1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alexfin

    alexfin Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno, a Dicembre 2011 ho acquistato un appartamento in un nuovo condominio di 5 appartamenti (l’agibilità risale al mese precedente). Il costruttore ha tenuto uno degli appartamenti e ora chiede agli altri condomini la partecipazione alle spese del primo collaudo dell’ascensore.
    Ora mi domando se detta spesa non rientra tra quelle che avrebbe dovuto sostenere in quanto costruttore per consegnare l’impianto funzionante e a norma di legge [​IMG]? in caso affermativo esiste una legge da citare in assemblea in modo da convincere tutti in merito?
    Vi chiedo inoltre, non avendo esperienza in materia di condomini, se in futuro tutte le spese (manutenzione ordinaria e straordinaria, bollette etc) dovranno essere ripartite in base alle tabelle millesimali oppure se qualcosa non rientra.
    Vi ringrazio per la risposta
    alessia
     
  2. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Le spese per il collaudo dell'impianto fanno ovviamente carico a chi ti ha promesso di venderti un immobile dotato di ascensore.
    A te faranno carico, pro-quota, le spese di manutenzione ordinaria, ma non certo quelle di collaudo.
    Non c'è una norma specifica per l'ascensore, ma ci sono i principi base di Diritto , oer la serie : chi ti promette la vendita di un impianto fruibile (quale che sia) ...deve dartelo per l'appunto "fruibile" a norma di legge, e non "da collaudare"! (Sin quando è "da collaudare...NON è fruibile!!!)

    Per la seconda domanda non ho capito se parli ancora del solo ascensore o di tutto il resto.
    Nel primo caso è certamente da ripartire per tabelle tutta la manutenzione generale (sia ordinaria che straordinaria), salvo che non si generino spese assolutamente personali (il caso tipico è quello di chi...fa cadere le chiavi di casa o dell'auto nella fossa ascensore: chiaro che il Tecnico che viene chiamato per recuperarle vada pagato da chi ha fatto cadere le chiavi nella fossa.);)
     
    A Allure e STUDIO MAROCCO piace questo messaggio.
  3. alexfin

    alexfin Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta alla prima domanda. Nella seconda parlavo in generale: per qualsiasi spesa che il condominio dovrà sostenere(bollette, manutenzione ordinaria, straordinaria etc) si farà riferimento alle tabelle millesimali e ogniuno pagherà pro quota? grazie
     
  4. alexfin

    alexfin Membro Junior

    Privato Cittadino
    chiedo scusa, volevo scrivere ... "ognuno" ...senza i ....:^^:
     
  5. alexfin

    alexfin Membro Junior

    Privato Cittadino
    velevo scrivere ... "ognuno" senza i ....:^^:
     
  6. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Ok!
    Sì : la stragrande maggioranza delle spese dovrè senza debbio seguire il riparto per Tabelle.
    Resta semore inteso che :
    - potranno esserci spese INDIVIDUALI : se, per esempio, l'amm.re intrattiente una corrispondenza particolare con te, per problematiche individuali tue, è ovvio che le spese di questa corrispondenza saranno "individuali" e non "pro-quota fra tutti";
    - potranno esserci spese divise per "parrti uguali" : il tipico esempio è il caso del cambio delle terghette nella pulsantiera citifonica : le tagrhette sono uguali per tutti, ed è giusto che ciascuno paghi la propria! ;)
     
    A STUDIO MAROCCO piace questo elemento.
  7. Allure

    Allure Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    a proposito di costi del collaudo dell' ascensore.....
    se l' ascensore viene collaudato dopo 4-5 anni dalla fine lavori di costruzione....i costi sono sempre a carico della ditta costruttrice e venditrice?
    c'è un tempo limite entro il quale la ditta è responsabile dei costi del collaudo?
    grazie :amore:
     
  8. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Se la fornitura dell'impianto era prevista come dotazione dell'immobile compravenduto, sì Allure.
    E' vero che tutti i diritti e le azioni henno hanno dei tempi per essere esercitati , ma è pur vero che le contestazioni formali e tempestive interrompono questi termini.
     
  9. Allure

    Allure Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    grazie di cuore donatella :amore:
    e se mi permetti amplio un attimo l' argomento....
    l' ascensore di cui parlavo è in una palazzina di 7 appartamenti di cui 3 invenduti per cui (visti i costi di manutenzione e alimentazione) in assemblea condominiale si è deciso di aspettare.......
    se nessuno (anche dopo che tutti gli appartamenti sono stati venduti) è interessato all' attivazione (anche perchè sono solo due piani), è possibile lasciarlo inattivo fino a data da destinarsi in base alle necessità dei condòmini?
    ipotizziamo che ne sorga la necessità fra 15 anni....probabilmente dopo tanto tempo l' ascensore avrà dei problemi legati all' inattivittà che forse non potremo attribuire alla ditta costruttrice....
    per cui mi chiedo (anche perchè non conosco i costi di gestione di un ascensore) cosa è consiglaibile fare? porci comunque un termine o aspettare?
    e come fare per interrompere i termini di scadenza contrattuale con la ditta costruttrice?

    non sono una esperta in materia, per cui spero vogliate scusarmi se non sono abbastanza comprensibile....:confuso:
     
  10. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Il collaudo ed il mantenimento in esercizio, carissima Allure, sono però due cose ben diverse.
    Il collaudo è l'atto con il quale (semplicemente) si certifica che l'ascensore è idoneo a funzionare e che , quindi , PUO' funzionare.
    Questo è comunque opportuno averlo, e subito, dal venditore che lo ha promesso in contratto.
    Il funzionamento dell'impianto, invece, può tranquillamente essere interrotto , anche a tempo indterminato e sino al determinarsi di nuove esigenze, per volontà dei proprietari. Su questo secondo punto, mi permetto, attenzione a due elementi:
    1) far funzionare o meno l'impianto NON è una decisione che sia legittimamente adottabile a maggioranza assembleare : basta UN solo condòmino che lo voglia in funzione...ed ha tutto il diritto di vederlo funzionare (avendo acquistato un immobile CON ascensore);
    2) tener fermo un impianto qualunque, e questo in particolare, ...non porta mai niente di buono! Posso assicurarti che in qualche piccolo condominio ancora parzialmente invenduto...gli ascensori hanno problemi continui proprio a causa del pochissimo uso, e ...l'inerzia totale può essere solo peggio!

    D'altra parte: i prezzi delle Ditte Manutentrici restano ancora molto variabili, però sono sempre in rapporto al numero delle fermate, e ...in una palazzina di due piani non possono essere particolarmente preoccupanti. ;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina