• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pasdema

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#1
Buongiorno desidererei porre un quesito. Sono parte venditrice e ho sottoscritto una "proposta di acquisto immobiliare" con parte acquirente che, nella circostanza, ha depositato in agenzia un assegno di 3000 euro diventando così caparra confirmatoria (art. 1385 c.c.).
Con la sottoscrizione delle parti la predetta proposta è divenuta "Contratto preliminare". Inoltre è stata inserita la seguente clausola: "La presente proposta d'acquisto sarà valida ed efficace solo se il sig. XXXX otterrà il mutuo ipotecario di cui al punto 2. g)" ossia "di euro XXXX con l'intervento di un istituto mutuatante scelto dal proponente anche previa garanzia ipotecaria concessa dalla parte venditrice oggetto del contratto.".

Domanda 1: In caso di mancanza delle condizioni per erogare il mutuo, l'istituto emette una dichiarazione che lo attesti e che consenta di risolvere il contratto?

Domanda 2: Cosa accade se l'istituto dovesse ritenere l'acquirente idoneo per l'erogazione del mutuo, ma lo stesso non lo sottoscrive per motivazioni proprie (ad esempio tasso d'interesse non ritenuto conveniente o durata del mutuo non ritenuta confacente)? L'istituto attesta la mancanza dei requisiti o che l'acquirente non l'ha sottoscritto per sua volontà? E in tale circostanza la parte acquirente ha diritto alla restituzione della caparra confirmatoria?

Ritengo che una questione sia la mancanza dei requisiti per ottenere il mutuo, altra questione sia la mancata erogazione per la non volontà dell'acquirente di accettare tasso e/o durata ovvero per altre situazioni non imputabili all'istituto erogante.

Grazie e buona giornata.
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#2
1) normalmente la banca non rilascia nessuna dichiarazione che attesti il diniego del mutuo.
2) È uno dei rischi delle condizioni sospensive; non potendo dimostrare per quale motivo alla fine il mutuo non si fa, il contratto resta inefficace per il solo fatto che entro la data prevista la condizione “ottenimento mutuo” non si avvera.
Non è un comportamento corretto, ma l'acquirente riavrà indietro la somma depositata (che non è caparra, in quanto non consegnata al venditore).

Ritengo che una questione sia la mancanza dei requisiti per ottenere il mutuo, altra questione sia la mancata erogazione per la non volontà dell'acquirente di accettare tasso e/o durata ovvero per altre situazioni non imputabili all'istituto erogante.
Hai perfettamente ragione, ma se si accetta la condizione sospensiva, il rischio che non si avveri per qualsiasi motivo ( non potendo controllare cosa fa l’acquirente) è fisiologico.
 

pasdema

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#3
1) normalmente la banca non rilascia nessuna dichiarazione che attesti il diniego del mutuo.
2) È uno dei rischi delle condizioni sospensive; non potendo dimostrare per quale motivo alla fine il mutuo non si fa, il contratto resta inefficace per il solo fatto che entro la data prevista la condizione “ottenimento mutuo” non si avvera.
Non è un comportamento corretto, ma l'acquirente riavrà indietro la somma depositata (che non è caparra, in quanto non consegnata al venditore).


Hai perfettamente ragione, ma se si accetta la condizione sospensiva, il rischio che non si avveri per qualsiasi motivo ( non potendo controllare cosa fa l’acquirente) è fisiologico.
Sicuramente, ma converrai che siccome è in ballo un assegno depositato a titolo di caparra confirmatoria (perché tale è come previsto nella proposta di acquisto sottoscritta dalle parti), anche al fine di evitare futuri contenziosi legali, ho necessità di capire come funzionano queste cose. Comunque grazie per il contributo.
 

anna.vis

Membro Junior
Privato Cittadino
#6
Confermo quanto sopra avendolo vissuto sulla mia pelle. Non solo, anche se la proposta d'acquisto diviene poi compromesso, con un ulteriore versamento e la banca non eroga il mutuo, o se l'acquirente cambia idea, si è costretti a restituire quanto avuto. La clausola sospensiva è un cappio al collo fino al momento del rogito.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto