1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    e' postato in lingua originale e con una traduzione un po' "maccaronica" ma comprensibile.
    Sembra che ci separano secoli di storia...purtroppo a loro favore.
     

    Files Allegati:

  2. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    il divario storico, culturale e professionale si potrà recuperare, superare e migliorare solo con singoli professionisti molto diversi dagli attuali.

    il passato è noto
    il presente è visibile
    il futuro rappresenta la speranza

    Questo è il modello di riferimento?
    C'è la volontà di raggiungerlo, adattarlo, migliorarlo?
    Ci sono le condizioni perchè si avveri?

    Quanto siamo disposti a cambiare per realizzarlo?

    Tutto dipende da ogni singolo AI
     
  3. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Una analisi e una comparazione con i nostri modus operandi...
     
  4. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Andrea, vedo di spiegarti l'intervento.

    il divario Italia e America è assodato, riguarda i professionisti ed il mercato.

    Per quanto riguarda i professionisti quel che preoccupa è che non si vedono professionisti italiani altrettanto preparati dei colleghi americani e pertanto, prima di prendere in considerazione qualcosa di simile al NAR è indispensabile un cambiamento in molti aspetti della professione. (non so se ti è sfuggito ma in più riprese in questo forum si dichiara apertamente di non voler aggiornarsi in generale).

    Per il mercato quello italiano non è trasparente, quello americano sì. Anche qui c'è molto lavoro da fare.

    Tutto è nelle nostre mani.

    Le domande sono rivolte a tutti comi spunto di riflessione e analisi critica nella speranza che sia costruttiva. Mi aspetto quindi anche tuoi interventi in proposito
     
  5. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao Andrea , premetto subito che non ho letto tutto il " papiro" ( ma mi riprometto di farlo ) pero' mi sento di dare da subito una mia opinione in merito. Ritengo che ,la' dove le posizioni degli attori sono chiare e incontrovertibili ,il codice etico di comportamento e' una guida autorevole e di riferimento , da noi dove purtroppo tutto e'poco chiaro confuso opinabile ( anche le leggi dello stato stesso) resta una mera lista di intenti. E' giusto dire che siamo distanti mille miglia ,da questi paesi , ma siamo noi che aumentiamo questa deriva con comportamenti (personali ) sbagliati .
     
  6. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ....in qualche altro forum qualcuno ha citato una frase di Ghandi ( credo ) che da' il senso della situazione : " ..dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere ".....
     
    A andrea boschini e Carlo Garbuio piace questo messaggio.
  7. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Premesso che si dice: " la differenza tra lana e seta " , Il primo problema tutto e solo Italiano è " il troppo " in Italia ci sono troppe associazioni di categoria, troppi interessi economici delle stesse, troppi interessi personali delle stesse, troppi portali immobiliari, troppo problemi, troppe leggi poco chiare ed inutili, troppo di tutto, e si sà che il troppo stroppia... l'Agente Immobiliare è... non si sà cosa... un mediatore? un commerciante? un professionista? un apriporta? un autista di pulman? Boh... di sicuro un pollo da spennare... è tutta una confusione ... ho sempre pensato e continuerò a pensarlo... una legge che chiarisca il nostro ruolo ( qualunque sia ) all'interno della catena della compravendita immobiliare, obbligatorietà dell'intervento dell'AI e definizione del compenso per legge... sarebbe forse un buon inizio, ma fin quando continueremo a parlare di aria fritta solo aria ci ritroveremo in mano. Fabrizio
     
    A enrikon e Antonello piace questo messaggio.
  8. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    vero
    si è pure scomodato Darwin
    "Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti."
    ...
    compensi stabiliti per legge? ma se la tendenza è quella di abolire i minimi tariffari ... siamo proprio indietro come categoria professionale

    Vero che c'è confusione, molta l'hanno creata anche gli AI, ma guardiamo oltre, ognuno deve iniziare a prendersi le proprie responsabilità e iniziare a cambiare personalmente, allora si potrà iniziare a programmare un futuro e prendere in considerazione esempi tipo NAR, prima è pure utopia
     
  9. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Io parlo di un inizio, un inizio che cominci a dissipare la confusione che regna sovrana nel nostro settore e che alla fine non fà gli interessi che di pochi... si fà un gran parlare di questo e di quello, l'agente immobiliare che deve essere chissà cosa e chissà chi, ma che poi alla fine non è altro che un intoppo ( costoso ) da eludere e scavalcare, senza nessun riconoscimento giuridico chiaro e preciso... sulla carta o nell'immaginario collettivo l'AI genera l'impressione di essere investito di chissà quali obblighi, competenze e professionalità, ma nella realtà??? La valutazione la fà chi vende, il compromesso è fatto bene se redatto dall'avvocato, dal commercialista o dal notaio... i controlli sono garantiti se fatti dall'ingegnere, dal geometra o dal notaio, ed a noi cosa rimane??? l'incombenza e la responsabilità se l'inquilino non paga, l'onere di abbassare la nostra competenza economica nella trattativa ( volente o nolente) per chiuderla ( mi danno di meno ed io vi dò di meno ) ed ulteriori rinuncie che usciranno sicuramente. Sinceramente mi sono scocciato di consentire ad altri di giocare per i loro interessi sulla mia pelle... ed allora ben venga il riconoscimento di " apriporta " ed una leggina che dica semplicemente : " le Vendite di immobili devono essere effettuate obbligatoriamente con l'ausilio di un AI, il quale eroga un servizio ( pubblicizza l'immobile ed apre la porta ) per questo servizio deve essere pagato l'1 % e basta... si otterrebbe ( secondo me ) il duplice effetto di eliminare il presunto sommerso delle vendite e si saprebbe esattamente quanto guadagniamo ... Fabrizio
     
  10. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    e finchè questo non si avvera cosa proponi di fare?
     
  11. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    però, Andrea, vedo che hai cambiato il tuo messaggio dopo il mio intervento ;).

    Bisogna imparare a tener presente queste nuove possibilità offerte dal nuovo forum perchè in questa maniera c'è il rischio di far fare considerazioni a vuoto a chi ha già inserito messaggi successivi.
     
  12. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Purtroppo non ho la possibilità di decidere quello che bisognerebbe o meno fare... siamo in Italia e la parola di parlare è data solo a pochi che si arrogano il diritto di rappresentarci , tralaltro non scelti da noi, cosa propongo di fare ???? ... proporre non è realmente possibile... dovremmo essere uniti tutti ed avere gli stessi interessi, dovremmo essere noi e non le varie associazioni a discutere le soluzioni ed a imporle, ma questo è possibile??? non credo
     
  13. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ho cambiato il messaggio perche' scritto d'istinto...
     
    A studiopci piace questo elemento.
  14. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ognuno ha la possibilità di decidere per sè, le associazioni sono composte da AI, se non cambiamo noi come possaiamo sperare che cambino le associazioni.
    Torniamo in tema: anche per te NAR è irrealizzabile nella realtà italiana
     
  15. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ho capito, ma io ho risposto al tuo messaggio istintivo, non a quello corretto.
    La prossima volta come devo fare?
    Quanto devo aspettare per considerare definitivo un messaggio?
    Il rischio di far fare commenti fuori bersaglio è evidente
     
  16. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Secondo me qualsiasi cosa civile è irrealizzabile in Italia a meno che non si cambi tutto il sistema.
     
  17. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Qualche volta dovrei spogliarmi dell'egida del "moderatore" e scrivere piu' a braccio...ma nn si puo' e allora mi correggo per tempo ( nello specifico 2 minuti )..molti nn si correggono nemmeno a distanza di giorni ( ma questa e' altra storia ).
    P.S. Carlo puoi corregere anche tu...se vedi che l'intervento non e' piu' coerente o citarlo prima della correzione, mi prendi con le mani nella marmellata e sei piu' contento...;)
     
    A studiopci piace questo elemento.
  18. sfilasto

    sfilasto Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    vorrei far presente che ogni agente immobiliare ed ogni organizzazione, anche commerciale invece che associazionistica, può autoregolamentarsi e far conoscere al pubblico la sua modalità operativa e gli standard minimo di servizio offerti alla clientela. Non per essere campanilista, ma una delle differenze tra RE/MAX e gli altri franchising immobiliari è proprio l'esistenza di un codice etico che va sottoscritto unitamente al contratto di franchising da parte dei Broker e da ogni agente o aspirante tale che collabora a qualsiasi titolo con un'agenzia RE/MAX. Va detto che negli USA la NAR è - di fatto - l'unica associazione di Agenti Immobiliari a differenza dell'Italia dove più organismi non riescono ad avere una unica visione e comunione di intenti ed operazioni.
    Potremmo dare vita, qui su immobilio, ad una petizione per creare un codice etico a cui aderire, con il contributo di tutti coloro che vogliono partecipare. Che ne pensate?
     
  19. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Bella idea ma sarebbe solo la duplicazione del codice etico o similari di FIAIP, FIMAA, Replat, ed altre associazioni, portali e piattaforme... il discorso è proprio la duplicazione di qualcosa che alla fine non ha nessun valore legale...
     
  20. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    anche le federazioni con l'iscrizione sottoscrivi un codice etico..ma dal firmarlo al rispettarlo la strada e' lunga...la differenza e' che negli USA se sbagli "sei spacciato", qui non ti danno nemmeno un buffetto sulla guancia.
    L'idea e' ottima, come del resto una autoregolamentazione sul modus operandi sarebbe da fare, se la maggioranza opera in un solo modo, chi non si adegua e' lo stesso mercato a farlo fuori.
     
    A Bagudi e studiopci piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina