• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

SardoSardo

Membro Junior
Privato Cittadino
Buonasera a tutti,

ho bisogno del parere di qualcuno di voi.

Si tratta di una locazione commerciale. Il 31 gennaio scade il contratto (6+6). Io sono il conduttore proprietario.

Il contratto in questione stipulato il 1° febbraio 2005 è stato rinnovato una volta e regolarmente disdettato nel 2015, abbondantemente prima della scadenza (circa 15 mesi prima) e con la stessa lettera è stata proposta la stipula di un nuovo contratto e con un aumento del canone di locazione.

Il locatore ha accettato e siamo rimasti d’accordo che con incontri successivi avremo discusso gli altri requisiti del contratto.

Ad aprile 2016 è stata inviata una mail con bozza del contratto inviata da mio figlio, alla quale non ho ricevuto alcuna risposta.

A luglio 2016, quindi, ho inviato una raccomandata a nome mio, con bozza del nuovo contratto e con copia dell’APE. Anche in questo caso non ho ricevuto alcuna risposta.

Quindi, il 20 gennaio ho chiamato il locatore ricordandogli che il 31 scadeva il contratto e mi ha detto di rimandarglielo per mail. Lo stesso giorno, telefonicamente abbiamo pattuito che il contratto, a differenza della bozza, che prevedeva un inizio dal 6 febbraio 2017, sarebbe partito dal 1° febbraio 2017.

Quando gli ho detto che nonostante ci fosse stata continuità tra i due contratti avrebbe dovuto comunque restituire le chiavi e io allo stesso tempo restituire la cauzione che versò nel 2015 più gli interessi legali e che poi per riavere le chiavi avrebbe dovuto versare una nuova cauzione adeguata al nuovo canone del nuovo contratto è stato un po’ scontroso perché secondo lui non c’era bisogno.

Io ho intenzione di fare le operazioni di chiusura del vecchio contratto e quelle di stipula del nuovo contratto, lo stesso giorno. Va bene?

Ho rispedito via mail una nuova bozza del contratto con data inizio del contratto al 1° febbraio, ma ad oggi, il locatore non si è fatto sentire.

Inoltre, mi chiedo:

  1. Se non si dovesse fare sentire per la stipula del nuovo contratto e per tutti gli altri adempimenti, cosa devo fare? Lo richiamo in questi giorni? Ho l’idea che voglia fare il furbo e che a febbraio paghi l’importo del nuovo canone ma senza firmare il nuovo contratto.

  2. E’ possibile fare le operazioni di chiusura del vecchio contratto e di apertura del nuovo contratto, ad esempio, il 5 o 10 febbraio? Cioè in data successiva alla data di chiusura del vecchio (31 gennaio) e alla data di inizio del nuovo (1° febbraio).
Non ho parlato del punto di vista fiscale ma so che avremo da sistemare pure la situazione con l’Agenzia delle Entrate.

Ringrazio tutti per l’attenzione.
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Potete fare tutto anche qualche giorno dopo al 1° febbraio. Avete 20 giorni di tempo per chiudere il contratto, ma direi che in questo caso non serve fare nulla perchè scadrà normalmente al 31.01.2017 per finita locazione.
Quindi dovete solo stipulare il nuovo contratto e registrarlo (entro 30 giorni).
Non è necessario che il conduttore ti consegni le chiavi, così come non è necessario che tu gli restituisca il precedente deposito cauzionale e lui ti versi il nuovo (a meno che non si stia parlando di una somma ingente). E' sufficiente che nel chiudere il vecchio contratto firmiate una dichiarazione liberatoria nella quale dite che il deposito cauzionale e relativi interessi sono stati restituiti e pagati. Poi nel nuovo contratto specificate che il deposito cauzionale è stato versato. Ripeto se sono somme di piccola entità potete fare figurare che siano passate di mano in contanti. Diversamente meglio emettere assegno di restituzione con tanto di interessi e rivere assegno per il nuovo deposito.
 

elisabettam

Membro Senior
Agente Immobiliare
Potete fare tutto anche qualche giorno dopo al 1° febbraio. Avete 20 giorni di tempo per chiudere il contratto, ma direi che in questo caso non serve fare nulla perchè scadrà normalmente al 31.01.2017 per finita locazione.
Quindi dovete solo stipulare il nuovo contratto e registrarlo (entro 30 giorni).
Non è necessario che il conduttore ti consegni le chiavi, così come non è necessario che tu gli restituisca il precedente deposito cauzionale e lui ti versi il nuovo (a meno che non si stia parlando di una somma ingente). E' sufficiente che nel chiudere il vecchio contratto firmiate una dichiarazione liberatoria nella quale dite che il deposito cauzionale e relativi interessi sono stati restituiti e pagati. Poi nel nuovo contratto specificate che il deposito cauzionale è stato versato. Ripeto se sono somme di piccola entità potete fare figurare che siano passate di mano in contanti. Diversamente meglio emettere assegno di restituzione con tanto di interessi e rivere assegno per il nuovo deposito.
fa fatta la risoluzione all'agenzia delle entrate

fa fatta la risoluzione all'agenzia delle entrate
scusa mi sono confusa
 
Ultima modifica di un moderatore:

Luna_

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
concordo....restituzione chiavi,caparra,attesa giorni x il nuovo. non è necessario. nuovo contratto e registrazione.
 

SardoSardo

Membro Junior
Privato Cittadino
Potete fare tutto anche qualche giorno dopo al 1° febbraio. Avete 20 giorni di tempo per chiudere il contratto, ma direi che in questo caso non serve fare nulla perchè scadrà normalmente al 31.01.2017 per finita locazione.
Quindi dovete solo stipulare il nuovo contratto e registrarlo (entro 30 giorni).
Non è necessario che il conduttore ti consegni le chiavi, così come non è necessario che tu gli restituisca il precedente deposito cauzionale e lui ti versi il nuovo (a meno che non si stia parlando di una somma ingente). E' sufficiente che nel chiudere il vecchio contratto firmiate una dichiarazione liberatoria nella quale dite che il deposito cauzionale e relativi interessi sono stati restituiti e pagati. Poi nel nuovo contratto specificate che il deposito cauzionale è stato versato. Ripeto se sono somme di piccola entità potete fare figurare che siano passate di mano in contanti. Diversamente meglio emettere assegno di restituzione con tanto di interessi e rivere assegno per il nuovo deposito.
Non sono somme di piccola entità, quindi, salvo imprevisti, faremo il verbale per ogni operazione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto