1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Dario1990

    Dario1990 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve,
    Ho una perplessità sulla seguente questione:
    Ho acquistato un terreno da meno di un anno, l'accesso è pedonale e carrale (sia automobili che automezzi pesanti) ma la strada risulta di circa 2.60 m in un punto(lungo circa 8 metri). Più avanti la stessa strada si allarga a circa 4m e serve altri terreni (agricoli). Il notaio mi fece notare che la cosa era strana (un restringimento all'ingresso per poi aumentare la strada consorziale a 4m non era logico) ma al momento non ci feci caso. Iniziando ad utilizzare il fondo incominciai a capire che era scomoda una strada del genere e un vicino mi ha riferito che la strada doveva essere più grande, ma il proprietario sotto la ristretta recintando ciò che non gli spettava. Ho chiesto l'atto di vendita del proprietario precedente e indica che la strada è 4 metri in tutta la sua lunghezza. Per conferma ho controllato le mappe catastali e anche in questo caso il restringimento non deve esserci. Ho visto il proprietario colpevole della restrizione e sorpreso mi ha riferito che più di 20 anni che la situazione è quella. Ci siamo dati appuntamento in settimana.
    Vorrei sapere se lui ha o meno diritto a quel pezzo, rendendo di fatto la strada inutilizzabile per i camion, e quindi andando contro l'atto notarile e la stessa mappa che prevede confini differenti. Oppure lui nonostante il tempo debba rispettare le dimensioni dell' accesso.
    Ringrazio in anticipo.
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Per avere l'usucapione bisogna fare una causa, non è che si usucapisce così, per sentito dire....
     
    A Rosa1968 e studiopci piace questo messaggio.
  3. Dario1990

    Dario1990 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Si,ma se si va in causa, chi avrebbe ragione e chi torto?
    Un confinante può recintare non rispettando i confini e dopo vent'anni pretendere di essere padrone?
    Inoltre in questo caso si tratta di una strada privata consorziale, di accesso a 3 fondi, che passa da 4 a 2.6 metri.
    Ringrazio per l'attenzione.
     
  4. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Gli altri proprietari sono rimasti inerti per vent'anni?
     
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non sono un tecnico, quindi preferisco che intervenga qualcuno specializzato in materia.

    In linea generale, no, non credo che sia normale e nemmeno che possa vincere la causa, nel caso venisse intentata.
     
    A studiopci e Dario1990 piace questo messaggio.
  6. Dario1990

    Dario1990 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Gli altri proprietari avevano anche altri accessi ai fondi e quindi non si sono mai interessati alla strada in questione. La larghezza della strada è citata sull'atto di compravendita del precedente proprietario (anno 1973), il quale non so per quale motivo non ha verificato che la larghezza fosse quella corretta e che venisse mantenuta nel tempo. Senza l'atto mi risultava difficile capire la vera natura della strada (accesso carrale con auto e autocarri pesanti) ne tantomeno la vera larghezza della strada, infatti guardando la mappa catastale (scala 1:500 ) ho notato l'abuso ma non potevo quantificarlo con precisione).
    Ora quindi mi trovo di fronte alla spinosa questione da risolvere. Io come nuovo proprietario sono venuto a conoscienza ora dell'abuso, che corrisponde a una piccola striscia di terreno della larghezza di circa 1.4 m per 8 m che è stata sottratta a me e ad altri cointestati, rendendo l'unico mio accesso al fondo impraticabile ad automezzi pesanti, come invece è specificato sull'atto. Per capire meglio allego una foto del pezzo di strada in questione, da mappe e atto il suo confine è a filo del tetto della sua "casa", in realtà nel recintare si è spinto ben oltre.

    Ringrazio per la gentile attenzione image.jpg
     
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Domanda quel pezzo di terreno recintato e' visibile dalla pubblica strada?
     
  8. Dario1990

    Dario1990 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Si, è la parte iniziale della strada privata che da direttamente su una piccola piazza (dove si notano ciotoli bianchi), decentrata rispetto alla via di paese.
     
  9. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Se la cosa non si risolve in tal senso nei primi contatti, per quel che mi risulta, dei tre seguenti modi di procedere che mi sembrano possibili: legale, transattivo e misto, sceglierei la mediazione, anche se ultimamente non più obbligatoria.
    Questa infatti pure non essendo molto competente in diritto, potrebbe essere la sede poco costosa per trovare un accordo sulla base per esempio di una tua offerta od altro. La competenza in diritto la recupererei facendomi assistere da un Avvocato di tua fiducia.
    Secondo me le strade di accesso sono importanti, per l'apprezzamento del bene e non trascurerei questo aspetto.
    Tecnicamente hai il diritto all'accesso da parte dei mezzi di soccorso compresa l'autobotte dei VV.F. ed all'accesso pedonale anche da parte di portatore di handicap separato da quello veicolare, tanto più se si tratta, come mi sembra, di centro abitato. Poi il vivere civile di oggi comporta anche l'uso di camion per traslochi, forniture, lavori ed altro. Cioè l'azione del proprietario che ha ristretto la strada non è una cosa asettica ed astratta, ma si configura come una proposta di ritorno al Medioevo in contrasto con i contratti originari.
    Se la mediazione non dovesse andare a buon fine, potrebbe comunque risultare un momento chiarificatore per le tue decisioni successive.

    Un saluto ai lettori della discussione
     
    Ultima modifica: 11 Agosto 2014
  10. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ciao @Dario1990 ,
    ti dico cosa ne penso.
    Il proprietario della casa che ha preso possesso di parte della strada privata, secondo me, ne ha usucapito la proprietà.

    Da quanto tu hai scritto la recinzione della porzione di terreno in oggetto è stata realizzata da più di 20 anni. Si tratta di una delimitazione che i legittimi proprietari, compreso colui che ti ha venduto casa, avrebbero potuto benissimo contestare invece di disinteressarsene. Ne si può dire che la recinzione del terreno a seguito del disinteresse dei suoi comproprietari possa annoverarsi nei casi di mera tolleranza.

    il fatto che ancora non ci sia stata una pronuncia del giudice, non cambia le cose dal punto di vista pratico.
    L'intervento del giudice ha il compito di appurare che le condizioni stabilite dalla legge per la determinazione del diritto si siano realizzate (continuità, non interruzione, inequivocità...) e di assicurare la regolarizzazione del titolo di proprietà.

    Tra le altre questioni, tu, come ultimo arrivato, avresti molta difficoltà a mettere in discussione l'acquisizione del diritto di usucapione senza l'intervento dei vicini e dell'ex-proprietario.

    Quindi, come prima cosa, io parlerei con gli altri comproprietari della strada e con l'ex proprietario di casa, per capire in che direzione volgerebbe un loro eventuale coinvolgimento.
     
  11. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Salve la strada in questione è l' unico accesso per te alla tua proprietà ? Perché in questo caso c'è la servitù di passaggio e non potrebbe usucapire o comunque dovrebbe lasciarti l'accesso.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina