1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Vincivittoria

    Vincivittoria Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Per fare il rogito in veneto e' obbligatorio presentare un atto fatto da un perito che stabilisca che la casa e' conforme con la planimetria e con tutte le leggi vigenti oppure basta solo l'ok delle parti ? In molte discussioni si parla del fatto che il notaio non puo fare l'atto se la planimetria catastale non e'conforme con la realtà. Ma come fa ad accorgerei di una piccola differenza se lui stesso o un tecnico da lui nominato non verifica l'appartamento? Grazi mille
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Lui non verifica e non manda nessun tecnico.
    Siete voi a dichiarare che l'immobile è conforme
     
  3. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Se non erro sono da considerare anche le planimetrie depositate al comune ed alla soprintendenza ai beni ambientali ed architettonici.
     
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il notaio chiede che ci si conformità fra catasto e stato di fatto.
    A meno che ci sia una conformità urbanistica, ma è obbligatoria solo in poche parti d'Italia
     
  5. stefaniave

    stefaniave Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Confermo. Sono le parti che dichiarano in atto notarile che le planimetrie catastali sono conformi allo stato di fatto dell'immobile.
     
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Il notaio prenderà per buona la dichiarazione di venditore e acquirente che le planimetrie depositate al catasto sono conformi allo stato di fatto dell'immobile.
    C'è da dire che la mendace dichiarazione di cui sopra può comportare la nullità dell'atto.
     
  7. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Credo che i documenti presenti in comune siano essenziali e certamente più importanti di quelli del catasto (ordinario o tavolare che sia). Parlo dell'Italia.
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In realtà - ed è qui la sottigliezza micidiale di questa legge assurda per come è fatta - la 78/2010 parla di conformità catastale, il che significa che se la planimetria catastale è conforme allo stato di fatto, tu potresti dichiarare tranquillamente che la casa è conforme, nè il notaio ti chiede altre verifiche...
     
    A gcaval piace questo elemento.
  9. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Io non rischierei, comunque... proprio perché è una sottigliezza. D'altronde il catasto è un ente che si limita a prendere atto di una situazione, è un organo passivo. Inoltre quello ordinario, a differenza di quello tavolare, austro-ungarico, è anche non probatorio.
     
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' verissimo, ma la legge parla di conformità fra catasto e stato di fatto.
    Neanche Bersani avrebbe potuto fare una legge così mal fatta
     
    A gcaval piace questo elemento.
  11. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Mi stai dicendo tra le righe che non c'è speranza? Ammainiamo la bendiera, ritiriamo l'inno e, non avendo soldi a sufficienza, emigriamo nella vicina (interclusa) Repubblica di San Marino?
     
  12. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    quasi quasi... :occhi_al_cielo: :sorrisone::sorrisone::sorrisone:
     
  13. Giancarlo83

    Giancarlo83 Membro Junior

    Privato Cittadino
    e se non c'è una conformità tra catasto e stato di fatto? il venditore deve chiamare un tecnico per effettuare tt le dovute analisi?
     
  14. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    si, ma se io fossi l'acquirente starei in campana.
    Se ci nsono tali difformità potrebbe esserci qualcosa di difforme anche nelle licenze comunali e allora la cosa si complica
     
  15. Giancarlo83

    Giancarlo83 Membro Junior

    Privato Cittadino
    quando parliamo di catasto parliamo di visura catastale e di planimetria catastale giusto? Non ci sono altri documenti?
    Pubblico un esempio di planimetria catastale,senza nessun dato sensibile visto che è a titolo esemplificativo, è ipotizziamo che vi siano delle incongruenze, segnate in rosso. In questa analisi le incongruenze sono in positivo, ovvero ci sono parti in più (strano eh?), per esempio balconi in più che nella realtà non esistono o un muro portante spostato di 1 metro. Com'è possibile tale errore?
     
  16. Giancarlo83

    Giancarlo83 Membro Junior

    Privato Cittadino
  17. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    I balconi in più o in meno, essendo anche qualcosa che riguarda la facciata, sono assolutamente da verificare, e non solo al catasto. Se fossero crollati? E perché?

    Il muro che hai segnato, così ad occhio, mi sembra portante. Se manca potrebbe essere a rischio la staticità dell'intero edificio. Tra tutti gli abusi, direi che questo, se così fosse, è il peggiore!
    Anni fa a Foggia è crollata un'intera palazzina perché qualcuno "innocentemente" aveva "segato" un pilastro (stando alla tua logica, qualcosa in meno piuttosto che qualcosa in più) per parcheggiare meglio l'auto. Oltre 60 morti.

    Poi forse non è portante, ma io la verifica la farei a prescindere, come proprietario...
     
  18. Giancarlo83

    Giancarlo83 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io sono un potenziale acquirente di questo immobile.
    Il prezzo è decisamente interessante, ma ci sono diversi motivi:

    1) manca la sentenza di usucapione da parte del giudice (ebbene si, stanno vendendo senza un titolo di proprietà originario) ma in tal caso subordinerei la proposta, tramite clausola sospensiva, alla relativa sentenza, anche se non dovrebbero esserci problemi visto che sono possessori già da 30 e più anni.

    2) La facciata è stata completamente rifatta, e pure tutte le aree condominiali, quali scala, ma tramite controllo catastale mi risulta sta grave mancanza. Ho supposto che l'ingegnere abbia ricalcato la piantina originaria dell'immobile senza effettuare una visita in loco, ma sarebbe un atto veramente da incompetenti.

    La trattativa non è facile, il prezzo dovrebbe compensare la fatica.
    Lunedì effettuerò una visita con l'ingegnere di fiducia, con 40 anni di esperienza sulle spalle, per vedere attentamente l'immobile.

    Però ritornando alla domanda iniziale, secondo voi come dovrei muovermi (oltre alla visita con l'ingegnere) per capire il motivo che ha portato questi balconi ad emigrare ;)

    Se non erro la superficie di detti balconi va calcolata solo per il 30%, per il calcolo di quella totale, ma la rendita catastale dovrebbe diminuire leggermente, sbaglio?
     
  19. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Non è metro più metro meno che cambia la rendita catastale. L'indagine la deve fare un tecnico, quindi il tuo ingegnere ti saprà dire.

    Io continuo ad insistere, invece, sull'eventuale muro portante. magari hanno messo una putrella, ma dovrebbero esserci le relative autorizzazioni e concessioni in comune. Verificatele, è una questione di sicurezza, non di sconto sul prezzo dell'immobile, che in questi casi, è niente a confronto. Poi mi sbaglio e si tratta di un semplice tramezzo. Meglio così. Il tuo tecnico può appurare in loco tutto quello che serve. Nessuno meglio di lui, che è sul posto e potrà recarsi in comune per analizzare tutte le carte.
    In bocca al lupo.
     
  20. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Mi è capitato diverse volte di trovare qui a Bologna problemi di balconi esistenti quando non avrebbero dovuto o non esistenti quando avrebbero dovuto esserci in fabbricati vecchi e costruiti prima del 1967...

    Tutto dovuto al fatto che il progetto escutivo veniva modificato in corso d'opera, spesso senza autorizzazione o comunicazione finale...

    I tecnici l'hanno sempre risolta, ma parliamo di prima del 1 luglio 2010 con la Legge 78, quindi adesso non so com funzioni...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina