1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. emmebici180

    emmebici180 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    salve a tutti

    sono nuovo del forum e scrivo per un chiarimento:

    dopo alcuni lavori con DIA su un locale che da negozio C1 è diventato ufficio A10, la variazione catastale è stata presentata oltre i 30 giorni dalla dichiarazione di fine lavori DIA; l'agenzia del territorio ha inoltrato sanzione a carico dei proprietari dei locali (516 euro), i quali valuterebbero di rivalersi sul professionista che ha redatto e presentato la variazione: chi è realmente tenuto a pagare la sanzione? la proprietà o il professionista?

    in effetti, dalla lettura delle normative citate nel verbale sembrano responsabili i proprietari in quanto destinatari dell'obbligo normativo e non il professionista che viene citato nel verbale solo quale (necessario) estensore della variazione e non è tenuto a conoscere tali obblighi di natura sostanzialmente tributaria.

    Grazie per le risposte.
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Solitamente una variazione catastale viene presentata contestualmente alla chiusura dei lavori, per ottenere l'agibilità, altrimenti non la concedono...
    In ogni caso la responsabilità è in capo alla proprietà perchè la scheda potrebbe esserfe richiesta direttamente ad altro professionista ed il progettista dei lavori attenderla per chiudere le opere...(anche qui, solitamente il progettista prende in carico anche la variazione della scheda e completa l'opera direttamente, ma non sempre è così...)...
     
  3. emmebici180

    emmebici180 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie Architetto...ma qualcuno è a conoscenza di altri casi simili? in effetti, dalla laettura delle norma pare che l'obbligo di variazione entro i 30 gg si applichi solo in caso di nuove costruzioni e di nuove agibilità, mentre l'immobile era vecchio di almeno 70 anni e già dotato di certificato di agibilità precedente (solo riconfermata con la presentazione della scheda).

    Tra l'altro, il passaggio da C1 ad A10 comporta una diminuzione della rendita catastale, con diminuzione dell'ICI, e ci sarebbe stato tutto l'interesse a presentare quanto prima la variazione catastale da parte degli interessati...quindi l'agenzia del territorio non può neppure dire che c'era un guadagno della proprietà a non variare entro i 30 gg i locali, scongiurando qualsiasi intenzione truffaldina...eppure sono stati ugualmente sanzionati.
     
  4. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    quando fu proposto l'onorario si prevedeva anche accaatstamento e agibilità? oppure solamente progettazione e direzione lavori?
     
  5. emmebici180

    emmebici180 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    il prof. mi disse che era previsto nell'incarico la pratica di variazione catastale e la successiva scheda di agibilità, ma senza citazione o imposizione di tempistiche riguardo la variazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina