1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Violetta2011

    Violetta2011 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, 8 mesi fa ho preso in affitto un appartamento. Al momento della chiusura dell'accordo la proprietaria non mi presento' i documenti di revisione caldaia. Disse che pero' era stata revisionata in quell'anno. Ad oggi la caldaia non funziona. Chi deve saldare la revisione di quest'anno? Il primo anno non e' a carico della proprietaria e i successivi a mio carico? qualcuno mi può' aiutare?
    Alessia
     
  2. ROSFRUM

    ROSFRUM Membro Attivo

    Privato Cittadino
    L'inquilino di mia madre nello stesso caso per il primo anno ha fatto pagare mia madre...
     
  3. Violetta2011

    Violetta2011 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille, se invece fosse uno scaldabagno sotto i 35KW?
     
  4. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Come sempre non è facile fornire una risposta on-line senza esaminare in concreto il contratto (tipologia, eventuale adozione di tabelle oneri accessori, presenza di clausole contrattuali in deroga alle norme civilistiche ecc.).

    I costi della manutenzione della caldaia di riscaldamento e, più in generale, il riparto delle spese manutentive legate alle locazioni immobiliari, sono spesso al centro delle liti tra le parti. In merito al tuo quesito, in linea di massima, la manutenzione ordinaria della caldaia (in genere, annuale pulizia e biennale “prova dei fumi” comprese) è a carico del conduttore. Compete, però, al locatore l’obbligo di consegnare la caldaia di riscaldamento e di produzione di acqua calda funzionante e nelle condizioni a norma di legge, attestate da regolare certificazione. Il locatore deve, quindi, eseguire prima della consegna del bene, tutti i necessari accertamenti (corretto funzionamento della caldaia compreso).

    Ti consiglio, perciò, di inviare al locatore, unitamente alla prescrizione del tecnico che ha revisionato ovvero revisionerà la caldaia, la richiesta di intervenire per sistemarla al più presto, ma anche per chiarire (sebbene la denuncia del vizio sarebbe dovuta avvenire da subito e non a distanza di mesi) lo stato delle apparecchiature esistenti all’interno dei locali locati, almeno per evitare eventuali future contestazioni, in quanto, in difetto di specifica descrizione dell’immobile ovvero di verbale di consegna dell’appartamento al momento in cui ti è stato consegnato, si presume che tu l’abbia ricevuto in buono stato manutentivo.

    Nelle stesse condizioni il locatore è tenuto a mantenere l’impianto nel corso del tempo, svolgendo quegli interventi che si rendessero necessari, non riconducibili alla manutenzione ordinaria che rimangono a carico del conduttore (art. 1576 “Mantenimento della cosa in buono stato locativo” cod. civ., co. 1, e art. 1609 “Piccole riparazioni a carico dell’inquilino”), con l’avvertenza che lo stesso articolo 1576, al successivo co. 2, dice una cosa molto importante.

    La suindicata norma codicistica precisa, infatti, che “Se si tratta di cose mobili, le spese di conservazione e di ordinaria manutenzione sono, salvo patto contrario, a carico del conduttore”, e la caldaia di riscaldamento ovvero lo scaldabagno sono beni mobili, che possono essere spostati e rimossi, a differenza di altre parti che hanno funzione statica, quali soffitti, pavimenti, pareti nonché gli impianti sottotraccia interni al fabbricato stesso, che sono strutture fisse, inamovibili, in quanto parti integranti dell’unità immobiliare (la cui manutenzione, da imputarsi a caso fortuito o vetustà – come chiarito dalla giurisprudenza di legittimità – spetta al locatore, mancando un contatto diretto del conduttore con detti impianti) e, quindi, a giudizio di chi scrive, le successive spese manutentive e di conservazione della caldaia (nonché quelle riconducibili a manomissione e cattivo uso) - salvo la sostituzione degli apparecchi sopra menzionati (non equiparabile al concetto di manutenzione) a carico del locatore - sono di competenza del conduttore (salvo convenzioni contrarie nelle locazioni c.d. “libere”).
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questa volta non condivido il suggerimento: il conduttore ha stipulato il contratto 8 mesi fa, diciamo entro settembre, ha quindi trascorso l'intero inverno al freddo? Ne dubito molto.

    La revisione annuale resta quindi a carico del conduttore, che all'apparenza sembra cercare pretesti.

    Convengo invece sulla eventualità che il guasto possa esulare dalla ordinaria manutenzione: in questo caso il locatore dovrà provvedere.
    Ovviamente ci sono poi i casi intermedi: dopo anni di conduzione col medesimo inquilino, può capitare la necessità di sostituzione di qualche particolare, con costi di revisioni leggermente superiori alla semplice pulizia.. Con inquilini "normali" in questi casi abbiamo spesso convenuto di ripartire il costo. Diverso invece se l'inquilino è appena entrato.
     
  6. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Qualche anno fa avrei dubitato anch’io, oggi non più. Mi sono dovuta ricredere, quando alcuni inquilini mi hanno confidato candidamente che, per risparmiare, loro d’inverno non accendevano il riscaldamento e che mettevano il selettore su modalità ESTATE. :shock: :confuso: Venendo al topic, a me è parso di capire che la caldaia non avesse mai funzionato. Se la caldaia (l’accenno allo scaldabagno parrebbe fare ritenere che Violetta disponga di una caldaia di riscaldamento e di un boiler elettrico o a gas per la produzione di acqua calda per bagno e cucina) è stata, invece, consegnata perfettamente funzionante ed oggi non funziona più, convengo, con te, che la manutenzione ordinaria spetti al conduttore.
     
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Siamo nel campo delle ipotesi: ma dall'accenno allo scaldabagno, io avevo addirittura sospettato che non di caldaia si stesse parlando ma solo di boiler: qui potrebbe essere plausibile aver sopportato l'intero inverno sopperendo in altro modo.

    Non ho indagato da quale regione la domanda provenisse: certo che se proviene dalla Riviera di Ponente o dalla Sicilia, le considerazioni cambiano. In passato molte case erano addirittura sprovviste di riscaldamento.

    Non mi è chiaro invece cosa si intenda per: "mettere il selettore in modalità estate": se si intende l'uso di una eventuale pompa di calore-condizionatore, direi che sarebeb una alternativa al riscaldamento.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina