minima di mezzi, al fine di trarne un utile, svolta con criteri di professionalità».

    Con l’intervento del 2015 il Ministero dello Sviluppo Economico ha raggiunto una sintesi delle due precedenti posizioni: il mediatore immobiliare può svolgere l’attività di amministratore condominiale, anche in maniera abituale, purché non si tratti di vera e propria attività d’impresa.



    Si ricorda che l’attività di amministratore di condominio si configura, ancora oggi, sostanzialmente come esercizio di un mandato con rappresentanza conferito da persone fisiche, i condomini, in nome e per conto delle quali agisce. Neppure la legge 220/2012, che ha riformato la materia condominiale, ha trasformato l’esercizio di quest’attività in una vera e propria professione regolamentata, giacché ancora non esiste un albo né uno specifico registro degli amministratori, nonostante gli stessi siano tenuti a seguire corsi di aggiornamento periodici.
     
    A Luca1978 piace questo elemento.
  5. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    L'attività di mediatore non rientra tra le attività "riservate" od "esclusive" ad una (o più) categorie professionale, così come altri tipi di prestazioni; credo sia per questo motivo che la Giurisprudenza abbia deciso in tal senso
     
  6. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Buonasera, dunque se ho capito bene in qualità di AI posso fare l'amministratore come ditta individuale e non come socio accomandatario o comunque legale rappresentante di una società :domanda:
    Inoltre da AI, quindi legale rappresentante di snc che svolgono attività di intermediazione e non svolgendo direttamente la professione AC, posso diventare socio accomandante di una società che svolge amministrazione condominiale senza che questo pregiudichi il mio ruolo di AI:domanda:

    Grazie anticipatamente delle risposte.
     
  7. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Certo però che i "tecnici" prestati all'analisi legale (addirittura dei presupposti che soggiaciono alle sentenze) sono un'assoluta novità... :)

    La prossima volta che dovrò valutare un aspetto giuridico legato alla mia professione interpellerò un geometra... chissà mai...
     
  8. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ma se gli agenti immobiliari sono sempre i primi a discutere circa le SCIA, agibilità e piani di sicurezza, per non parlare delle altre prestazioni professionali .... certo hai un bel coraggio :D
     
    A Mario Chiavola e CheCasa! piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina