1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. 14alex1989

    14alex1989 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve mi chiamo Alexandra, 4 anni fa ho ricevuto in donazione da mia nonna alcuni beni immobili e siccome ora vivo all'estero vorrei venderli in quanto sono solo una spesa.
    Mi chiedevo se li vendessi ora che mia nonna è ancora viva che problemi potrebbero esserci anche con una donazione IRREVOCABILE, questo c'è scritto sull'atto di proprietà... e se invece di venderla a uno sconosciuto la vendessi a mio marito e a sua volta lui la vendesse a qualcun'altro potrebbero esserci comunque problemi riguardo un'eventuale rivalsa da parte di altri eredi che non si sono ancora fatti avanti, e se così fosse c'è un tempo massimo in cui questi eredi hanno il diritto a fare un ricorso se venissero a sapere della vendita?? Ultima domanda, in ambito di tempistiche e a livello economico quanto costerebbe a un erede eventuale fare ricorso per rendere nulla la vendita? spero qualcuno bene informato al riguardo mi possa rispondere al più presto
    grazie mille a tutti
     
  2. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Tutte le donazioni in teoria sono irrevocabili salvo oneri o patti annessi alla medesima che non vengono rispettati dal donatario. I casi di revoca sono soltanto quelli espressamente previsti dal codice civile che per brevità non ti elenco. Se vuoi fai ricerca. Ma non rientrano nel tuo caso assolutamente. Però é prassi molto diffusa primadi tvendere effettuare un atto di retrocessione da donazione proprio nel caso di vendita per i problemi che essa appunto apporta in tale fase. Il bene rientra nella proprietà del donante e sarà il medesimo colui che vende. Il problemi che tu esponi si manifesta o entro 20 anni dalla donazione o entro 10 anni dalla morte del donante qualora i primi non fossero spirati. Il problema Riguarda possibili rivendicazioni di legittima degli altri eredi.ma la lesione di legittima la si vede solo all' apertura della successione e dopo un procedimento fatto di calcoli ben precisi. Qualora chi acquista non ha a che fare con le banche può tranquillamente acquistare. Ma i termini che ti ho indicato valgono ugualmente. Il particolare sta nel fatto che l'azione di restituzione ha ripercussioni sull' acquirente solo se nel patrimonio del donatario non si rinvengono beni sufficienti a soddisfare le pretese vittoriose del legittimario leso.
     
    A 14alex1989 piace questo elemento.
  3. alexbgd

    alexbgd Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    .....e se invece di venderla a uno sconosciuto la vendessi a mio marito e a sua volta lui la vendesse a qualcun'altro potrebbero esserci comunque problemi riguardo un'eventuale rivalsa da parte di altri eredi che non si sono ancora fatti avanti....
    Fare diversi passaggi non anula effetto " donazione" . 20 anni dalla sottoscrizione o 10 anni dalla morte del donante.
     
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Tecnicamente la risposta della @Luna_ e' molto corretta ed esaustiva.

    Tuttavia "leggendo tra le righe" nel tuo quesito, ritengo "diversa", la risposta che cercavi.

    La circostanza del riferimento ad un doppio passaggio, "quello col marito", lascia intendere che sono possibili i rischi, di contese con altri coeredi.

    Rischi che dovete allontanare.

    La donazione, pregiudichera' gravemente il "giusto scambio" di denaro, nella tua compravendita.

    Salvo rari istittuti di credito, che concedono finanziamenti sui "donati", chi acquista in questo regime, potra' farlo solo con capienze di denaro proprie.

    Se facciamo un paragone,

    Dicendo che gli atti di provenienza, i suoi successivi passaggi di diritto e o proprieta', sono come una catena;

    Dove ogni anello, contribuisce a comporla, chiudendosi e saldandosi con se stesso;

    Ecco.

    Quando si arriva a quell'anello, la donazione, ovvero a Te, quell'anello della catena, non si e' chiuso.

    Lasciando quella catena in assetto precario.

    Devi annullare la donazione, saldando la catena.
    Stando accorta a "mantenerla in pugno".

    Procedendo, muovendoti nel normale "terreno da giuoco" degli atti "inter vivos".

    Nel contesto di atto tra vivi, ti muoverai procedendo nella vendita, con icisivita', in tutta garanzia e sicurezza.

    Allargando la rosa dei probabili acquirenti.

    Mantenere quel "vulnus" nella tua catena invece, ti mettera' in una posizione di svantaggio, nei confronti dell'acquirente.

    Quel cliente che ha soldi propri per acquistare, "tirera' il collo", al saldo prezzo offerto, ammesso che intanto che vendi, ne troverai uno.

    Ma pure i rischi, portati da quegli altri contendenti, che fino a poco tempo prima potevano solo guardare, potrebbero trovare efficacia, nella loro insidia.

    Ora,

    Non conosco il vostro "asset" ereditario, ma in linea generale, se e quando tua nonna dovesse venire a mancare, cambierebbe lo scenario del giuoco.

    Dalla "mortis causa", infatti, potrebbero fare il loro ingresso nel "terreno di giuoco", altri successori coeredi.

    Quindi come bene ha spiegato la collega luna, ci si muove nell'ambito della successione.

    Non necessariamente, per insidiare i tuoi interessi, a questi successori - coeredi, serve contestare o vantar diritto su quegli stessi immobili, che tua nonna solo a te ti ha lasciato.

    Potrebbe infatti, accadere di ritrovarsi coeredi, su diritti di altri immobili, per cui il defunto non ha lasciato disposizioni.

    Anche piccole quote di comproprieta' possono risultare fatali.

    In quegli atti di compravendita cosi' cointestati, uno dei "tradizionali trucchetti " e' quello che vede i coeredi rifiutarsi improvvisamente di firmare il rogito con l'acquirente.

    Lasciando nel dilemma la malcapitata coerede, nella sua scelta:

    Restituire il doppio della caparra a quell' acquirente, oppure decidere di venire a piu' miti consigli, per quelle parti di proprieta' che la nonna, lascio' solo a Lei.

    Comincia a mettere in vendita.

    Poi vai da un buon notaio.

    Ti occorono 3 o 4 k euro per un lavoro fatto bene che ti ponga lontano dai rischi.
     
    Ultima modifica: 27 Novembre 2015
    A Bagudi e Luna_ piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina