1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Carmine Romano

    Carmine Romano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Firmo una promessa di vendita in data 1/07/2014, con versamento della caparra confirmatoria.
    Viene regolarmente registrata dall'agente immobiliare in data 21/07/2014.
    L'immobile oggetto della vendita risulta da atto notarile interamente intestato alla sig.ra Rossi in regime di separazione di beni.
    Da visura catastale, alla data della registrazione del compromesso, risulta iscritta solo un'ipoteca derivante da concessione di mutuo.
    La sig.ra Rossi è in fase di separazione dal marito; quest'ultimo venuto a conoscenza della firma del compromesso trascrive contro una domanda giudiziale per accertamento di diritti reali al fine di farsi riconoscere la proprietà dell'immobile, dichiarando di averlo pagato interamente lui.
    Se alla data prevista per il rogito la domanda giudiziale risultasse ancora presente (in quanto di fatto marito e moglie non si sono accordati), la parte promissaria risulterebbe inadempiente, corretto?
    Se inadampiente mi spetterebbe il doppio della caparra ma lei ha già dichiarato di non disporre della somma di denaro da risarcire, di non avere altri immobili e non ha un reddito da lavoro dipendente.
    Quali azioni possono essere attivate per ottenere la somma che mi spetta?
    In caso di mancato pagamento delle rate del mutuo la banca creditrice potrebbe arrivare a pignorare l'immobile. In caso dovesse accadere, la mia promessa di vendita pur essendo successiva all'iscrizione dell'ipoteca avrebbe ancora valore? :disappunto:
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Fai il rogito.
    Che problema c'è..?

    Se il marito avesse in mano anche una procura di vendita a lui conferita dalla moglie, che ha incassato il saldo non potrebbe farci nulla. Il trasferimento lo deve fare la moglie.
     
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non può rogitare con la trascrizione sull'immobile. Quella trascrizione dovrà avere una sentenza e dovrà essere ordinata dal giudice la cancellazione.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    secondo me la questione è diversa, nessuna procura, siamo di fronte alla guerra dei roses.
     
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    si
    si
    Il tuo preliminare è stato registrato, non trascritto.
     
  6. Carmine Romano

    Carmine Romano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per i feedback. E' proprio cosi' ovvero una situazione paragonabile alla guerra dei Roses.
    Marito e moglie sono in causa per questa domanda giudiziale (e ovviamente anche per altro...) e come correttamente specificato si dovrà attendere la cancellazione ordinata dal giudice.
    La cancellazione potrebbe avvenire anche dopo la sentenza di 1° grado ?
    La mancata trascrizione del preliminare è attribuibile ad un'inadempienza dell'agente immobiliare?
    Considerato che per ottenere il doppio della caparra il mio unico appiglio è l'immobile della Sig.ra Rossi, in caso di pignoramento eseguito dalla banca mi sembra di intuire che perderei questa possibilità (considerato che lei non ha altro o per lo meno cosi' dichiara ).
    In questi casi la banca, a fronte di un compromesso registrato, si rivolge in prima battutta alla parte promittente per verificare se ancora interessata all'acquisto o procede direttamente con la vendita all'asta?
     
  7. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Hai versato una caparra molto elevata?
     
  8. Carmine Romano

    Carmine Romano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La caparra versata ammonta a € 30.000 a cui aggiungere le spese dell'agenzia immobiliare.
     
  9. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Situazione complicata.

    Non è detto che il giudice dia ragione al marito, se no tutti gli immobili che sono stati acquistati in separazione dei beni col consenso della legge sarebbero sotto scacco...

    La trascrizione non è obbligatoria ed è una scelta delle parti: va fatta dal notaio e costa quasi quanto un rogito, ragione per la quale pochi la fanno...
    Certo che, nel tuo caso, sarebbe stata una scelta oculata.
    Non vedo, però, responsabilità da parte dell'agente immobiliare.

    Credo proprio che si rivolgerebbe al promittente acquirente...ma parliamo di tempi lunghissimi...
    Prima la venditrice non dovrebbe pagare il mutuo per un bel pò...quindi ci sarebbero le reazioni della banca... non vedo un breve termine.

    Hai parlato con il notaio ?
     
  10. Carmine Romano

    Carmine Romano Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta. La prox settimana ho un appuntamento dal notaio. Vediamo cosa suggerisce
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina