• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mariobiagio

Nuovo Iscritto
Professionista
#1
Avrei da proporvi un quesito da molti di voi sicuramente già risolto. Devo redigere una perizia di stima per un immobile ad uso commerciale, bar-ristorante, per una esecuzione immobiliare. Penso di non sbagliare se eseguo la stima immobiliare, applicata sul valore del solo immobile, e non aziendale in quanto non è un fallimento ma una esecuzione sull'immobile che è utilizzato com bar- ristorante, applicando le normali procedure sintetico-comparative o altro. Sarei grato se qualcuno potesse dirmi, in base alle loro esperienze, se la procedura è corretta.
 

angy2015

Membro Attivo
Professionista
#3
se l'attività è attualmente in vita direi che andrebbe tenuta in conto la redditività dell'immobile, perlomeno nel caso non siano riferibili alla stessa proprietà
 

CheCasa!

Membro Supporter
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
#5
Secondo me... dipende...
Se nella zona, nella medesima via o quartiere, sono rilevabili, in un intervallo ragionevole, altri trasferimenti immobiliari di unità commerciali, probabilmente l'elemento più affidabile sarebbe la stima sintetico-comparativa.

In assenza di "comparabili", che per il non residenziale può essere un caso plausibile, la stima per capitalizzazione dei redditi (che si lega ovviamente alla redditività dell'immobile) può rappresentare un'alternativa non priva dei rilevanza...

Ovviamente il parametro di riferimento non potrà essere il canone proprio di quel locale commerciale ma un valore medio dei canoni applicati in quel "distretto" commerciale...
 

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
#6
Avrei da proporvi un quesito da molti di voi sicuramente già risolto. Devo redigere una perizia di stima per un immobile ad uso commerciale, bar-ristorante, per una esecuzione immobiliare. Penso di non sbagliare se eseguo la stima immobiliare, applicata sul valore del solo immobile, e non aziendale in quanto non è un fallimento ma una esecuzione sull'immobile che è utilizzato com bar- ristorante, applicando le normali procedure sintetico-comparative o altro. Sarei grato se qualcuno potesse dirmi, in base alle loro esperienze, se la procedura è corretta.
Anche secondo me la stima la devi fare considerando il valore dell'immobile di per se, senza considerare a quanto attualmente è locato... Se il conduttore, il prossimo anno se ne va, facendo disdetta, il nuovo canone potrebbe essere di molto superiore o inferiore. In una perizia giurata, quindi non ritengo possa avere un valore aggiuntivo o diminutivo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Flavia Frittella ha scritto sul profilo di francesca63.
le aggiungo un Grazie qui perchè nel precedente messaggio avevo finito i caratteri!
Flavia Frittella ha scritto sul profilo di francesca63.
Buongiorno Francesca, cercando informazioni per ottenere il patentino da Agente Immobiliare sono capitata su questo forum e tra le varie discussioni mi è captato un suo messaggio di risposta che ho trovato veramente valido.
Ho 28 anni e vorrei intraprendere questa carriera per dare una sicurezza in più all'attività che ho iniziato a svolgere da poco: l'Home Staging. Sa darmi informazioni sull'iter da intraprendere?
Alto