1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Greta Phlix

    Greta Phlix Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    A marzo, dopo 3 mesi di trattative, ho fatto firmare una proposta d'acquisto. Dopo l'accettazione ho spedito copia tramite raccomandata a/r. Questa raccomandata viene ritirata 3 settimane dopo ma nel mentre mi sento più volte con il loro notaio, che tuttavia non mi chiede mai niente tipo documenti del venditore o altro. Dopodichè, una settimana prima della firma del preliminare, gli acquirenti sono andati a ritirare i mobili che avevano depositati nella proprietà in attesa della firma del preliminare e hanno comunicato al proprietario che non intendevano più acquistare. Con me non si sono fatti sentire proprio. Secondo il mio legale ho diritto solo ad un rimborso spese.
    Mi chiedo chi stabilisce l'entità di questo rimborso? Bisogna documentarlo?
    Posso invece chiedere una penale a posteriori (non l'avevo concordata, mea culpa...).
    In queste vicende si può coinvolgere il giudice di pace?
    La malafede è palese ma viene contemplato questo dai giudici?
    Voi cosa fareste? Sono in ballo circa 10mila € (al cambio di oggi :risata:)
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Per me hai diritto alla provvigione, non capisco perchè l'avvocato ti parli di rimborso spese....:shock:
     
  3. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Da come racconti i fatti, anche per me ci sono i presupposti per chiedere il pagamento delle provvigioni.
    Ma alla firma della proposta hanno anche versato qualcosina a titolo di impegno che, a proposta accettata, diventava caparra?
     
  4. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A coem la racconti anche per me hai diritto alla provvigione.
     
  5. Greta Phlix

    Greta Phlix Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ha scritto 7 pagine word... tra le altre cose dice che la raccomandata è giunta fuori termini (proposta accettata il 29.03, il 30.03, l'ultimo giorno validità della proposta invio raccomandata perchè firmando la proposta ero autorizzata a usare quel mezzo, loro la ritirano il 21.04.2010)
     
  6. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    1. avevano lasciato un deposito/caparra?
    2. perchè dicono che l'accettazione è tardiva? (in quale giorno preciso l'hai fatta e quanti gg di validità aveva)
    3. perchè il tuo avvocato ti dice che non hai diritto alla provvigione?
     
  7. Greta Phlix

    Greta Phlix Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    1. No caparra per volontà delle parti
    2. proposta fatta il 13.03, valida fino al 30.03, accettata il 29.03, raccomondata a\r parte il 30.03
    3. Dice che l'affare non è concluso per due motivi: raccomandata non giunta entra il 30.03 e la proposta non era un preliminare mentre le proviggioni erano dovute alla firma del preliminare previsto dalla proposta entro il 30.04
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Da come hai così meglio specificato ha ragione il tuo legale.
    Infatti, nella proposta ci sarà sicuramente scritto che l'accettazione della stessa doveva essere comunicata al proponente entro e non oltre il giorno 30.
    Il giorno 30 il proponente non ha ricevuto alcunchè.
    Potevi inviargli un telegramma il giorno 29 (data dell'accettazione) significandogli nello stesso che avresti fatto seguire la raccomandata AR, come in proposta.
    Se ti pagano un rimborso spese, accetta e non imbarcarti in una causa per ottenere le provvigioni.
    La vedo molto male.
    Facci sapere.
     
  9. nord est

    nord est Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Io nel 2006 ho iniziato una causa per un motivo del tutto simile. La sentenza definitva in primo grado è arrivata nel 2009. Risultato? Causa persa e € 10.000 buttati al vento. Purtroppo il sistema giudiziario italiano assomiglia sempre di più ad un campo minato. E' vero che esiste un Codice Civile ma purtroppo quello che conta è l'interpretazione soggettiva che i giudici danno di ogni singola legge contenuta nello stesso. Tutto quindi si riduce ad una mera interpretazione della legge da parte di un giudice. Gli avvocati questo lo sanno bene ed è per questo motivo che le parcelle le paghi anche se le cause le perdi (magari anche grazie a loro)!! Consiglio quindi: se proprio vuoi iniziare una causa affidati al miglior avvocato della tua città (ammesso che il gioca valga la candela!) sperando che lo stesso abbia un grande "peso" nel Foro di competenza. Più l'avvocato"è di spessore" e più i giudici applicano le leggi per quello che sono e contengono, senza troppe interpretazioni personali che le stravolgono. Ciao a tutti
     
    A Vima piace questo elemento.
  10. Greta Phlix

    Greta Phlix Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non c'era nella proposta una data tassativa per la comunicazione dell'accettazione. Logicamente andava spedita entro la data della validità della proposta, ma se tu propenente non mi specifichi che la vuoi anche ricevere entro quella data vale la data di partenza e il diritto alla provvigione nasce quando vieni a conoscenza della conclusione dell'affare o meglio della proposta perfezionata. Ringrazio nord est del prezioso consiglio. PS Io non sono italiana, ma vi garantisco che anche in nord europa conviene non rivolgersi ai tribunali ... mal comune, mezzo gaudio..
     
  11. ste.ca

    ste.ca Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Ciao a tutti, purtroppo e' capitata una cosa simile anche a me e mi trovo ad andare in causa. Parlando con vari colleghi,mi hanno consigliato di portare avanti la causa per far valere i miei e Ns diritti.Pe ccato ci sia una recente sentenza dela Cassazione 2 aprile 2009 n. 8083 sulla proposta irrevocabile di acquisto che penso MI LASCI OLTRE AL DANNO anche la Beffa. Confido nell'onesta del giudice altrimenti in periodi cosi',mi tocchera' pagare ANCHE il legale
    MA chi ci tutela????:disappunto::disappunto:
     
  12. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    NOn vi è certezza di diritto in Italia, per quello è melgio sempre scrivere ..........scrivere scrivere e scrivere.......anche se il cliente sembra dei migliori il più bravo, il più convinto.
     
  13. nord est

    nord est Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Chiedi a quei colleghi che ti consigliano di portare avanti la causa se sono anche disposti a riconoscerti un contributo per le eventuali spese legali che sosterrai visto che, in caso di vittoria, sarà comunque una lancia spezzata a favore dei diritti di tutta la comunità degli agenti immobiliari.:^^:
     
  14. Greta Phlix

    Greta Phlix Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io ho lavorato con il precontratto quindi toccherebbe chiedere ora la penale non la provvigione e non l'avevo concordata prima. Se tu ste.ca hai lavorato con una proposta\compromesso e hai tutto bello firmato puoi provare la strada per arrivare al decreto ingiuntivo. Le cause secondo me bisogna intraprenderle solo se c'è la certezza di vincerle e questo te lo può dire solo un avvocato competente e onesto.
    Finchè questo lavoro sarà inteso più da "commerciante" che da "professionista" la vedo dura per le tutele, anche con tutto scritto e firmato.
     
  15. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Puoi andare in autotutela.
    Chiedi al tuo legale che, concorde la parte avversaria, intendi rinunciare a quanto precedentemente preteso.
    Eviti così il danno, la beffa e ...risparmi un sacco di euro.
     
  16. Vima

    Vima Membro Junior

    Privato Cittadino
    In questo paese non esiste alcuna tutela, a meno che si rientri nelle grazie di qualche potente che, per interessi personali ti agevola e/o ti protegge: ognuno pensa solo ai fattacci propri, giudici ed avvocati "in primis"!!! Il ns. è, purtruppo, un paese incivile, dove esiste tanta, troppa corruzione, concussione, peculato, evasione fiscale, ecc.; e quando l'interesse personale prevarica l'interesse collettivo, significa che il paese è arretrato, la cultura non esiste, l'evoluzione sociale e' involuzione! Siamo in pieno oscurantismo, tanto che il Medioevo al confronto è assai poca cosa!
     
    A Roby piace questo elemento.
  17. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io non conterei tanto sull'onestà del giudice perchè lui valuta solo il nero su bianco: l'onestà non credo entri in gioco in qst caso..
    La sentenza della cassazione ormai famosa non stabilisce la nullità delle proposte a prescindere, ma la nullità in caso che rimandino a preliminare (la famosa promessa di promessa). Prima di fare la causa assicurati di questa cosa. :stretta_di_mano:
     
  18. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Attivo

    Altro Professionista
    Cosa c'entra l'autotutela ?
    Luigi De Valeri
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina