1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gioperla

    gioperla Membro Attivo

    Altro Professionista
    Mi collego a questo forum per fare una domanda:
    :triste::triste::triste::triste::triste:
    Situazione
    Nonna morta
    Nonno vivente
    Papà(figlio nonni) premorto
    Figli 2 senza eredi
    Se nella successione della Nonna i figli rinunciano, l'eredità dovrebbe andare tutta al Nonno.
    Se così è, quando verrà a mancare anche il nonno, i beni ereditati dalla nonna, torneranno comunque ai figli, in quanto suoi unici eredi?
    Il mio obiettivo è questo:
    Nonno possiede una porzione di fabbricato attaccato ad uno di nonna; se ereditano anche i figli, non posso fondere le due porzione, poichè i proprietari delle due porzioni sono differenti (Nonno + Nonno e figli)
    Se invece i figli rinunciano ottengo due porzioni a nome di nonno che posso fondere e poi quando nonno muore tutto ritornerebbe ai figli.
    Questo mi eviterebbe di passare per atti notarili di cessione o donazione.
     
  2. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ha dei fratelli o sorelle?
    Ha fratelli o sorelle?

    Cosa intendi per fondere?
    Forse unire le due porzioni?


    ???????????????
     
  3. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    se i figli del nonno vivente rinunciano la loro quota di eredità passa per rappresentazione ai nipoti. Non va tutta al nonno. Per avere la situazione più chiara rispondi alle domande di antonello...
     
  4. gioperla

    gioperla Membro Attivo

    Altro Professionista
    Riformulo la situazione:
    Nonno A e nonna B hanno entrambe dei fratelli viventi.
    Hanno un figlio unico C che è prematuramente morto.
    Il figlio C ha a sua volta due figli D ed E, senza eredi ( sono dei ragazzi).
    La morte della nonna B comporta un'eredità per il nonno A e per i nipoti D ed E.
    Poichè il nonno A e la nonna B hanno due proprietà a confine con due edifici a contatto, non li posso unire, poichè anche in caso di successione le proprietà sono differenti ( un pezzo è di A e l'altro, dopo la successione è in quote di A, di D e di E)
    Se invece D ed E (i nipoti) facessero una rinuncia all'eredità, i beni della nonna B, dovrebbero andare tutti al coniuge A che così diverrebbe proprietario delle due porzioni di edificio, e a questo punto nulla ostacolerebbe la loro unione.
    La cosa più importante è però ( se non vado errato), che D ed E non perderebbero nulla, poichè rientrerebbero nella probabile futura successione del nonno A.
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    In presenza di discendenti l'eredità dei nonni va ai nipoti per rappresentazione del figlio premorto.

    Se i nipoti rinunziano all'eredità della nonna, ci si dovrebbe trovare nella situazione di un coniuge che muore senza discendenti: l'eredità andrà per 2/3 al nonno coniuge superstite, il resto ai fratelli della nonna.

    Quindi è un'ipotesi da escludere. Bisogna aspettare l'eredità del nonno.

    Non so quale scopo abbia l'unione delle due proprietà, che comunque potrebbe ottenersi vendendo rispettivamente le rispettive quote ad un unico soggetto.
     
    A gioperla piace questo elemento.
  6. gioperla

    gioperla Membro Attivo

    Altro Professionista
    In realtà la legge dice che se un erede rinuncia, la sua parte "si accresce a coloro che avrebbero concorso con il rinunziante, salvo il diritto di rappresentazione", per cui se i nipoti rinunciano, l'eredità dovrebbe passare agli altri che hanno concorso, per cui solo il nonno.
     
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E continua:
    "se il rinunziante è solo, l'eredità si devolve a coloro ai quali spetterebbe nel caso che egli mancasse".
    Quindi anche cugini, ecc.
     
  8. gioperla

    gioperla Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ma nel mio caso i rinunzianti sono 2 su 3 ( nipoti e non il nonno) per cui il rinunziante non è solo.
    Infatti all'eredità sono chiamati il nonno e i nipoti e secondo me solo se rinunciano tutti e tre allora si aprirebbe la situazione di cugini, fratelli e genitori del defunto.
     
  9. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il "solo" va inteso come colui che non ha coniuge e non come numero.
    Quindi se io rinuncio e non ho coniuge e neppure figli la mia quota va a chi mi succede.
     
  10. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Credo tu abbia ragione, e mi scuso per la erronea deduzione precedente: l'art. 522 prevede l'accrescimento a favore del coerede in concorso coi rinunzianti, cioè il nonno.
    Visto che hai citato il testo dell'articolo, avrai letto anche le due eccezioni citate:
    - salvo il diritto di rappresentazione
    - salvo il disposto dell'ultimo comma dell'art. 571
    La prima eccezione direi che si riferirebbe al caso che voi nipoti aveste a vostra volta dei figli, cosa non pertinente
    La seconda, di complessa formulazione, non mi pare faccia al vostro caso.

    Resta da valutare il fatto che per la vostra quota di eredità della nonna, si pagherà due volte l'imposta di registro, catastale ed ipotecaria (forse la tassa di successione è assorbita dalla franchigia): prima verso il nonno, poi verso di voi.

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Scusa Antonello: ho l'impressione che i tuoi interventi pescindano dall'esposizione della situazione descritta da Gioperla, perciò pur essendo di per sè magari corretti, mi resta difficile dedurre una conclusione applicabile al quesito iniziale. :disappunto:
     
    A gioperla piace questo elemento.
  11. robertobosco

    robertobosco Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    gioperla, presupposto per l'accrescimento è l'esistenza di un testamento che nel tuo caso non mi pare avesse fatto tua nonna(non lo hai mai citato). Pertanto con la rinuncia tua e di tuo fratello (direttamente in Tribunale o facendovi assistere da un notaio, che non è indispensabile per le rinuncie) le vostre quote si trasmetteranno a vostro nonno per rappresentazione. In seguito vostro nonno, se vorrà, potrà redarre testamento a vostro favore o in assenza erediterete comunque per successione legittima l'intero patrimonio, dopo la sua morte.
     
    A gioperla piace questo elemento.
  12. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    La risposta presenta alcune formulazioni che potrebbero far dubitare di quanto finora chiarito.

    1) La precisazione sull'accrescimento, non è del tutto esatta e ti porta comunque al risultato già ipotizzato. L'accrescimento in senso lato prescinde dall'esistenza del testamento: l'art. 522 sulla devoluzione nelle successioni legittime recita: "... la parte di colui che rinuncia si accresce a coloro che avrebbero concorso col rinunziante ...."
    2) In seguito il nonno può fare testamento: ma in quel caso potrà disporre della quota disponibile come meglio crede, non necessariamente ai nipoti. Solo se non fa testamento i nipoti erediteranno comunque (?!) l'intero patrimonio per successione legittima.
     
  13. robertobosco

    robertobosco Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Sul punto 2 ho generalizzato in quanto ritenevo ovvio l'utilizzo della quota disponibile che opera in ogni situazione.
    Sul punto 1 insisto nel dire che l'accrescimento viene posto in essere se non operano nè la sostituzione nè la rappresentazione (citaz. di testo). Presupposti per l'operatività dell'accrescimento sono:
    a) la nomina di più eredi in uno stesso testamento; b) la nomina di più eredi nell'universalità dei beni ecc. ecc. c)la mancanza di una volontà del testatore esplicitamente o implicitamente contraria all'operatività dell'accrescimento(citaz. di testo).
    Pertanto, l'accrescimento necessità di un testamento che nel caso specifico credo non ci sia.
     
  14. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Da notare che al post 4 Gioperla ha precisato che "Nonno A e nonna B hanno entrambe dei fratelli viventi".
    Pertanto al Nonno A andrà la quota dei 2/3 mentre la restante quota di 1/3 andrà ai fratelli del de cuis.
    Quindi, succederà che al decesso del vostro Nonno A, non troverete l'intero patrimonio ma solo ed esclusivamente 2/3. Tanto per fornire una precisa informazione applicata al quesito iniziale posto.
     
  15. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Adesso è più chiaro... La situazione te la sei chiarita da te. Rinunciando i nipoti si accresce la quota del nonno e stop. ma questi due sono minorenni?Perchè in tale caso se intendi far sì che anche i minori rinuncino, sarà necessario farsi autorizzare dal giudice tutelare e sarà il giudice stesso a valutarne l'opportunità e la convenienza. . Non possono effettuare una rinuncia da soli.In caso opposto invece si. Alla morte del nonno i nipoti ereditano si.

    Ma la domanda sorge spontanea...tu in tutta questa situazione chi sei di loro per porti questo quesito???

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    l'avevo dimenticato interessandomi solo al quesito sui nipoti..:ok::ok::ok:grande antonello

    l'avevo dimenticato interessandomi solo al quesito sui nipoti..:ok::ok::ok:grande antonello
     
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    @ robertobosco

    Sicuramente sul punto 1 , in terminologia "legalese", hai ragione: in effetti il concetto di accrescimento è trattato nel c.c. al 674 e fa riferimento ad un testamento.

    Posso condividere che ogni disciplina abbia una sua terminologia con specifico significato: figuriamoci il linguaggio legale.

    Ma mi piace personalmente far prevalere il senso comune dei lemmi italiani utilizzati: ecco perchè considero il termine "accrescimento" come il sostantivo associiato al verbo "accrescere", usato nel 522 che si riferisce alle successioni in generale. Ragione per dire che l'accrescimento in senso lato avviene quando ...

    E' una mia pignoleria: sono allergico ai linguaggi degli "iniziati", che spesso si nascondono proprio dietro questi paraventi, come il buon Azzeccagarbugli. Non era il tuo caso e me ne scuso.

    Aggiunto dopo 6 minuti :

    Scusa Antonello: avevo già dubitato dell'esattezza della tua affermazione che avevi già formulato. :disappunto::disappunto:

    Ribadisco la mia convinzione:
    Ai fratelli, in caso di discendenti legittimi non va assolutamente niente.
    Su questo punto vorrei delle conferme e precisazioni con riferimenti al c.c.

    Ai fratelli andrebbe se non ci fossero discendenti: questi ci sono, se rinunciano il 522 dispone l'accrescimento in favore dei coeredi, cioè il nonno. Non mi pare riporti alla situazione di assenza di discendenti.

    E' , credo, la sostanza della domanda inizialmente posta, di cui gioperla chiedeva conferma.
     
  17. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    E' 3 ore che cerco di correggere ciò che per un attimo ho dato per giusto come detto da antonello. In base a come avevo già scritto alla morte del nonno l'eredità va ai nipoti nuovamente per rappresentazione del padre premorto.senza fratelli e senza nessun altro.

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Dunque facendo ordine:

    Eredità NONNA: Nonno e Nipoti(in virtù della rappresentazione)

    RINUNCIA NIPOTI( nei termini e modalità di legge): Accrescimento in favore del Nonno

    Eredità NONNO un domani: Nipoti

    Nè fratelli nè sorelle perchè subentra nuovamente la rappresentazione in favore dei nipoti al padre premorto.
    ;)
     
    A vavy piace questo elemento.
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Quota per 2/3 al Nonno superstite e quota per 1/3 a favore dei fratelli di Nonna, linea collaterale.
    Rinunciando i nipoti e non avendo gli stessi discendenti è come se non esistessero.
     
  19. gioperla

    gioperla Membro Attivo

    Altro Professionista
    Io sono il loro tecnico e amico, e per eseguire delle pratiche edilizie devo consigliarli sulla strada più veloce ed economica per arrivare al risultato.
    Infatti se vale come penso, e come alcuni di voi mi avete confermato, il principio che se i nipoti rinunciano, passa tutto al nonno e poi alla sua morte ritorna tutto comunque ai nipoti, riesco a fare tutto in 60 gg. senza tante spese.
    Ma non avevamo chiarito che la rinuncia dei nipoti accresce l'eredità del nonno rimasto, senza chiamare in causa altri parenti?
     
  20. Sarah333

    Sarah333 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    no perchè nel caso di dscendenti il resto non si considera.
    I nipoti rinunciano alla quota di eredità che spetta al padre premorto e non a quella del nonno in quanto l'erede diretto è il padre e non i nipoti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina