1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. il Custode

    il Custode Custode del Forum Membro dello Staff

    Come noto il 20 marzo è entrata in vigore l’obbligatorietà per il condominio della mediazione civile per cercare di evitare che molte controversie arrivino in Tribunale.

    Naturalmente come sempre in questi casi, ci sono mille domande senza mille risposte ma con mille pareri. Alcuni autorevoli e motivati, altri un pochino più aleatori e privi di reale fondamento.

    Mi è capitato di leggerne uno dell'Avvocato Luca Tantalo che vi riassumo.

    La tendenza più accreditata è che l’amministratore, quale rappresentante legale del condominio, è legittimato a partecipare alla procedura senza la previa autorizzazione dell’assemblea, in quanto gli è attribuita ex lege la legittimazione processuale, attiva e passiva, ovviamente solo nei limiti delle sue peculiari attribuzioni (art. 1130 c.c.);

    Quando la questione dovesse oltrepassare i suoi poteri, dovrebbe chiedere l’autorizzazione preventiva sia in caso di chiamata attiva che passiva.
    In ogni caso, dato che l’eventuale accordo diventa vincolante per il Condominio e quindi per i condomini, è evidente la necessità della sua approvazione assembleare, sia per l’ordinaria che per la straordinaria amministrazione.
    In sostanza, ciò che avrà compiuto l’amministratore, a meno che non vi sia stata una delibera preventiva, può qualificarsi come una mera trattativa che poi l’assemblea dovrà ratificare.

    E' possibile anche che l’amministratore, sia che agisca come istante che come chiamato, possa essere munito di una deliberazione assembleare valida che gli fornisca dei margini su cui operare, in modo che si presenti in Mediazione con la concreta possibilità di chiudere la questione. In questo caso anche i consiglieri - ad esempio - potrebbero avere un ruolo, magari accompagnando l'amministratore agli incontri.

    Per quanto riguarda le maggioranze necessarie per l’approvazione delle delibere, volendo ricordare che l’accordo di mediazione può essere configurato come una transazione, si deve distinguere tra accordi che incidono sui diritti dei condomini e quelli che invece contengono solamente una regolamentazione economica dei rapporti tra le parti.

    Nel primo caso è consigliabile l’approvazione all’unanimità; nel secondo probabilmente è sufficiente l’approvazione con le maggioranze previste dal codice e dal regolamento di condominio.

    Trattandosi comunque di materia nuova, saranno la pratica e l’eventuale giurisprudenza a chiarire i dubbi.
     
    A STUDIO MAROCCO piace questo elemento.
  2. aimiki

    aimiki Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    certo, tutti vi possono partecipare, anche singoli cittadini, non è richiesto l'ausilio di un avvocato.
     
  3. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    in questo filmato trovate la recita di un vero caso di mediazione condominiale fatto a lucca, sul canale di youtube trovate anche il seguito
     
    A il Custode piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina