1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Manuela63

    Manuela63 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    sono nuovissima del forum e vi chiedo un chiarimento che non sono riuscita a darmi leggendo le domande e risposte di altri prima di me.
    Sto per firmare la proposta di acquisto di un immobile, la cui dichiarazione catastale è stata effettuata al Comune di Verona l'8/11/1952. Tale planimetria non corrisponde all'appartamento che io ho visionato. Non è stata aumentata la volumetria e non sono stati toccati i muri portanti, ma il locale adibito a bagno è stato rimpicciolito e la cucina è stata spostata.
    Alla mia obiezione riguardo all'incongruenza tra la realtà e la pianta che l'agenzia mi ha consegnato, l'agente mi ha detto che visto che devo fare i lavori di ristrutturazione e devo presentare la DIA non serve altro.
    E' vero che non incorro in sanzioni se all'atto della DIA presento una planimetria che non corrisponde a quella reale?
    Sul sito dell'ufficio tecnico del Comune di VRho visto che chiedono a corredo della documentazione per la DIA anche delle foto, è chiaro che da quelle vedono che ci sono state variazioni.
    Spetta al venditore sanare queste modifiche interne o a me?
    Grazie a tutti per l'aiuto
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Credo che ogni Comune si regoli come crede (del resto siamo in Italia). A Roma non chiedono documentazione fotografica per la DIA, e se uno dichiara che lo stato della casa è conforme alla planimetria depositata (nel tuo caso quella del 1952), nessuno gli fa problemi (almeno finora :? )!

    ;)
     
  3. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se non c'è conformità fra lo stato di fatto e il catasto, come fa il geometra a fare il referto tecnico al proprietario?
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se la difformità è a livello urbanistico (modifiche interne realizzate posteriormente al 1967 e non autorizzate) il proprietario deve fare una DIA (lo so che non è il termine esatto ma ora non mi viene) a sanatoria e poi la nuova planimetria catastale.
    Se la difformità è solo a livello catastale allora basta un DOCFA per errata rappresentazione grafica e sistema tutto.
    Tu hai diritto ad acquistare una casa conforme, specialmente nel caso in cui tu debba fare subito dei lavori di ristrutturazione dato che chi è il tecnico che dichiara conforme un immobile quando non lo è?
     
  5. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Se un comune chiede di allegare fotografie alla DIA, e ce ne sono tanti, è consigliabile che il venditore
    chieda una sanatoria. Non è una spesa eccessiva e l'acquirente evita futuri problemi.
    D'altra parte è giusto che chi acquista non debba accollarsi sanzioni per inadempienze di altri.
     
  6. Manuela63

    Manuela63 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Intanto ringrazio tutti per la velocità e la disponibilità.
    Tuttavia, non ho ancora le idee chiarissime; prima di firmare all'agenzia la proposta di acquisto, devo avere uno scritto che attesti lo stato attuale dell'immobile e quindi una regolare denuncia di variazione delle strutture interne o è irrilevante, visto che comunque io dovrò effettuare una totale ristrutturazione (impianti elettrico, idraulico, riscaldamento, pavimenti e infissi e spostare il contatore del gas)...
    Scusate, ma mi sento sempre più confusa e non vorrei trovarmi ad aver ipotizzato una spesa che poi sarà triplicata per multe, imprevisti o leggerezza da parte mia....
    Pensavo fosse molto più facile!!!
     
  7. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    allora, la sanatoria (o anche la dia normale )va fatta attualmente dal venditore, che regolarizza così lo stato di fatto dando alll'acquirente una situazione puntuale sia a livello urbanistico che catastale.

    cmq la multa dipende anche da dove risiedi, ma di solito è 516 euro (1000 nel lazio).

    saluti
     
  8. MauroSambucini

    MauroSambucini Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Tuttavia, non ho ancora le idee chiarissime; prima di firmare all'agenzia la proposta di acquisto, devo avere uno scritto che attesti lo stato attuale dell'immobile e quindi una regolare denuncia di variazione delle strutture interne o è irrilevante,
    La cosa migliore è firmare una proposta in cuivincoli il venditore a regolarizzare il tutto prima del compromesso
     
  9. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    quoto mauro sambucini.

    saluti
     
  10. Manuela63

    Manuela63 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ancora grazie,
    adesso ho capito come posso firmare una proposta e tutelarmi allo stesso tempo.
    Saluti a tutti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina