• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

DiegoE

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
Confermate che in caso di vendita di un immobile che genera plusvalenza successivamente non pagata ( il venditore decide di portarla in dichiarazione l'anno dopo), l'agenzia delle entrate potrebbe rivalersi sull'immobile e chiederla all'acquirente per effetto del privilegio fiscale ?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Anche io direi di no: quella sulle plusvalenze immobiliari è un’imposta su un reddito personale, non sull’immobile.
Nel dubbio, sapendo che una certa vendita è soggetta ad imposta sulle plusvalenze, si potrebbe pensare di inserire nel contratto preliminare (già in proposta, quindi), che il venditore si impegna a versare l’imposta a rogito.
Se non gli sta bene, non accetterà la proposta.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Confermate che in caso di vendita di un immobile che genera plusvalenza successivamente non pagata ( il venditore decide di portarla in dichiarazione l'anno dopo), l'agenzia delle entrate potrebbe rivalersi sull'immobile e chiederla all'acquirente per effetto del privilegio fiscale ?
Eh no, se è venditore si rivarrebbero su immobile regolarmente acquistato da un altro, in nessun caso, nelle normative italiane, esiste una situazione del genere. Un rogito non si revoca perchè una parte non paga le imposte, ma solo per ragioni serissime e ben descritte dalla Legge
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Un rogito non si revoca perchè una parte non paga le imposte,
Non c'è nessun rogito da revocare: nel caso delle imposte sulle plusvalenze è il venditore che può scegliere se pagarle a rogito al notaio (nella sua veste di sostituto d’imposta), o inserirle tra i redditi diversi nella dichiarazione dei redditi relativa a quell’anno di imposta.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Diciamo che i notai trattengono la somma
Confermate che in caso di vendita di un immobile che genera plusvalenza successivamente non pagata ( il venditore decide di portarla in dichiarazione l'anno dopo), l'agenzia delle entrate potrebbe rivalersi sull'immobile e chiederla all'acquirente per effetto del privilegio fiscale ?
nessun privilegio ma per principio di solidarietà, proprio per questo i notai, nel caso il venditore non aderisca in sede di atto di pagare direttamente l'imposta sostitutiva, trattiene le somme che verserà nel caso allo scadere del termine di un anno, non riinvesta e quindi sottoposto a plusvalenza.
 

DiegoE

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
Diciamo che i notai trattengono la somma

nessun privilegio ma per principio di solidarietà, proprio per questo i notai, nel caso il venditore non aderisca in sede di atto di pagare direttamente l'imposta sostitutiva, trattiene le somme che verserà nel caso allo scadere del termine di un anno, non riinvesta e quindi sottoposto a plusvalenza.
come fa a stabilire la cifra da trattenere? Se il Venditore decide di portarla in dichiarazione l'anno successivo la somma da pagare dipenderà dalla sua situazione reddituale.
 

Braveheart84rm

Membro Attivo
Privato Cittadino
cmq io so che se il venditore ha realizzato plusvalenza su un immobile in cui ha abitato (o dimostra che sia stata la sua dimora abituale), la plusvalenza non la paga. Però questo in generale. Bisogna vedere poi il caso specifico.
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
se il venditore ha realizzato plusvalenza su un immobile in cui ha abitato (o dimostra che sia stata la sua dimora abituale), la plusvalenza non la paga
Deve averci tenuto la residenza per più di metà del tempo per cui è stato proprietario.
In pratica, credo che basti la metà dei giorni di proprietà più uno (non ci sono arrotondamenti al mese o alla quindicina)
 

Braveheart84rm

Membro Attivo
Privato Cittadino
Deve averci tenuto la residenza per più di metà del tempo per cui è stato proprietario.
In pratica, credo che basti la metà dei giorni di proprietà più uno (non ci sono arrotondamenti al mese o alla quindicina)

Esatto. Ma in realtà può anche nok essere la residenza, ma deve dimostrare che sia stata la sua dimora abituale (per es mostrando le bollette delle utenze)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Morri ha scritto sul profilo di il Custode.
Buongiorno, mi sono appena iscritto ma il sito non mi da la possibilità di iniziare una nuova conversazione (questo è il messaggio che mi compare: Non hai i permessi per vedere questa pagina o compiere questa azione). Come posso fare?
Grazie
This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
Alto