1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno e grazie anticipatamente per qualsiasi aiuto possa ricevere. Cercherò la sintesi anche se è una questione che trascina da più di 20 anni. Nel '92 comprai un terreno con progetto approvato per un'edificio unifamiliare e nel '94 mi trasferii nella casa finita. Questo progetto, a dire del geometra che aveva la direzione dei lavori, poteva essere suscettibile di varianti che, in seguito mi avrebbero permesso di trasformare in abitabile una zona seminterrata. In realtà, all'epoca non ero particolarmente interessata alla cosa e nella convinzione che si potesse fare con una normale pratica edilizia, non sfruttai neppure il condono che in quegli anni era ancora attivo. Ma veniamo a tempi più recenti; un paio d'anni fa decido di procedere con la pratica anche per avere l'agibilità che non avevo mai richiesto. Mi rivolsi, per motivi personali, ad un altro professionista che riuscì nell'impresa di ottenere il cambio di destinazione d'uso solo grazie alla sanatoria per i sottotetti. Questo per dire che non era affatto scontato che in epoca antecedente la cosa si potesse fare. Ma proseguiamo. In fase di presentazione della documentazione necessaria ci accorgiamo che non era mai stato consegnato, agli uffici competenti, il calcolo del C.A ed i campioni per eseguire il test, documentazione necessaria per concludere l'iter e che avrebbe dovuto essere prodotta dal geometra che era direttore dei lavori. Credo di essere nei guai, anche seri e lo stesso architetto attualmente responsabile della pratica non sa che pesci prendere. Spero che qualcuno abbia da darmi qualche consiglio che....non sia quello di non chiedere l'agibilità! Grazie ancora e cordiali saluti
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Purtroppo e' un errore frequente di alcuni tecnici del passato.

    La circostanza, pone in essere diverse problematiche, dovute al fatto che nel mentre che la vostra pratica e' rimasta "pendente" per tutti questi anni, nel frattempo sono subentrate nuove normative come, tanto per citarne una, quelle antisismiche.

    Tuttavia, l'edificio e' censito e per questo effetto, non puo' essere dichiarato abusivo.

    Occorre incaricare un ingegnere, che in contrapposizione al geometra, provvedera' a rifare i calcoli statici, oppure a collaudare, quelli che sono stati fatti.

    Nell'iter burocratico, presenterete le pratiche, di tutte le altre opere che andrete a fare e di conseguenza, la richiesta del famigerato certificato di agibilita'.
    I cui controlli, per la concessione, sono eseguiti a campione.

    Trascorsi trenta giorni di silenzio (assenso) il certificato vi verra' concesso.

    D'altro canto e' impensabile, mettere in regola fabbricati concepiti vent'anni fa', osservando norme che si sono susseguite e che sono attualmente vigenti.

    Quando ancora non erano neppure state concepite.
     
    Ultima modifica: 5 Febbraio 2017
    A Bagudi piace questo elemento.
  3. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Descritto così le ipotesi sono moltepliche.
    All'epoca (1994) occorreva depositare i calcoli ai sensi sia della legge 64/74 e 1086/71, una copia della richiesta di nulla osta ai sensi delle due leggi veniva per conoscenza trasmessa al comune (questa è la prassi che all'epoca era particata nella mia zona).
    Se tale copia il comune non l'aveva ricevuta al momento della comunicazione di inizio lavori, lo stesso doveva bloccare per la mancanza di questo.
    Ti domando ma l'inizio lavori risulta nel fascicolo edilizio del comune?

    Il censimento dell'edificio non è elemento della sua regolarità urbanistica.
    Se non esiste inizio lavori e successivo fine lavori trasmessi rispettivamente entro i termini previsti, l'edificio interessato risulta abusivo per decadenza della concessione edilizia per trascorsi termini di inizio e fine lavori.
    (ricordiamoci che siamo nel 1994)
     
    Ultima modifica di un moderatore: 6 Febbraio 2017
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Si presume che il tuo collega, che si e' attivato successivamente, nella pratica di cambio destinazione d'uso, abbia reperito la documentazione al quale fai riferimento.

    Diversamente non avrebbe potuto procedere.
     
  5. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Purtroppo per arrivare a Monza e/o in qualsiasi altro punto del pianeta non esiste una sola strada
     
    A PyerSilvio piace questo elemento.
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Il mio collega ha usufruito di una sanatoria si presume che possa non esserci l'inizio lavori.
    Occorre essere tecnici e avere certe esperienze.
     
    A mata piace questo elemento.
  7. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho trovato nelle vostre righe degli spunti interessantissimi dei quali parlerò all'architetto che ora lavora per me. Un sincero ringraziamento per la sollecitudine e la competenza. Ho fatto bene a scrivere a questo forum che, se ce ne fosse bisogno, dimostra sempre di essere all'altezza dei problemi. Cordialissimamente, Dona.
     
    A ludovica83, Bagudi e PyerSilvio piace questo elemento.
  8. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Senza dubbio un problema tecnico.

    Non ci resta che auspicare che quel nuovo incaricato, abbia esperienze diverse, da quelle di chi a suo tempo, ci ha messo le mani, lavorando sopra alle pratiche di quel fabbricato.
     
    Ultima modifica: 5 Febbraio 2017
  9. ballando

    ballando Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Verifica la nuova possibilità dell'autocertificazione dell'agibilità introdotta dal dlgs 222/2016 ad opera di un professionista
     
  10. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per questa ulteriore indicazione che, spero, possa essermi utile. Esistendo una possibilità di questo tipo, immagino che il nuovo professionista incaricato, la prenderà in considerazione.
     
  11. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Se non è un professionista sprovveduto dubito che autodichiari l'agibilità senza avere riscontri nella documentazione depositata nei competenti uffici.
     
    A mata, brina82 e PyerSilvio piace questo elemento.
  12. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    O.K. a questo punto stiamo a vedere cosa succede tenendo conto di tutte le informazioni ricevute.

    Aggiungo che l'attuale professionista non è uno sprovveduto ed è persona molto preparata e prudente, ma conosce molto bene la qualità dell'edificio ed il costruttore che, tra l'altro, è mio fratello. Può interessare che non siamo in zona a rischio sismico.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 6 Febbraio 2017
  13. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Non intendevo dare del sprovveduto al tuo professionista, ma farti capire che non è cosi facile da tecnico autodichiarare un'agibilità senza avere riscontri cartacei e prove effettive sui materiali utilizzati.
     
  14. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Nessun equivoco, ma pensiamo positivo!
     
  15. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Credo basti effettuare una verifica negli uffici del genio civile, per reperire copia del progetto strutturale: ho i miei dubbi che sia stata realizzata una casa non abusiva senza alcun progetto strutturale... Vedrai che in un modo o nell'altro ne verrai fuori.
     
  16. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Purtroppo l'indagine sarebbe negativa, e qui sta il problema. La casa non è costruita abusivamente ed i tempi lunghi che mi portano fin ad oggi senza aver dato la fine lavori, sono legati al fatto che dopo l'inizio lavori son state presentate richieste di varianti(senza cambiamenti strutturali sulle quali non mi addentro) e nei tempi più recenti un richiesta di sanatoria e l'utilizzo della legge per i sottotetti. Tutta la documentazione prevista per concludere la pratica è perfettamente in ordine, compreso il pagamento di considerevoli oneri di urbanizzazione e sanzioni varie, per cui se non mancasse quel documento avrei bell'e finito di tribolare! A questo punto devo certificare, in qualche modo, che l'edificio è costruito a regola d'arte.
     
  17. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se non è stato redatta la pratica strutturale non capisco come l'impresa costruttrice abbia fatto a realizzare lo strutture, visto che il progetto esecutivo descrive le strutture per spessori, altezze, armature ecc..
     
  18. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non l'hanno presentato.
     
  19. dona60

    dona60 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Esatto, è stato fatto ma non presentato.
     
  20. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ma il tecnico che ha seguito i lavori a suo tempo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina