• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Philad

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera, volevo chiedere un vostro parere, io ho intenzione di acquistare una casa, dopo aver trovato l’accordo con il venditore tramite agenzia immobiliare il 12 novembre mi sono recato in banca (Intesa San Paolo) per consegnare tutta la documentazione, ad oggi la perizia dell’immobile è stata effettuata e fortunatamente ha avuto esito positivo. Il problema è che la la delibera reddituale non è ancora stata rilasciata e il nostro funzionario di riferimento ci ha dato come data orientativa, viste le tante festività di mezzo, fine dicembre inizi gennaio. L’agente immobiliare mi sta pressando da giorni perché la venditrice è stanca di aspettare ma purtroppo noi non possiamo farci niente se non chiamare la banca e sollecitare la pratica. Il problema è che il termine fissato per firmare il preliminare è il 30 dicembre, secondo voi se tra una settimana non ho ancora notizie dalla banca come devo comportarmi per non perdere L immobile? Posso chiedere una proroga di 15 giorni? L’agenzia immobiliare mi ha detto che loro non sono disponibili a fare un preliminare inserendo la clausola “salvo buon esito mutuo”.
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Secondo me quello che ha più fretta di tutti è l'agente immobiliare.
L'accordo già raggiunto col venditore, configura già di per sè, il "compromesso", specialmente se l'accordo è stato sottoscritto tra le parti (acquirente e venditore), tuttavia bisognerebbe vedere cosa avere scritto esattamente.

In ogni caso, puoi:

1) chiedere una proroga dei termini come da te proposto, oppure,
2) sottoscrivere il compromesso subordinandone la piena efficacia all'ottenimento del mutuo.

In ogni caso ricordati che l'agente immobiliare andrà pagato solamente al verificarsi della situazione, ovvero solo quando e nel caso in cui il mutuo venisse concesso.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
secondo voi se tra una settimana non ho ancora notizie dalla banca come devo comportarmi per non perdere L immobile?
Da quanto si capisce, c'è una condizione sospensiva per il mutuo, che scade a fine mese.
Bisognerebbe leggere come è scritta, per capire se , dopo il 31/12, il contratto resta inefficace se non avete l'ok, oppure prende efficacia se non comunicate un diniego.

Devi chiedere un incontro in agenzia con il venditore, in modo da spiegargli bene la situazione ed ottenere una proroga della scadenza della condizione, forse 15 giorni non bastano, visto il periodo festivo.
Sapendo però che la proroga non è dovuta, e il venditore potrebbe non volerla concedere.
 

Philad

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie a tutti per le risposte. Anche io penso che la fretta l’abbia principalmente l’agente immobiliare e che metta in mezzo il venditore solo per intimorirci. Si esattamente c’è una condizione sospensiva per il mutuo che scade a fine mese. Oggi ho chiamato il direttore di banca il quale solleciterà la pratica e farà il possibile per rispettare la scadenza, con lui ci siamo dati appuntamento a settimana prossima per eventuali novità, se non si saprà ancora nulla seguirò il vostro consiglio e chiederò un incontro con il venditore per spiegare la faccenda. Proporremo sia un preliminare con clausola o una proroga. Il preliminare con clausola l’ho già proposto all’agente immobiliare e mi ha detto che loro non lo fanno ma comunque penso che sia una decisione che spetta al venditore no?
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Il preliminare con clausola l’ho già proposto all’agente immobiliare e mi ha detto che loro non lo fanno ma comunque penso che sia una decisione che spetta al venditore no?
Il preliminare l’avete già concluso, con l’accettazione della proposta e sua comunicazione.
Firmarne un altro con condizione sospensiva non ha senso, meglio prorogare per iscritto la scadenza della condizione , se il venditore è disponibile.

L’agente , nel caso di proroga, dovrà aspettare ancora per incassare la provvigione.
Certo che meno di due mesi , con le feste di mezzo, sono tempi così stretti che si doveva sapere dall’inizio che non sarebbero bastati !
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
ad oggi la perizia dell’immobile è stata effettuata e fortunatamente ha avuto esito positivo. Il problema è che la la delibera reddituale non è ancora stata rilasciata e il nostro funzionario di riferimento ci ha dato come data orientativa
Comunque è poco sensato che una Banca, prima di avere la delibera reddituale, faccia fare la perizia...che comunque dovresti pagare anche se non positiva....
Il fatto che puoi o non puoi pagare una rata di mutuo deve essere la Prima cosa sicura prima di fare proposte
 

Philad

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Si sono d’accordo, da quello che ho letto però intesa San Paolo opera sempre secondo questa procedura.
 

Philad

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, vi do un aggiornamento, fortunatamente la venditrice ci ha concesso una proroga di 30 giorni, quindi la nuova scadenza è fissata al 30 gennaio, dalla banca mi avevano dato come tempistiche fine dicembre inizi gennaio quindi in teoria dovremmo rientrarci. Ricordo che il 12 Novembre ho presentato domanda alla banca e circa una settimana dopo è stata effettuata la perizia, siamo in attesa della valutazione creditizia. Grazie a tutti, speriamo bene
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Gli ingegneri di Roma critici sul DL semplificazioni: “per l'edilizia sarà peggio”
[ bit.ly/3iyXhKH ]
Buonasera vorrei avere informazioni circa la vendita di una casa popolare riscattata 13anni fa precisamente nel 2007. È vero che pur essendo passati 13anni l'istituto case popolari può sempre esercitare il diritto di prelazione pari al 10% degli estimi catastali e che si dovrebbe fare una raccomandata per rendere noto all'istituto dell'intenzione di vendere?
Alto