1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Naoto

    Naoto Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    volevo sapere quando entrera' in vigore.......
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    è in vigore sall'1/1/2014
     
  3. Naoto

    Naoto Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    per cui il contratto che ho stipulato il 30-02-2014 e' gia soggetto all'aliquota del 10% ....... credevo entrasse in vigore a maggio ........
     
  4. Naoto

    Naoto Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    ma il mio e' un contratto transitorio
     
  5. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    No problem​
     
  6. Abacus

    Abacus Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ..solamente per i contratti concordati pero'.. non sui contratti liberi
     
    A patrizia581958 e PROGETTO_CASA piace questo messaggio.
  7. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Appunto quindi sono a canoni molto bassi
    Praticamente pochissimi locatori usano l'aliquota 10% poiché i canoni applicati sono molto piu' alti.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  8. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Dipende.....nella città in cui opero i canoni concordati praticamente coincidono con il mercato dei contratti Liberi.
    Infatti sono almeno un paio di anni che non faccio un contratto libero tra privati .
     
  9. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Certo ma poi bisogna vedere se la cedolare secca al 10% è ammessa per tali città anche avendo un canone concordato.
     
  10. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ma certo.....è ovvio che lo sia !!.....se no come farei a farli !!
     
  11. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Volevo dire che se esci da pistoia e vai in un piccolo comune già non puoi farli
    corretto ?
     
  12. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Anche su questo ci sarebbe da discutere ....perche l'efficentissimo/a @Pennylove ci ha più volte spiegato che "In Osservanza del Art. 2 del DM 14 luglio 2004 il quale estende a tutti i Comuni Italiani, anche a quelli che non hanno Accordi territoriali né in base al DM 05 Maggio 1999, né in base al DM 30 Dicembre 2002, i contratti concordati previsti dall’art. 2, co. 3 della legge n°431/1998 (contratti 3+2), applicando quello in vigore nel comune demograficamente omogeneo, di minor distanza territoriale, anche se situato in altra Provincia o Regione"
     
  13. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    .......allora stiamo a posto e non ci sono piu' dubbi
     
  14. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Chi stabilisce se esiste la necessità abitativa (oltre al prezzo) fondamento di tali contratti con cedolare secca al 10% ?
     
  15. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    non penso sia così, ovvero è vero ma non puoi applicare la deduzione del 10% @Pennylove (spero di non sbagliare)
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  16. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Cosa è la "necessità abitativa" ???
     
  17. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Se non erro una delle condizioni per accedere all'aliquota IRPEF ridotta è che il contratto concordato sia fatto in un comune che abbia la necessità di soddisfare grandi esigenze abitative. In pratica i grandi comuni italiani e non tutti i comuni.
     
  18. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Esiste un apposito elenco
     
    A barbie1982 piace questo elemento.
  19. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Giusto per fare un po’ di chiarezza. I contratti agevolati (c.d. “concordati”) possono essere stipulati in tutta Italia, non solo in Comuni ad alta tensione abitativa. L’aliquota ridotta della cedolare (10%) trova applicazione, però, solo in relazione ai contratti agevolati stipulati nei Comuni considerati ad alta tensione abitativa.

    Ove, poi, si voglia sapere – come mi sembra di capire - quali sono le condizioni per poter godere di tale particolare sgravio d’imposta per questo particolare regime di tassazione facoltativa, i requisiti sono:

    Uno: l’immobile deve trovarsi, come detto, in uno dei c.d. Comuni ad alta tensione abitativa compresi nel rigoroso elenco del CIPE.

    Due: le parti devono stipulare un contratto del canale concordato secondo le disposizioni di cui all’art. 2, co. 3 e art. 8 della legge 9 dicembre 1998, n°431 (art. 3, co. 2 del D.Lgs. 23/2011), quelli cioè i cui canoni sono determinati sulla base di specifici accordi locali tra associazioni della proprietà e quelle degli inquilini, vale a dire:

    - 3+2;
    - per studenti universitari.

    In forza dell’espresso richiamo che il co. 3 dell’art. 2 della legge di riforma n°431/1998 opera (attraverso il successivo co. 5) nei riguardi dello stesso art. 5, si ritiene, però, che l’aliquota ridotta possa trovare applicazione anche per i contratti di natura transitoria a canone concordato, anch’essi previsti – come quelli per studenti universitari – dall’art. 5 della legge citata e disciplinati, al pari dei contratti 3+2 e per studenti universitari, da specifici accordi territoriali tra le organizzazioni di categoria.

    Restano, invece, esclusi i contratti:

    - c.d. liberi, di cui all’art. 2, co. 1 della legge n°431/1998;
    - transitori a canone libero (in Comuni non ad alta tensione abitativa nei quali non è stato mai sottoscritto un accordo sulla base del DM 5 marzo 1999 ovvero Comuni nei quali non è stato mai sottoscritto un accordo né sulla base del DM 5 marzo 1999, né sulla base del DM 30 dicembre 2002);
    - agevolati stipulati in Comuni non ad alta tensione abitativa;
    - per finalità turistiche e brevi vacanze;
    - relativi ad immobili storico-artistici;

    per i quali nulla cambia: l’aliquota ordinaria rimane al 21%.

    Riguardo, infine, alla valutazione della convenienza, non esiste una formula vincente valida per tutti: si tratta di capire se lo sconto sulla cedolare è sufficiente a compensare la riduzione di canone. Tutto dipende da come si combinano diversi fattori.

    Il primo sono gli accordi locali: quando impongono canoni molto inferiori rispetto a quello che si ottengono sul libero mercato, il locatore dirige sul canone libero ad aliquota ordinaria.
    Il secondo è la crisi economica che ha eroso gli affitti di mercato, rendendo i canoni agevolati decisamente più competitivi rispetto a quelli liberi (e con tempistiche di locazione, in genere, più brevi).
    Infine, c’è la variabile impazzita, ossia l’incognita Comuni che possono far pendere la bilancia da una parte o dall’altra. Come si muoveranno? Introdurranno sgravi o rincari su IMU e TASI? La risposta la lascio a voi.
     
    A Abacus e mosca piace questo messaggio.
  20. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina